adv-469
<< ESTERI

Esclusivo USA: Alti funzionari della Casa Bianca nascondono atti CDC

| 9 Maggio 2020 | ESTERI

La decisione di accantonare i consigli dettagliati dei migliori esperti di controllo delle malattie della nazione per la riapertura delle comunità durante la pandemia di coronavirus è arrivata dai più alti livelli della Casa Bianca, secondo le e-mail del governo interno.

I file mostrano che il documento di orientamento dopo essere stato sepolto, l’amministrazione Trump ha ordinato che parti chiave fossero tracciati rapidamente per l’approvazione.

Le e-mail mostrano i principali esperti di salute pubblica della nazione presso i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie che trascorrono settimane a lavorare per fornire assistenza al paese per far fronte a un’emergenza di salute pubblica, solo per vedere il loro lavoro annullato dai nominati politici con poche spiegazioni.

Il documento, intitolato “Guida per l’implementazione del quadro di apertura di America Again”, è stato studiato e scritto per aiutare leader della fede, imprenditori, educatori e funzionari statali e locali quando iniziano a riaprire. Comprendeva “atti decisionali” dettagliati o diagrammi di flusso volti ad aiutare i leader locali a orientarsi nella difficile decisione di riaprire o rimanere chiusi.

Il portavoce della Casa Bianca Kayleigh McEnany ha dichiarato venerdì che i documenti non erano stati approvati dal direttore del CDC Robert Redfield. Le nuove e-mail, tuttavia, mostrano che Redfield ha eliminato la guida.

Questa nuova guida CDC – un mix di consigli già pubblicati insieme a informazioni più recenti – era stata approvata e promossa dai più alti livelli della sua leadership, incluso Redfield. Nonostante ciò, l’amministrazione lo ha archiviato il 30 aprile.

Già il 10 aprile Redfield, che è anche membro della task force del coronavirus della Casa Bianca, ha condiviso via e-mail gli atti di orientamento e decisione con la cerchia interna del presidente Donald Trump, incluso suo genero Jared Kushner, il consigliere superiore Kellyanne Conway e Joseph Grogan, assistente del presidente per la politica interna. Sono stati inclusi anche il Dr. Deborah Birx, il Dr. Anthony Fauci e altri membri della task force.

Tre giorni dopo, la direzione superiore di CDC ha inviato il rapporto di oltre 60 pagine con i diagrammi di flusso allegati all’Ufficio di gestione e bilancio della Casa Bianca, un passo generalmente intrapreso solo quando le agenzie chiedono l’approvazione definitiva della Casa Bianca per i documenti che hanno già cancellato.

La versione di 17 pagine successivamente pubblicata era solo una parte del documento effettivo presentato dal CDC e riguardava strutture specifiche come bar e ristoranti. Quella versione è una serie più universale guida di linee graduali, “Passi per tutti gli americani in ogni comunità”, orientate a consigliare le comunità nel loro complesso su test, tracciabilità dei contatti e altre misure fondamentali di controllo delle infezioni.

Il 24 aprile, Redfield ha nuovamente inviato per e-mail i documenti di orientamento a Birx e Grogan, secondo una copia ha chiesto a Birx e Grogan la loro revisione in modo che il CDC potesse pubblicare la guida. Allegati all’e-mail di Redfield c’erano i documenti di orientamento e gli atti decisionali corrispondenti, incluso uno per gli impianti di confezionamento della carne.

“Prevediamo di pubblicarli sul sito Web di CDC dopo l’approvazione. Pace, Dio benedica r3 ”, ha scritto. (Le iniziali di Redfield sono RRR)

I commenti di Redfield contraddicono l’affermazione della Casa Bianca, giovedì, secondo cui non aveva ancora approvato le linee guida perché la leadership del CDC non aveva ancora dato il via libera.

Due giorni dopo, il 26 aprile, il CDC non aveva ancora ricevuto alcuna parola dall’amministrazione, secondo le comunicazioni interne. Robert McGowan, il capo dello staff del CDC che stava guidando la guida attraverso l’OMB, ha inviato un’e-mail in cerca di un aggiornamento. “Abbiamo bisogno di loro il più presto possibile in modo da poterli pubblicare”, ha scritto a Nancy Beck, dello staff OMB.

