Celebrità americane corrompevano i college

Star, attrici e sportivi pagavano i college per far ammettere i loro figli

116

La star di “Full House” Lori Loughlin e il marito stilista, Massimo Giannulli, fondatore della nota casa di abbigliamento Mossimo, si sono dichiarati colpevoli di aver pagato mezzo milione di dollari per portare le loro due figlie all’Università della California del sud nell’ambito di un programma di corruzione per l’ammissione al college, ma un giudice non ha deciso se accetterà gli accordi che hanno stipulato con i pubblici ministeri.

La famosa coppia è apparsa su schermi separati durante la loro udienza video, entrambi seduti con un avvocato, non mostrando alcuna emozione mentre il procuratore ha dettagliato i loro crimini e non ha fatto commenti se non per rispondere alle domande del giudice distrettuale degli Stati Uniti Nathaniel Gorton.

In base agli accordi proposti, Loughlin, 55 anni, spera di passare due mesi in prigione e Giannulli, 56 anni, sta cercando di scontare cinque mesi.

Ma il giudice ha detto che deciderà se accettare le offerte dopo aver considerato il rapporto di presentazione, un documento che contiene informazioni sugli imputati e aiuta a guidare le decisioni di condanna.

Gorton non ha detto quando deciderà, ma ha programmato le udienze per la condanna per il 21 agosto.

Loughlin e Giannulli erano tra dozzine di genitori facoltosi, allenatori di atletica e altri accusati lo scorso anno nel regime di corruzione. I genitori hanno pagato bustarelle per portare i loro figli nelle migliori università con punteggi di test fasulli o false credenziali atletiche, hanno confermato le autorità.

I procuratori hanno annunciato venerdì che una persona è stata accusata e si dichiarerà colpevole per aver pagato 300.000 dollari per corrompere l’Università di Georgetown per ammettere suo figlio come giocatore di tennis.

Peter Dameris, 60 anni, di Pacific Palisades, California, si dichiarerà colpevole di cospirazione per frode, secondo l’ufficio del procuratore americano a Boston, che sta guidando il caso di ammissione. Non è stata programmata un’audizione.

Dameris, ex dirigente della società di servizi tecnologici ASGN Inc., è il 25 esimo genitore a dichiararsi colpevole.

Loughlin e Giannulli erano stati programmati per il processo in ottobre con l’accusa di aver portato le loro due figlie in USC come atlete dell’equipaggio, anche se nessuna delle due ragazze era una vogatrice.

I pubblici ministeri affermano di aver incanalato denaro attraverso una finta organizzazione benefica gestita dal consulente per l’ammissione al college Rick Singer, che si è dichiarato colpevole di aver orchestrato il piano.

I pubblici ministeri hanno registrato telefonate ed e-mail che mostrano che la coppia ha lavorato con Singer per portare le loro figlie nell’USC con falsi profili atletici che li ritraggono come rematori stellari. In una e-mail, Singer scrisse a Loughlin e Giannulli che aveva bisogno di una foto della loro figlia maggiore su un vogatore in abiti da allenamento “come un vero atleta”.

Giannulli ha risposto, secondo i documenti del tribunale: “Fantastico. Otterrà tutto” e ha inviato a Singer la foto.

I pubblici ministeri hanno anche presentato un curriculum fittizio all’USC che ha affermato falsamente la figlia minore, la star dei social media Olivia Jade, che ha gareggiato in prestigiose competizioni come il Capo del Carlo. Singer e l’ex allenatore che ha pagato per creare il falso profilo atletico di Jade stanno collaborando con gli investigatori e ci si aspettava che testimoniassero contro la coppia al processo.

Loughlin ha anche accettato di pagare una multa di 150.000 dollari ed eseguire 100 ore di servizio alla comunità. Giannulli ha accettato di pagare una multa di 250.000 dollari ed eseguire 250 ore di servizio alla comunità.

Loughlin si è dichiarato colpevole di cospirazione per aver commesso frodi via telefono e posta. Giannulli si è dichiarato colpevole di cospirazione per aver commesso frodi via telefono e posta e servizi pubblici. I pubblici ministeri hanno convenuto di respingere le accuse di riciclaggio di denaro e i programmi federali di corruzione che sono stati aggiunti dopo la presentazione del caso.

Loughlin e Giannulli hanno insistito per oltre un anno dichiarandosi innocenti e di credere che i loro pagamenti fossero donazioni legittime alla scuola o all’organizzazione benefica di Singer.

Hanno accusato i pubblici ministeri di nascondere le prove che li avrebbero esonerati e hanno affermato che gli investigatori avevano cercato di indurre i genitori a incriminarsi. Il giudice questo mese ha respinto l’offerta della difesa di archiviare il caso per accuse di cattiva condotta da parte di agenti federali.

L’analista legale Peter Elikann ha definito l’accordo una proposta a basso rischio per Loughlin e Giannulli.

“Se il giudice non vuole pronunciare la sentenza concordata con l’accusa, allora può ritirarsi. Quindi è quello che chiamiamo nella professione legale, un morso gratuito alla mela”, ha affermato Elikann, un avvocato difensore esperto che insegna diritto penale alla Bridgewater State University. “Il giudice o va avanti e accetta quello che fanno o quello che vogliono, oppure possono ritirarsi e vivono per combattere un altro giorno”.

Un avvocato per la coppia ha rifiutato di commentare questa settimana.

Altri che hanno ammesso di aver partecipato al programma includono l’attrice Felicity Huffman di “Desperate Housewives”, che ha pagato 15.000 dollari per sostenere l’esame di ammissione di sua figlia. Huffman è stata condannata a due settimane di carcere.