Porre fine al sostegno di Putin al Venezuela No Easy Feat per gli Stati Uniti

422
Sergey Lavrov- Nicolas Maduro

Nel mese di ottobre 2016, il capo della più grande compagnia petrolifera russa si è recato nella città natale di Hugo Chavez, nel vuoto delle soffocanti pianure del Venezuela, per svelare una statua in bronzo gigante del defunto leader socialista che lui e il suo amico di lunga data russo, il presidente Vladimir Putin, commissionato da un importante artista russo.

Fu una svolta nel rapporto tra Russia e Venezuela, e il CEO di Rosneft, Igor Sechin, portò con sé un coro di 600 anni proveniente da un monastero di Mosca per festeggiare. Parlando alle folle di sostenitori del governo con la camicia rossa in spagnolo fluente raccolte dai suoi giorni come traduttore militare sovietico in Africa, Sechin ha elogiato Chavez come “leader della multi-polarità” e “simbolo di un’intera era”.

“Non abbiamo scelta tra la vittoria o la morte”, disse Sechin, citando un eroe di indipendenza venezuelano per descrivere i legami più profondi tra i due avversari statunitensi. “Dobbiamo raggiungere la vittoria”.

Ora l’amministrazione Trump vuole rompere quella fiorente alleanza come parte della sua campagna per estromettere il successore di Chavez, Nicolas Maduro.

Martedì il Dipartimento del Tesoro ha bloccato le società statunitensi dal fare affari con Rosneft Trading SA, accusando la controllata di Ginevra del colosso petrolifero statale russo di fornire una linea di vita critica a Maduro mentre cercava di aggirare le sanzioni statunitensi.

Per mesi i funzionari statunitensi hanno avvertito le compagnie straniere che avrebbero potuto affrontare ritorsioni se avessero continuato a fare affari con Maduro. Tali ammonimenti sono stati rivolti principalmente alla Russia, che secondo i funzionari statunitensi gestisce circa il 70% delle transazioni petrolifere venezuelane che sono state dirottate dall’amministrazione Trump un anno fa, rendendo illegale per gli americani il greggio proveniente dal Venezuela.

Francisco Monaldi, un esperto di petrolio venezuelano alla Rice University di Houston, ha affermato che le ultime azioni dovrebbero raffreddare le società spagnole, cinesi e altrove che continuano a collaborare con il monopolio petrolifero statale PDVSA. Potrebbe anche prevedere la fine di una licenza speciale per Chevron che finora ha esonerato la società con sede a San Ramon, in California, dal dover uscire dal paese, dove è partner in joint venture con PDVSA che produce circa un quarto del Produzione totale della nazione OPEC. “Non è più il cane che abbaia”, ha detto Monaldi. “Ora sta mordendo.”

PDVSA in una dichiarazione ha condannato quello che ha chiamato “assassinio economico” da parte degli Stati Uniti volto a prendere il controllo dell’industria petrolifera venezuelana. Il ministro degli Esteri Jorge Arreaza ha dichiarato che le nuove azioni rafforzeranno la causa del Venezuela intentata contro l’amministrazione Trump presso il Tribunale penale internazionale per crimini contro l’umanità.

Rosneft opera con PDVSA in diversi giacimenti petroliferi che ha acquisito dopo che i trapani statunitensi sono stati costretti ad abbandonare il tentativo di nazionalizzazione di Chavez.

Ma come il nuovo fornitore di riferimento del paese vince in due modi, secondo gli analisti. Innanzitutto Rosneft acquista il grezzo premium del Venezuela Merey 16 con uno sconto notevole. Quindi utilizza i proventi della sua vendita per pagare $ 6,5 miliardi prestati a PDVSA dal 2014 per l’acquisto di armi e altri beni di fabbricazione russa.

Nel frattempo, le raffinerie lungo la costa del Golfo degli Stati Uniti che un tempo dipendevano dal greggio pesante del Venezuela hanno quasi triplicato le loro importazioni di prodotti petroliferi russi non finiti nell’anno da quando sono state applicate le sanzioni, secondo i dati del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti.

Per evitare complicazioni per i clienti in Cina e India, Rosneft ha assunto navi cisterna che cercano di nascondere il loro carico disattivando i loro sistemi di localizzazione obbligatori ed effettuando rischiosi trasferimenti nave-nave al largo della costa dell’Africa occidentale e in altre località distanti.

