adv-950
<< CRONACA

L’ONU avverte: carestia in aumento in molti paesi a rischio

| 8 Novembre 2020 | CRONACA

Un nuovo rapporto di due agenzie delle Nazioni Unite avverte un aumento di carestia in tre stati africani dilaniati dal conflitto e dello Yemen, e un alto rischio di fame in altri 16 paesi.

L’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e il Programma alimentare mondiale (WFP) hanno avvertito che “una combinazione tossica di conflitto, declino economico, condizioni climatiche estreme e la pandemia COVID-19 sta portando le persone nella fase di emergenza dell’insicurezza alimentare”.

Le agenzie hanno puntato i riflettori su Burkina Faso, Nigeria nord-orientale, Sud Sudan e Yemen, tutti alle prese con livelli crescenti di fame acuta con potenziale rischio di carestia.

adv-309

Emettendo “un forte avvertimento” nella loro Analisi di allerta precoce sugli hotspot di insicurezza alimentare acuta, le agenzie hanno affermato che i quattro paesi hanno aree che potrebbero presto cadere nella carestia.

Alcune parti della popolazione “stanno già vivendo una situazione di fame critica”, per cui qualsiasi riduzione dell’accesso umanitario potrebbe portare a un rischio di carestia, hanno detto.

Altri 16 stati sono “ad alto rischio di aumento dei livelli di fame acuta”, affermano le agenzie.

Questi paesi sono Venezuela, Haiti, Etiopia, Somalia, Camerun, Repubblica Centrafricana, Mali, Niger, Sierra Leone, Repubblica Democratica del Congo (DRC), Mozambico, Zimbabwe, Sudan, Libano, Siria e Afghanistan.

Nel caso della RDC, circa 22 milioni soffrono di insicurezza alimentare, “il numero più alto mai registrato per un singolo paese”.

Le agenzie hanno affermato che la crisi sanitaria globale, le condizioni meteorologiche estreme e il conflitto hanno esacerbato la fame.

Solo un’azione rapida potrebbe evitare un primo focolaio di carestia dal 2017, che ha colpito parti del Sud Sudan, hanno detto.

“Questo rapporto è un chiaro invito all’azione urgente”, ha detto Dominique Burgeon, direttore delle emergenze e resilienza della FAO.

“Siamo profondamente preoccupati per l’impatto combinato di diverse crisi che stanno erodendo la capacità delle persone di produrre e accedere al cibo, lasciandole sempre più a rischio della fame più estrema”.

“Siamo a una svolta catastrofica”, ha detto Margot van der Velden, direttore delle emergenze del PAM.

Notando che circa 260.000 persone sono morte in una carestia del 2011 in Somalia, ha detto semplicemente: “Non possiamo lasciare che ciò accada di nuovo. Abbiamo una scelta netta; un’azione urgente oggi o una perdita di vite irragionevole domani”.

TAG: carestia, conflitti, fame nel mondo, FAO, Onu, WFP
adv-869
Articoli Correlati