martedì, Ottobre 20, 2020
Home ESTERI Non si arrestano gli scontri tra Azerbaijan e Armenia

Non si arrestano gli scontri tra Azerbaijan e Armenia

-

I pesanti combattimenti tra le forze armene e azerbaigiane per la regione separatista del Nagorno-Karabakh continuano per il quarto giorno consecutivo, con dichiarazioni di entrambe le parti che indicano che la riacutizzazione di un conflitto vecchio di decenni che da domenica ha già ucciso decine di persone.

Il presidente dell’Azerbaigian ha affermato che il ritiro dell’Armenia dal Nagorno-Karabakh è l’unica condizione per porre fine ai combattimenti sul territorio separatista. Funzionari armeni hanno affermato il coinvolgimento della Turchia nel rinnovato conflitto e hanno affermato che le azioni del suo vicino “ostacolano gli sforzi della comunità internazionale per porre fine alle ostilità”. 

Incontrando i militari feriti, il presidente dell’Azerbaigian Ilkham Aliyev ha detto che l’Armenia deve “lasciare incondizionatamente, completamente e immediatamente” il Nagorno-Karabakh, che si trova all’interno dell’Azerbaigian ed è sotto il controllo delle forze etniche armene appoggiate dal governo armeno dal 1994.

“Se il governo dell’Armenia adempirà alle richieste, i combattimenti cesseranno, il sangue non verrà più versato, ci sarà la pace”, ha detto Aliyev dall’agenzia di stampa di stato russa Tass. “L’Azerbaigian sta ripristinando la sua integrità territoriale e abbiamo tutto il diritto di farlo”.

Lo scenario delineato dal leader azero è in contrasto con il punto di vista dell’Armenia sulla fine della crisi. La dichiarazione di Aliyev è arrivata il giorno dopo che il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha affermato che “l’aggressione dell’Azerbaigian contro il Nagorno-Karabakh e l’Armenia” doveva finire prima che si potesse raggiungere un compromesso. 

Pashinyan ha anche affermato che l’Armenia potrebbe riconoscere il Nagorno-Karabakh come indipendente, una mossa che potrebbe ulteriormente interferire con una potenziale soluzione della controversia.

Armenia e Azerbaigian sono state bloccate per decenni in un conflitto sul Nagorno-Karabakh, dove è stata combattuta una guerra separatista all’inizio degli anni ’90 fino a tre anni dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica.

La regione nelle montagne del Caucaso di circa 4.400 chilometri quadrati, all’incirca le dimensioni dello stato americano del Delaware, si trova a 50 chilometri dal confine armeno. 

I soldati sostenuti dall’Armenia occupano la regione e alcuni territori azeri al di fuori di essa.

Mercoledì i combattimenti sono continuati nonostante le ripetute richieste di cessate il fuoco da tutto il mondo. Secondo i funzionari del Nagorno-Karabakh, 104 militari e diversi civili dalla loro parte sono stati uccisi dallo scoppio dei combattimenti domenica. I funzionari azeri non hanno fornito dettagli sulle sue vittime militari, ma hanno detto che 14 civili sono stati uccisi e 46 feriti.

Il conflitto si è intensificato martedì, con l’Armenia che ha affermato che un caccia F-16 turco ha abbattuto un SU-25 nello spazio aereo armeno, uccidendo il pilota. 

La Turchia, che si è schierata con l’Azerbaigian nella disputa, ha negato queste affermazioni, e così ha fatto l’Azerbaigian.

Hikmet Hajiyev, un aiutante del presidente azero Ilkham Aliyev, ha detto ai giornalisti in teleconferenza mercoledì che l’incidente ha coinvolto due aerei armeni SU-25 che, secondo quanto riferito, si sono schiantati contro una montagna, piuttosto che un F-16 che abbatteva un SU-25.

Mercoledì l’Armenia ha continuato a sostenere che la Turchia fosse coinvolta nel conflitto, affermando che droni e F-16 turchi venivano utilizzati in Nagorno-Karabakh. 