A breve termine si aspetta che Maduro dovrà pagare di più per trovare un altro intermediario che si assuma il rischio aggiuntivo di spostare il petrolio del paese. Ciò significa che il suo governo a corto di liquidità avrà ancora meno denaro per importare scarse provviste alimentari e mediche e per riparare le infrastrutture elettriche fatiscenti del paese. E con le strutture di stoccaggio già al massimo della capacità, la produzione che è già al minimo di sette decadi probabilmente diminuirà ulteriormente.

Tuttavia, a meno di un blocco navale americano dei porti venezuelani – un’opzione militare che l’amministrazione Trump ha rifiutato di escludere ma non ha mostrato alcun segno di persecuzione – nessuno si aspetta che le vendite di petrolio dalla nazione che si trova in cima alle maggiori riserve petrolifere del mondo si prosciughino completamente.

“Possono trovare sempre il modo di venderlo, ma è molto più difficile”, ha detto Monaldi. Ancora meno chiaro è l’impatto sull’obiettivo degli Stati Uniti di impegnare la Russia a trovare una soluzione all’impasse politico venezuelano.

Gli Stati Uniti guidano un gruppo di circa 60 nazioni che riconoscono il leader dell’opposizione Juan Guaido come il legittimo leader del Venezuela a seguito di quella che considera la fraudolenta rielezione di Maduro nel 2018. A sua volta la Russia ha accusato l’amministrazione Trump di diffondere false informazioni per progettare un colpo di stato, portando gli Stati Uniti in quello che è stato tradizionalmente considerato il cortile di Washington mentre le due parti conducono battaglie per procura per influenza in Siria, Ucraina e altri punti caldi globali.

Richard Nephew ricercatore di energia presso la Columbia University, ha affermato che risparmiando la stessa Rosneft, e perseguendo solo una delle sue numerose unità, è probabile che l’impatto sul continuo sostegno politico della Russia a Maduro sia più contenuto.

La maggior parte dei contratti di fornitura a lungo termine di Rosneft sono stipulati direttamente dalla casa madre a Mosca, con l’unità commerciale con sede in Svizzera che gestisce le vendite a pronti. Le sanzioni includono anche un periodo di liquidazione di tre mesi, che dovrebbe concedere alla compagnia – e ai famigerati commercianti di petrolio – un sacco di tempo per reindirizzare le transazioni, anche con il Venezuela.

Inoltre, Rosneft e Sechin erano già stati parzialmente sanzionati nel 2014 in rappresaglia per l’annessione della penisola di Crimea in Ucraina da parte della Russia. Di conseguenza, molte società statunitensi si erano già allontanate dalla società. “Questo sembra più un colpo di avvertimento progettato per sembrare più grande di quanto non sia in realtà”, ha detto Nephew che ha contribuito a progettare la politica delle sanzioni statunitensi mentre era al Dipartimento di Stato sotto il presidente Barack Obama. “Sta sparando a qualcuno che suona russo senza davvero punire i russi stessi”.

Numerosi legislatori pro-Putin hanno respinto le azioni, dicendo che avrebbero fatto appello all’Organizzazione mondiale del commercio per rimuovere quelle che hanno descritto come azioni unilaterali e illegali negli Stati Uniti.

“Penso che questo problema possa essere risolto”, ha detto all’agenzia di stampa RIA Novosti Vladimir Dzhabarov, un membro della camera alta del parlamento russo. “Sono intelligenti laggiù, a Rosneft, e troveranno un modo per aggirarlo.” Ma anche se Putin mantiene il supporto esterno per Maduro, non è chiaro se raddoppierà e presterà ancora più denaro al paese in bancarotta.

Al culmine dei disordini nel 2018, i manifestanti antigovernativi hanno cercato di distruggere la statua di Chavez dedicata dalla Russia. Oggi è sotto stretta sorveglianza, indicando la calma inquieta che prevale nella campagna venezuelana normalmente filo-governativa, dove le interruzioni di corrente sono un evento quasi quotidiano e la miseria è diffusa.

Mentre il Venezuela è rimasto aggiornato sul debito con la Russia e si prevede che ripagherà l’ultimo importo residuo nelle prossime settimane, è inadempiente su quasi tutti gli altri istituti di credito e investitori nelle obbligazioni del paese. Nel frattempo, il suo debito con la Russia è sostenuto da un vincolo sul 49,9% della controllata americana di PDVSA, CITGO con sede a Houston, il cui controllo è stato affidato dall’amministrazione Trump a un consiglio nominato da Guaido.

“I russi non sono nulla se non buoni giocatori di scacchi”, ha scritto Russ Dallen, il capo dell’intermediazione di Caracas Capital Markets con sede a Miami, in un recente rapporto. La scelta di Rosneft qui sarà per noi un importante indizio della direzione futura della loro politica.