sabato, Agosto 8, 2020
Home ESTERI Boris Johnson: "Il Regno Unito ha superato il picco"

Boris Johnson: “Il Regno Unito ha superato il picco”

Il Primo Ministro Boris Johnson ha dichiarato che la Gran Bretagna ha ormai superato l’apice del suo focolaio di coronavirus e ha promesso di stabilire un piano la settimana prossima su come il paese potrebbe iniziare gradualmente a tornare alla vita normale.

Nella sua prima conferenza stampa da quando si è ripreso da un grave caso di COVID-19, Johnson ha cercato di offrire speranza ai britannici stanchi, ma li ha esortati a rispettare le restrizioni di blocco che stanno martellando i mezzi di sussistenza e l’economia.

“Oggi posso confermare che per la prima volta abbiamo superato il picco di questa malattia. Abbiamo superato il picco e siamo sulla pendenza verso il basso, e abbiamo così tanti motivi per sperare a lungo termine”, ha detto Johnson.

Questo ha messo sotto pressione il governo sulla sua risposta iniziale all’epidemia – che è rimasta indietro rispetto ad alcuni coetanei europei – e informa il suo approccio cauto verso l’eliminazione delle restrizioni nel caso in cui porti a un secondo picco di infezioni.

Difendendo la sua gestione dell’epidemia, Johnson ha affermato che il bilancio delle vittime avrebbe potuto essere molto peggio.

“È grazie a questo massiccio sforzo collettivo per proteggere il servizio sanitario nazionale (National Health Service) che abbiamo evitato un’epidemia incontrollabile e catastrofica, in cui il peggior scenario ragionevole era di 500.000 morti”, ha detto.

“È di vitale importanza che non perdiamo il controllo e scappiamo in una seconda, una montagna ancora più grande.”

Sotto la pressione di delineare una strategia di uscita dal blocco, Johnson ha promesso di stabilire la prossima settimana un “menu di opzioni” su come alleviare le restrizioni, ma ha detto che le date esatte di ogni cambiamento sarebbero guidate da pareri scientifici.

Ha detto che i rivestimenti per il viso potrebbero avere un ruolo nella fase successiva, allontanandosi dalla schiera del governo fino ad ora, il che era che non c’erano prove sufficienti per invitare il pubblico a iniziare a usarli.

“Come parte dell’uscita dal blocco, penso che i rivestimenti per il viso saranno utili sia per ragioni epidemiologiche, sia per dare alle persone la sicurezza di poter tornare al lavoro”, ha affermato Johnson. “Sentirai di più su questo e quel genere di cose, la prossima settimana.”

Considerando i test considerati la chiave per rilassare in sicurezza le misure di allontanamento sociale, il governo si era prefissato l’obiettivo di eseguire 100.000 test giornalieri per il virus entro la fine di questo mese.

Gli ultimi dati hanno mostrato che 81.611 test sono stati effettuati nelle 24 ore alle 9, un aumento marcato rispetto alla scorsa settimana ma ancora al di sotto del target.

Con i riflettori sul bilancio delle vittime, poiché il numero giornaliero ufficiale è stato modificato per includere le morti in tutti gli ambienti, non solo negli ospedali, Johnson e il suo miglior consulente medico, Chris Whitty, hanno cercato di minimizzare i confronti con altri paesi.

“Non andiamo addebitando” chi ha vinto e chi ha perso “a questo punto”, ha detto Whitty.

“Ogni paese misura i suoi casi COVID in un modo leggermente diverso, quindi confrontarli tra loro è in gran parte un esercizio inutile.”

Johnson è tornato al lavoro lunedì dopo essersi ripreso dopo essere stato infettato dal virus, che lo ha gravemente ammalato in terapia intensiva al culmine dell’epidemia.

Mercoledì scorso, la sua fidanzata Carrie Symonds ha dato alla luce il figlio della coppia. Ritardando qualsiasi congedo di paternità, Johnson ha presieduto una riunione virtuale del suo gabinetto all’inizio di giovedì.

Una prima revisione del blocco deve arrivare prima del 7 maggio e i consulenti scientifici hanno presentato ai ministri opzioni su come potrebbe essere facilitato.

“La prossima settimana esporrò un piano globale per spiegare come possiamo far muovere la nostra economia, come riportare i nostri figli a scuola, tornare all’asilo, come possiamo viaggiare al lavoro e come possiamo fare la vita sul posto di lavoro, più sicuro”, ha detto Johnson.

Alla domanda se il piano di risanamento a lungo termine implicherebbe l’austerità per compensare l’enorme costo di sostegno dell’economia durante il blocco, Johnson ha detto che non gli piace il termine austerità e ha indicato che non sarebbe il suo approccio preferito.

Il partito laburista dell’opposizione ha accusato il governo di essere lento a reagire alla crisi ritardando il blocco e quindi non riuscendo a rafforzare la fornitura di dispositivi di protezione per il personale in prima linea e il numero di test.

Johnson disse che non avrebbe minimizzato quei problemi “nodosi e esasperanti”, ma che si stavano facendo enormi progressi.


close







close






Lascia un commento!

- Advertisment -

I PIU' LETTI

Di Stefano, la gaffe e la risposta

​​Dopo aver confuso il Libano con la Libia, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano affida ad una chat su Telegram una sarcastica risposta: "WOW,...

Dal commercio ai trasporti, all’arte: ecco i settori più colpiti dalla crisi

Secondo un'indagine di Eurostat sull'impatto del Covid-19 sulle industrie dell'Ue, nel primo trimestre 2020 le attività che hanno sofferto di più sono state il...

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy. MakeIdentity mixa tecnologia e privacy per massimizzare conversione e utilizzo dei dati personali degli ospiti. Intervista a Marco Giacomello...

Il presidente Mattarella alle Regioni: “Attuare art. 2-3 Carta è un dovere”

"In questi 50 anni le Regioni si sono affermate come componente fondamentale dell'architettura della Repubblica. Le Regioni si sono rivelate forte elemento di coesione...

COMMENTI RECENTI

Annina Malito on Storie di ordinaria violenza
Massimiliano Palladini on Irregolare una mensa scolastica su 3
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Riccardo pieroni on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Elogio della confessione
marco bacigalupi on Elogio della confessione
Emilio Carnelli on Nonno, ti faccio la festa
Catalogna – per la UE è win-win – Così va il Mondo on Catalogna e Lombardia: di Stato e Nazioni