sabato, Agosto 15, 2020
Home ECONOMIA Calo storico per i produttori di petrolio

Calo storico per i produttori di petrolio

L'incontro "si è concluso con il consenso dei produttori dell'OPEC + sui tagli alla produzione da maggio"

-

L’OPEC e i suoi partner hanno concordato domenica “il più grande calo della produzione della storia”, nella speranza di aumentare i prezzi del petrolio nel mezzo di una pandemia di coronavirus nonostante le tensioni tra Mosca e Ryad.

L’incontro “si è concluso con il consenso dei produttori dell’OPEC sui tagli alla produzione da maggio”, ha scritto il ministro saudita Abdul Aziz bin Salman su Twitter.

Il suo omologo kuwaitiano Khaled al-Fadhel ha confermato “l’accordo storico per ridurre la produzione negli Stati membri dell’OPEC di quasi 10 milioni di barili al giorno, a partire dal 1° maggio”.

Il rappresentante messicano Rocio Nahle Garcia ha anche elogiato domenica “l’accordo unanime dei 23 paesi partecipanti”, parlando di una “riduzione di 9,7 milioni di barili di petrolio” da maggio.

È un “ottimo affare per tutti!” ha twittato il presidente USA Donald Trump. “Ciò salverà centinaia di migliaia di posti di lavoro nel settore energetico negli Stati Uniti. Vorrei ringraziare e congratularmi con il presidente russo Vladimir Putin e il re Salman dell’Arabia Saudita. Ho appena parlato con loro dalla “Scrivania ovale” della Casa Bianca ha aggiunto.

Secondo Bjornar Tonhaugen, analista di Rystad Energy, “OPEC oggi ha raggiunto con successo un accordo storico per raggiungere il più grande declino della produzione nella storia”.

“Anche se le riduzioni della produzione sono inferiori a quelle di cui il mercato aveva bisogno, il peggio è ancora evitato”, ha affermato il collega Magnus Nysveen.

L’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) ha ripreso una videoconferenza iniziata giovedì con il cartello OPEC + guidato dalla Russia, il secondo produttore mondiale.

Per loro, Ryad e Mosca avevano riaperto il dialogo dopo l’inizio di una guerra dei prezzi dopo l’ultima conferenza, il 6 marzo a Vienna, presso la sede dell’OPEC.

Nel frattempo i due esportatori erano rimasti sorpresi dalla rapida diffusione del coronavirus, che aveva penalizzato la domanda nelle ultime settimane, in un momento in cui l’offerta di greggio era già fortemente in eccedenza.

“A mio avviso, le azioni (dell’Arabia Saudita che ha aumentato la sua produzione) sono state irrazionali a causa dell’aumento dell’estrazione in periodi di calo della domanda – è irrazionale anche dal punto di vista di teoria economica “, ha dichiarato il ministro russo dell’energia Alexander Novak, citato dall’agenzia russa TASS, domenica prima dell’inizio della conferenza.

Dopo lunghe trattative, venerdì all’alba, l’OPEC e i suoi partner avevano concordato una riduzione a maggio e giugno della produzione mondiale a 10 milioni di barili al giorno, secondo l’OPEC.

Ma il Messico, che ha trovato lo sforzo richiesto eccessivo (riduzione della produzione di 400.000 barili al giorno), non ha dato il via libera all’accordo.

Rystad Energy, tuttavia, dubita della capacità dei produttori di sostenere i prezzi nonostante l’accordo. “Una riduzione di 10 milioni di barili al giorno a maggio e giugno impedirà ai prezzi di cadere in un abisso, ma non ripristinerà ancora l’equilibrio del mercato”, affermano gli analisti.

Gli Stati Uniti, il più grande produttore mondiale, non sono membri dell’Alleanza Opec + ma, secondo Novak, “supportano l’accordo”, favorevole alla loro industria petrolifera in grande difficoltà.

“Dicono di essere pronti a contribuire al declino della produzione: abbiamo ascoltato cifre che vanno dai 2 ai 3 milioni di barili al giorno”, ha detto domenica il ministro russo che non si aspetta un’inversione favorevole del condizioni economiche “entro la fine dell’anno, nel migliore dei casi”.

Mentre si aggira intorno ai 60 dollari qualche mese fa, i prezzi hanno toccato livelli mai visti dall’inizio della scorsa settimana dal 2002.

Il prezzo di un barile secondo l’OPEC, che funge da riferimento per il cartello, era appena sopra i 21 dollari prima dell’annuncio dell’accordo, mentre metà dell’umanità rimane confinata.


close







close






4,100FansLike
1,175FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

M5S: da Rousseau via libera a modifica mandato zero e alleanze...

0
Con 39mila sì alla modifica del mandato zero e 29mila sì alle alleanze locali, si è conclusa la votazione sulla piattaforma Rousseau che quindi sposa...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...