Siria: incessanti bombardamenti del regime, esodo di massa

218
bambina siriana

Il regime di Bashar al-Assad e il suo alleato russo bombardano incessantemente l’ultimo grande bastione di jihadisti e ribelli nella Siria nord-occidentale, spingendo quasi un milione di persone alla fuga, un esodo senza precedenti dal 2011.

La Commissaria delle Nazioni Unite Michèle Bachelet ha chiesto “corridoi umanitari” per i civili, dicendo che era “inorridita” dalla violenza in guerra nel nord-ovest del Paese.

Circa 900.000 persone, la stragrande maggioranza delle quali donne e bambini, sono fuggite dall’inizio di dicembre all’offensiva guidata dal regime di Assad e Mosca nella grande regione di Idleb, ha affermato l’ONU.

“Negli ultimi quattro giorni, 43.000 persone sono fuggite a ovest (della provincia) di Aleppo”, ha detto il portavoce delle Nazioni Unite David Swanson.

Il paese, in guerra dal 2011, non ha mai avuto un esodo simile in così breve tempo. In totale, il conflitto siriano ha costretto milioni all’esilio e ha ucciso oltre 380.000 persone.

E i bombardamenti non si fermano: martedì ancora due civili sono stati uccisi da un raid aereo russo nella regione di Idleb e da un fuoco di artiglieria da parte del regime a ovest della provincia di Aleppo, secondo l’Osservatorio Diritti umani siriani (OSDH).

I corrispondenti AFP assistono quotidianamente alla partenza di residenti, che accatastano frettolosamente le loro cose su camion e auto, cercando a tutti i costi di trovare rifugio in aree ritenute più sicure, vicino al confine turco.

Esposte alla neve, alla pioggia e alle estreme temperature invernali, le famiglie più fortunate trovano posto in campi di sfollamento informali dove decine di migliaia di persone sono già affollate. Gli altri trascorrono la notte in macchina o allestiscono una tenda di base in mezzo agli uliveti.

Ospedali bombardati 

Delle 550 strutture sanitarie nella regione, solo la metà è ancora operativa, ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef), gli ultimi due ospedali operativi nella parte occidentale della provincia di Aleppo, tra cui un ospedale di maternità, sono stati colpiti dagli scioperi. “I bambini e le famiglie sono presi tra violenza, freddo pungente, mancanza di cibo”.

“Date le condizioni di vita assolutamente disumane di donne e bambini”, il numero di morti nei campi potrebbe aumentare, avverte l’ONG Save the Children, che denuncia già la morte di sette bambini, tra cui un bambino di 7 anni mesi.

Più di 400 civili, tra cui 112 bambini, sono morti da dicembre per le violenze nel nord-ovest, secondo un nuovo rapporto dell’OSDH.

“L’unica opzione è un cessate il fuoco”, ha dichiarato Mark Lowcock, sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari. Nonostante le proteste, il regime non sembra pronto a fermare la sua offensiva. “La battaglia per la liberazione delle province di Aleppo e Idleb continua”, ha avvertito il presidente Assad lunedì.

Le sue forze, aiutate in particolare dalla Russia e dall’Iran, controllano oltre il 70% del territorio siriano dopo aver moltiplicato le vittorie. Sono i jihadisti di Hayat Tahrir al-Cham (HTS, ex ramo siriano di Al-Qaeda) che dominano più della metà della provincia di Idleb e settori adiacenti in quelli di Aleppo, Hama e Latakia.

Questi territori accolgono anche altri gruppi jihadisti, ma anche fazioni ribelli. Le forze governative stanno attualmente concentrando le loro operazioni nella provincia occidentale di Aleppo, ha affermato l’OSDH.

I proregimi stanno cercando di avanzare “verso il monte Cheikh Barakat”, che domina vaste regioni nella parte occidentale di Aleppo e a nord di Idleb, vicino al confine turco, secondo l’OSDH.

La Turchia ha una visione dei progressi del regime. Le tensioni tra Siria e Turchia hanno creato attrito tra Ankara e Mosca, a sostegno dei campi opposti. Martedì, i due paesi hanno discusso della questione, ma finora non hanno prodotto nulla di “soddisfacente”, secondo la presidenza turca.

Paure per gli sfollati

Se il regime prende il controllo di Cheikh Barakat, queste regioni “potrebbero trovarsi nel raggio di azione dell’artiglieria del regime”, predice l’OSDH. Tuttavia, è qui che ci sono “campi per sfollati, che ospitano decine di migliaia di persone”.

Domenica, le forze del regime hanno conquistato tutte le località alla periferia della città di Aleppo, tenendo così alla larga jihadisti e ribelli che hanno sparato missili e proiettili mortali. “Questa uscita non significa la fine della guerra”, ha detto Assad lunedì, parlando di un “preludio alla sconfitta totale, prima o poi” dei suoi nemici.