Beck ha dichiarato di essere in attesa di revisione da parte del Comitato principale della Casa Bianca, un gruppo di alti funzionari. “Devono essere approvati prima di poter andare avanti. I presidi WH sono in contatto con la task force, quindi la task force dovrebbe essere consapevole dello stato”, ha scritto Beck a McGowan.

Il giorno successivo, il 27 aprile, Satya Thallam dell’OMB ha inviato al CDC una risposta analoga: “Domenica, i documenti di orientamento e di decisione sull’atto di riapertura sono stati inviati al comitato dei presidenti dell’ala ovest. Non abbiamo ricevuto notizie sui tempi specifici per le loro considerazioni.”

“Tuttavia, sto trasmettendo il loro messaggio: hanno dato la direzione rigorosa ed esplicita che questi documenti non sono ancora stati cancellati e non possono essere pubblicati fin da ora – questo include dichiarazioni stampa correlate o altre comunicazioni che possono visualizzare in anteprima il contenuto o i tempi delle linee guida.”

Secondo i documenti, CDC ha continuato a indagare per giorni sull’orientamento che i funzionari speravano di pubblicare entro venerdì 1 maggio, giorno in cui Trump aveva preso di mira la riapertura di alcune attività, secondo una fonte a cui era stato concesso l’anonimato perché non gli era stato permesso di parlare alla stampa.

Il 30 aprile i documenti del CDC furono cancellati per sempre.

L’agenzia non aveva ascoltato critiche specifiche né dal Comitato principale della Casa Bianca né dalla task force sul coronavirus da giorni, quindi i funzionari hanno chiesto un aggiornamento.

“La guida dovrebbe essere più trasversale e dire quando dovrebbero riaprire e come proteggere le persone. Fondamentalmente, la Task Force ha autorizzato questo per ulteriore sviluppo, ma non per il rilascio”, ha scritto Quinn Hirsch, uno staff dell’ufficio affari regolatori della Casa Bianca (OIRA), in una e-mail all’agenzia madre del CDC, il Dipartimento della salute e Servizi dell’essere umano.

Lo staff di CDC che lavora sulla guida ha deciso di riprovare.

L’amministrazione aveva già pubblicato il suo piano di apertura America Again, e il tempo stringeva. Il personale di CDC pensava che se fosse stato in grado di ottenere i loro consigli di riapertura, avrebbe aiutato le comunità a farlo con l’aiuto di esperti dettagliati.

Ma ore dopo, il 30 aprile, il Capo di Stato Maggiore della CDC, McGowan, disse allo staff della CDC che né i documenti di orientamento né gli atti delle decisioni “avrebbero mai visto la luce del giorno”, secondo tre funzionari che hanno rifiutato di essere nominati perché non erano autorizzati a parlare ai giornalisti.

Il giorno successivo, il 1° maggio, sono emerse le e-mail, a uno staff della CDC è stato detto che “non ci sarebbe nemmeno permesso pubblicare gli atti delle decisioni. Avevamo la squadra sfinita, a terra.”

La guida del CDC è stata accantonata. Fino al 7 maggio.

Quella mattina l’amministrazione Trump aveva seppellito la guida, anche se molti stati avevano iniziato a consentire alle imprese di riaprire.

Dopo che la storia ebbe inizio, la Casa Bianca chiamò il CDC e gli ordinò di refilare tutti gli atti decisionali, tranne uno che prendeva di mira le chiese. Un’e-mail ha confermato che l’agenzia ha rinviato i documenti alla fine di giovedì, ore dopo la notizia.

“Allegati alla richiesta di oggi sono gli atti decisionali precedentemente inviati sia alla OIRA sia alla Task Force WH, meno le comunità dell’atto della fede”, leggi l’e-mail. “Per favore facci sapere se, quando e come possiamo procedere da qui.”

TAG: atti, coronavirus, economia, Esperti, riapertura, USA
adv-992
Articoli Correlati