fbpx
adv-266
<< ESTERI

L’epidemia di colera di Haiti provocata dai suoi stessi responsabili dei diritti

| 5 Maggio 2020 | ESTERI

Tredici osservatori dei diritti delle Nazioni Unite hanno scatenato aspre critiche nei confronti delle stesse Nazioni Unite per l’incapacità “profondamente deludente” di rimediare per aver portato il colera ad Haiti, causando la morte di almeno 10.000 persone.

In una lettera al segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, i controllori indipendenti escoriano l’organismo mondiale per aver fatto promesse “illusorie” al popolo haitiano. Notano che dopo aver impegnato 400 milioni di dollari per una missione di pulizia dal colera, le Nazioni Unite hanno raccolto solo 21 milioni di dollari e speso 3 milioni di dollari.

“Questo è uno spettacolo profondamente deludente a seguito della perdita di 10.000 vite umane”, afferma la lettera.

adv-866

Prove scientifiche hanno dimostrato in modo definitivo che il colera è stato importato nel Paese da malati nepalesi delle forze di pace delle Nazioni Unite che sono stati trasferiti nel 2010 ad Haiti per aiutare con un devastante terremoto. Le Nazioni Unite non sono riuscite a vagliare la forza nepalese per la malattia, cosa che poteva essere fatta prima di schierarsi dal Nepal per meno di 2 milioni di dollari.

Per sei anni le Nazioni Unite hanno negato qualsiasi coinvolgimento nella trasmissione del batterio del colera. Nel 2016 ha emesso scuse confuse, ma ha continuato a resistere all’accettazione di qualsiasi responsabilità legale o al risarcimento.

Philip Alston, il monitoraggio delle Nazioni Unite sull’estrema povertà e sui diritti umani, che è firmatario principale della lettera, ha detto che i fallimenti delle Nazioni Unite sono stati messi in chiaro dalla pandemia di coronavirus.

“Il mondo è giustamente concentrato sugli orrori di Covid-19 e sulla perdita di migliaia di persone. Ma 10.000 persone sono morte ad Haiti e non ci sono state risposte”, ha detto.

Alston, che ha preparato un rapporto all’assemblea generale delle Nazioni Unite sul disastro del colera di Haiti nel 2016, ha aggiunto: “Ciò che mi turba di più è che le Nazioni Unite non hanno ancora riconosciuto la propria responsabilità di portare il colera ad Haiti”.

Sembra che il colera sia stato fermato ad Haiti con l’ultimo caso segnalato nel gennaio 2019. Anche allora, la maggior parte del lavoro di sanità pubblica dedicato a sradicare la malattia è stata effettuata da operatori sanitari locali e gruppi di aiuti e non dalle Nazioni Unite.

Nel dicembre 2016, l’allora segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, aveva dichiarato una sorta di scusa, ma è stato attentamente formulato per evitare qualsiasi responsabilità legale. Ha detto: “Non abbiamo fatto abbastanza per quanto riguarda l’epidemia di colera e la diffusione ad Haiti”.

Alston ha dichiarato: “Continua a esserci un rifiuto esplicito di accettare qualsiasi responsabilità formale, e tanto meno responsabilità legale”.

I controllori indipendenti delle Nazioni Unite che hanno firmato la lettera includono Leilani Farha, relatrice speciale per un alloggio adeguato; Léo Heller, relatore speciale per l’acqua e i servizi igienico-sanitari; e cinque membri del gruppo di lavoro di esperti sulle persone di origine africana.

La mancanza di un risarcimento per il disastro del colera ha avuto gravi conseguenze per migliaia di persone nel paese colpito dalla povertà. Molti di coloro che sono morti nell’epidemia sono stati i principali redditi delle loro famiglie e le loro morti hanno avuto conseguenze catastrofiche per coloro che sono rimasti indietro.

Alston dopo aver studiato il disastro del colera per molti anni, aveva concluso che la condotta riprovevole delle Nazioni Unite poteva essere compresa solo accettando che “un elemento di razzismo è coinvolto”.

Ha detto: “Se ciò fosse accaduto a una comunità bianca in un paese con una posizione a livello globale, le Nazioni Unite non avrebbero fatto – e non sarebbero state in grado di fare – nulla. Ma questa è Haiti, un paese che è stato ampiamente cancellato.”

Un portavoce delle Nazioni Unite ha dichiarato: “Da quando è entrato in carica, il segretario generale si è fortemente impegnato a sostenere il popolo di Haiti e la lotta contro il colera. Ribadisce i profondi rimpianti delle Nazioni Unite per la perdita di vite umane e le sofferenze causate dall’epidemia di colera”.

TAG: colera, Haiti, Nazioni Unite
adv-640
Articoli Correlati