fbpx
adv-187
<< ESTERI

Coronavirus in aumento: 46.000 vittime tra cui un neonato

| 2 Aprile 2020 | ESTERI

Il nuovo coronavirus ha continuato la sua corsa crudele mercoledì a una velocità “quasi esponenziale”, falciando vite in tutto il mondo tra cui quella di un bambino di sei settimane negli Stati Uniti, che è diventato una delle più giovani delle 46.000 vittime di la pandemia.

Più di 900.000 casi di Covid-19 sono stati registrati in tutto il mondo, tra cui 200.000 negli Stati Uniti, dove la malattia sta progredendo più rapidamente. In assenza di sufficiente capacità di screening, queste valutazioni sono molto probabilmente molto al di sotto della realtà.

Nonostante le misure di contenimento che interessano quasi un abitante del pianeta su due, i bilanci stanno diventando più pesanti: oltre 13.000 morti in Italia, 9.000 in Spagna, 4.500 negli Stati Uniti, 4.000 in Francia …

adv-109

La morte di un neonato del Connecticut, la morte di un bambino di nove mesi a Chicago e di un ragazzo di 13 anni nel Regno Unito hanno colpito particolarmente: “È straziante”, ha detto il governatore Ned Lamont di questo stato nord-orientale.

“Profondamente preoccupato”, il segretario generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha potuto notare solo la “crescita quasi esponenziale” del numero di casi, la “rapida escalation” delle infezioni. “Dobbiamo essere all’unisono per combattere questo virus sconosciuto e pericoloso”, ha detto.

Trasformandosi in gravità, il presidente americano Donald Trump ha chiesto ai suoi concittadini di prepararsi per settimane “molto dolorose”. La Casa Bianca ha presentato le sue proiezioni: il Covid-19 dovrebbe uccidere tra le 100.000 e le 240.000 persone negli Stati Uniti, destinato a diventare, dopo l’Europa, il nuovo epicentro della pandemia.

“Bombe virali”

Ieri la Spagna ha subito le perdite più pesanti con 864 nuovi decessi in 24 ore. E il paese teme di vedere sopraffatto le unità di terapia intensiva che stanno già lavorando al limite delle loro capacità.

“Non c’è abbastanza equipaggiamento protettivo” e “il numero di letti rimane insufficiente”, ha lamentato Guillén del Barrio, un’infermiera di Madrid, osservando un rallentamento degli arrivi al pronto soccorso dal suo ospedale.

Una tendenza confermata dalle autorità. “Sembra che siamo già” al culmine del contagio “che stiamo andando giù”, ha detto il direttore del Centro per le emergenze sanitarie, il dottor Fernando Simon.

Anche in Italia, dove gli ospedali stanno crollando, il numero di nuove infezioni continua a rallentare. Ma i medici si preoccupano dei convalescenti, che lasciano l’ospedale non appena le loro vite non sono più minacciate, anche se sono ancora contagiose.

“In una guerra come questa, non possiamo permetterci di essere esposti all’apparizione di nuovi centri di contagio che rischiano di trasformare questi centri convalescenti in bombe virali che diffondono il virus”, ha avvertito Raffaele Antonelli Incalzi, Presidente della Geriatrics Society italiana.

In Francia dove gli ospedali di Parigi e dell’est sono sopraffatti, i trasferimenti di pazienti in treno sono continuati, mentre gli stabilimenti della capitale si stavano preparando a produrre il materiale mancante in 3D. Un censimento di veterinari volontari ha anche permesso di identificare coloro che potrebbero aiutare i loro colleghi medici.

Niente acqua, niente servizi igienici 

Per frenare la diffusione della pandemia, oltre 3,75 miliardi di persone (il 48% della popolazione mondiale) sono costretti a rimanere a casa.

Questo non è senza difficoltà nelle aree più povere, come nell’immensa cittadina sudafricana di Khayelitsha, ai margini del Capo, dove centinaia di migliaia di persone vivono in un intreccio di capanne e di cianfrusaglie.

“Non abbiamo una toilette. Quindi usciamo. Non abbiamo acqua. Quindi usciamo. Cerchiamo di rimanere nella nostra capanna, ma non è facile”, dice Ndithini Tyhido. “Le persone qui vorrebbero obbedire, provano a farlo, ma è semplicemente impossibile.”

Per mancanza di vaccino o trattamento, il contenimento rimane il mezzo di controllo più efficace e la Florida, l’Eritrea e Sierra Leone si sono unite a turno mercoledì, mentre Germania, Italia hanno Portogallo prolungato la durata.

A Mosca le autorità istituiranno un’applicazione mobile e codici QR per verificare che la popolazione rispetti le regole di isolamento e per monitorare i malati.

Aiuti russi agli Stati Uniti 

Convertito in ritardo al contagio, il Regno Unito ha registrato ulteriori 563 morti in un giorno, segnando una marcata accelerazione della pandemia che ha ucciso 2.000 persone nel paese. Il Covid-19 ha già infettato il primo ministro Boris Johnson e il principe Carlo.

L’Iran ha superato il limite di 3.000 morti mercoledì. Ma sono gli Stati Uniti, dove l’85% degli americani ora vive confinato, che si stanno preparando per essere sommersi.

Con oltre 1.900 morti, lo Stato di New York ha intensificato i preparativi negli ultimi giorni, con la costruzione di ospedali da campo a Central Park e in un grande centro conferenze a Manhattan. E aiuti arrivano da ogni parte, anche dalla Russia, che ha spedito mercoledì un aereo carico di aiuti umanitari alla megalopoli.

Anche l’esercito americano non è stato risparmiato: il Covid-19 si è diffuso all’interno della portaerei nucleare USS Theodore Roosevelt, immobilizzato a Guam nel Pacifico, e il suo equipaggio ha iniziato a essere evacuato.

Altre due navi, la nave da crociera Zaandam e la sua nave assistente Rotterdam, continuano a navigare con quattro morti a bordo, senza essere sicuri di poter attraccare in Florida.

“Recessione senza precedenti” 

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guerres ha osservato che la Terra stava vivendo la sua “peggiore crisi globale da quando l’ONU è stata fondata” 75 anni fa, citando “la combinazione di una malattia minacciosa per tutti e di un impatto economico che porta a una recessione senza precedenti nel recente passato”.

Esiste ora il rischio di una “carenza alimentare” sul mercato mondiale a causa delle perturbazioni legate a Covid-19 nelle catene di approvvigionamento e commercio internazionale, ha avvertito le agenzie dipendenti dalle Nazioni Unite e dall’OMC.

Vinti dall’ansia, i mercati azionari sono tornati a forti cali, in particolare l’indice Dow Jones ha chiuso in calo del 4,44%.

Il calendario sportivo internazionale ha continuato a essere interrotto, con l’annuncio della cancellazione del torneo di tennis di Wimbledon e l’estensione della sospensione della stagione fino al 13 luglio.

Anche la conferenza internazionale COP26 sul clima che si terrà a Glasgow a novembre è stata rinviata.

TAG: #Covid-19, contagi, mondo, Onu, USA
adv-459
Articoli Correlati