Siria: accordo Putin-Erdogan per un cessate il fuoco a Idleb

0
258
cessate il fuoco

Recep Tayyip Erdogan e Vladimir Putin hanno annunciato un cessate il fuoco che deve porre fine a settimane di violenza nella regione siriana di Idleb e rimuovere il rischio di crescenti tensioni tra Mosca e Ankara.

Dopo più di sei ore di trattative tra le mura del Cremlino, il presidente turco Erdogan ha annunciato durante una conferenza stampa congiunta con Putin che il cessate il fuoco inizierà venerdì alle 12:00 ora locale, aggiungendo che avrebbe lavorato con la sua controparte russa per renderlo “sostenibile”.

Secondo il testo dell’accordo i due paesi organizzeranno dal 15 marzo pattuglie congiunte su gran parte dell’autostrada M4, un asse cruciale per il regime che attraversa la regione siriana di Idleb. Sarà la prima volta che russi e turchi pattuglieranno insieme in quest’area.

Mosca e Ankara hanno anche pianificato di allestire un “corridoio di sicurezza” profondo sei chilometri su entrambi i lati di questa autostrada, una zona cuscinetto larga 12 chilometri in totale. I parametri che definiscono questa zona saranno definiti entro sette giorni, secondo il testo.

L’accordo dovrebbe porre fine a settimane di pesanti combattimenti intorno a Idleb, l’ultimo bastione di ribelli e jihadisti nella Siria nord-occidentale, dove la Turchia è intervenuta contro le forze di Bashar al-Qatar Assad, sostenuto dalla Russia.

La violenza ha causato una catastrofe umanitaria, con quasi un milione di sfollati verso il confine turco e gravi perdite per la Turchia, di cui sono state uccise diverse decine di soldati.

Crisi umanitaria 

“Il nostro obiettivo è prevenire il peggioramento della crisi umanitaria”, ha affermato Erdogan, avvertendo, tuttavia, che il suo paese “si riserva il diritto di rispondere con ogni forza e ovunque a qualsiasi attacco del regime” a Damasco.

Parlando con la sua controparte turca, Putin ha detto che spera che il testo possa servire da “solida base per porre fine ai combattimenti nella zona di de-escalation di Idleb” e “fermare le sofferenze della popolazione civile”.

“Non siamo sempre d’accordo con i nostri partner turchi. Ma ogni volta, nei momenti critici, sulla base di colloqui bilaterali, siamo riusciti a trovare un terreno comune”, ha aggiunto il presidente russo.

L’intensificarsi dei combattimenti a Idleb aveva portato a tensioni diplomatiche tra Russia, alleata del regime siriano e Turchia, che sosteneva i ribelli, ponendo il rischio di uno scontro diretto tra questi due paesi che si imponevano come principali attori internazionali nel conflitto siriano.

Tensioni Russia-Turchia 

Giovedì, almeno 15 civili, tra cui un bambino, sono morti in attacchi aerei russi a Idleb, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani (OSDH). Poche ore prima dell’entrata in vigore del cessate il fuoco, l’esercito turco ha anche annunciato la morte di due dei suoi soldati uccisi dalle forze di Bashar al-Assad.

L’accordo raggiunto giovedì, tuttavia, ha la sua quota di incognite e non dice cosa accadrà alla dozzina di “posti di osservazione” turchi nella regione, circondati da quando Damasco ha lanciato la sua offensiva.

Le tensioni a Idleb hanno già frantumato gli accordi conclusi tra i presidenti Putin ed Erdogan a Sochi nel 2018 per porre fine ai combattimenti in questa regione e istituire una zona smilitarizzata. Hanno anche dato vita a vivaci scambi tra i loro due paesi, che negli ultimi anni hanno rafforzato la cooperazione sulla questione siriana nonostante i loro interessi divergenti.

La Turchia ha quindi accusato la Russia di non rispettare gli accordi di Sochi, che prevedevano la garanzia dello status quo sul terreno e la sospensione degli attentati a Idleb, mentre Mosca ha accusato Ankara di non fare nulla per “neutralizzare i terroristi “in questa regione.

La Turchia, che ospita già 3,6 milioni di siriani sul suo territorio, mercoledì ha richiesto il sostegno europeo di “soluzioni politiche e umanitarie turche in Siria”, che ritiene essenziale per creare una tregua e risolvere la crisi migratoria. L’UE ha “fermamente” respinto il ricatto per i migranti di Ankara.

Erdogan ha ordinato l’apertura dei confini del suo paese e decine di migliaia di persone sono accorse in Grecia, provocando scontri tra rifugiati e polizia al confine greco.

close
close

Lascia un commento!