adv-406
<< ESTERI

Taiwan contro le importazioni di carne di maiale dagli Stati Uniti

| 22 Novembre 2020 | ESTERI

Migliaia di persone in marcia per le strade di Taipei chiedendo l’annullamento della decisione di consentire l’importazione di carne di maiale dagli Stati Uniti a Taiwan, accusando problemi di sicurezza alimentare.

L’amministrazione del presidente Tsai Ing-wen ha revocato un divieto di lunga data sulle importazioni di carne di maiale e manzo dagli Stati Uniti ad agosto, in una mossa vista come uno dei primi passi verso la possibile negoziazione di un accordo commerciale bilaterale con gli Stati Uniti. Il divieto dovrebbe essere revocato a gennaio.

Quella decisione ha incontrato una feroce opposizione, sia da parte del partito di opposizione Kuomintang che dei singoli cittadini. La nuova politica consente l’importazione di carne suina con residui accettabili di ractopamina, un farmaco aggiunto all’alimentazione animale che favorisce la crescita della carne magra che alcuni allevatori utilizzano nei suini.

Il farmaco è vietato dall’Unione Europea, ma è legale negli Stati Uniti.

I manifestanti hanno marciato davanti all’edificio degli uffici presidenziali come parte di una marcia annuale dei lavoratori.

“Sono venuto qui oggi per oppormi all’importazione di ractopamina”, ha detto Kelvin Chen, un ingegnere informatico di 54 anni che stava marciando. “Sento che oggigiorno molti di coloro che fanno affari non sono etici. Se mescolano la carne di maiale degli Stati Uniti con quella di Taiwan e poi la vendono a noi consumatori medi, noi come individui non abbiamo modo di conoscere l’origine della carne di maiale “.

“Ho un figlio e quando mangiamo cose con ractopamina, non fa bene al nostro corpo”, ha detto Jacky Tsui, un operaio di 37 anni. “Spero che il governo possa vedere che noi cittadini ci opponiamo”.

TAG: maiale, manifestanti, Taiwan, Tsai Ing-wen, USA
adv-980
Articoli Correlati