martedì, Ottobre 20, 2020
Home ESTERI Azerbaigian-Armenia si accusano per i nuovi attacchi in Nagorno-Karabakh

Azerbaigian-Armenia si accusano per i nuovi attacchi in Nagorno-Karabakh

-

L’Azerbaigian e l’Armenia si accusano a vicenda sui nuovi attacchi, ulteriori indicazioni che la violenza è aumentata nella contesa regione del Nagorno-Karabakh in violazione a una tregua mediata dalla Russia entrata in vigore una settimana fa.

Le autorità dell’Azerbaigian hanno riferito che un attacco missilistico armeno alla città di Ganja ha ucciso almeno 13 persone e ne ha ferite altre 50 nelle prime ore di sabato, mentre l’Armenia ha accusato l’Azerbaigian di ulteriori bombardamenti.

Il ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha detto che le città di Ganja e Mingachevir sono state colpite da missili lanciati da due località in Armenia.

Secondo fonti ufficiali in Azerbaigian, gli attacchi missilistici di sabato hanno distrutto almeno 20 edifici residenziali a Ganja, la seconda città più grande del Paese.

Il ministero della Difesa armeno ha negato di aver effettuato gli attacchi e ha accusato l’Azerbaigian di continuare a bombardare le aree popolate del Nagorno-Karabakh, inclusa la sua città più grande, Stepanakert.  

Il ministero degli Esteri armeno ha detto che tre civili sono rimasti feriti in un incendio derivante dagli attacchi dell’Azerbaigian.

L’Armenia ha anche accusato l’Azerbaigian di far volare droni sugli insediamenti armeni, attaccare installazioni militari e danneggiare infrastrutture civili.

Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, nel frattempo, ha chiesto sabato un immediato cessate il fuoco umanitario, dichiarando in una dichiarazione che i bambini sono stati uccisi, feriti e sfollati dai combattimenti, costringendoli a sopportare settimane di “trauma psicologico estremo e angoscia”.

I bambini, le famiglie e le strutture civili da cui dipendono devono essere protetti, in linea con i diritti umani internazionali e il diritto umanitario. Una completa cessazione delle ostilità è nel migliore interesse di tutti i bambini”, afferma la dichiarazione.

I combattimenti in corso tra l’Azerbaigian e l’Armenia sono scoppiati il ​​27 settembre e hanno ucciso centinaia di persone, segnando la più grande escalation del conflitto decennale nella regione separatista del Nagorno-Karabakh dal cessate il fuoco del 1994.

Il territorio prevalentemente etnico armeno ha dichiarato la sua indipendenza dall’Azerbaigian nel 1991 durante il crollo dell’Unione Sovietica, innescando una guerra che ha causato la morte di ben 30.000 persone prima del cessate il fuoco del 1994. Tuttavia, tale indipendenza non è riconosciuta a livello internazionale.

4,102FansLike
1,168FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Conte: Manovra per ridare fiducia. Gualtieri: Assegno unico fino a 200...

0
La manovra "ha due obiettivi, sostegno e rilancio dell'economia, abbiamo elaborato un progetto che guarda a restituire fiducia e sviluppo al paese". Così il...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...