Il ministero degli Esteri dell’Armenia ha chiesto “il ritiro immediato delle forze armate turche, compresa l’aeronautica militare, dalla zona di conflitto”.

“Le azioni provocatorie delle forze armate turche minano seriamente la sicurezza regionale e ostacolano gli sforzi della comunità internazionale per porre fine alle ostilità”, si legge in un comunicato del ministero.

Il ministero della Difesa turco ha respinto le affermazioni secondo cui gli aerei e i droni turchi sarebbero stati schierati per aiutare l’Azerbaigian come propaganda dell’Armenia. Il ministero ha detto che l’Armenia ha cercato di aumentare il sostegno internazionale “creando la percezione” che stesse combattendo la Turchia. 

Nel frattempo, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha detto che se l’Azerbaigian richiede assistenza, Ankara gliela fornirà.

“Abbiamo detto che se l’Azerbaigian vuole risolvere questo problema sul campo, saremo al fianco dell’Azerbaigian. Se l’Azerbaigian fa una richiesta, faremmo il necessario. Ma vediamo che l’Azerbaigian ha una capacità sufficiente”, ha detto Cavusoglu all’agenzia di stampa Anadolu.

All’inizio di questa settimana, i funzionari armeni hanno anche affermato che la Turchia ha inviato combattenti dalla Siria in Azerbaigian. I funzionari turchi hanno respinto l’accusa e il presidente dell’Azerbaigian l’ha liquidata come “fake news”. 

Tuttavia, l’Osservatorio siriano per i diritti umani con sede in Gran Bretagna, un monitor della guerra dell’opposizione, ha detto che finora sono arrivati ​​in Azerbaigian circa 850 combattenti siriani e si prevede che altri centinaia arrivino lì nei prossimi giorni. Tre erano stati uccisi in combattimenti, hanno detto gli attivisti.

Mercoledì il ministero degli Esteri russo ha espresso preoccupazione per le notizie di “militanti di gruppi armati illegali, in particolare dalla Siria e dalla Libia” inviati nella zona di conflitto in Nagorno-Karabakh.

Il ministero non ha chiarito quale paese potrebbe aver inviato i combattenti o in quale paese i combattenti potrebbero essere arrivati, ma in una dichiarazione ha esortato “la leadership degli stati interessati a prendere misure efficaci per prevenire l’uso di terroristi e mercenari stranieri nel conflitto”. 

Nel frattempo, i funzionari europei stanno cercando di portare le parti opposte al tavolo dei negoziati.

Il presidente francese Emmanuel Macron, parlando a una conferenza stampa a Riga, in Lettonia, ha chiesto colloqui tra Francia, Russia e Stati Uniti, i tre paesi copresidenti del gruppo di Minsk, istituito nel 1992 dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa per risolvere il conflitto – per mediare. 

“Parlerò con il presidente Vladimir Putin e, penso, con il presidente Donald Trump per discutere e proporre una strategia di uscita dalla crisi”, ha detto Marcon.

Il presidente francese ha anche condannato i recenti commenti dalla Turchia come “sconsiderati e pericolosi” e si è detto “estremamente preoccupato per i messaggi belligeranti dalla Turchia nelle ultime ore”.

Il ministro degli esteri greco Nikos Dendias ha chiesto una riunione di emergenza dell’OSCE che includa l’Azerbaigian e l’Armenia per cercare di porre fine rapidamente alle ostilità sul Nagorno-Karabakh e la ripresa dei negoziati.

“L’escalation della tensione nel Nagorno-Karabakh ha un grave impatto sulla stabilità regionale”, ha detto Dendias e ha invitato la Turchia rivale regionale a porre fine alle azioni che intensificherebbero ulteriormente il conflitto.

4,102FansLike
1,168FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Conte: Manovra per ridare fiducia. Gualtieri: Assegno unico fino a 200...

0
La manovra "ha due obiettivi, sostegno e rilancio dell'economia, abbiamo elaborato un progetto che guarda a restituire fiducia e sviluppo al paese". Così il...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...