La CIA utilizzava la società svizzera di crittografia per spiare decine di nazioni

402
CIA-intelligence
La CIA e l’intelligence tedesca hanno spiato per decenni le comunicazioni segrete dei governi di tutto il mondo in una partnership segreta, controllando una delle migliori società di crittografia e installando vulnerabilità backdoor nei suoi prodotti.
Fondata durante la seconda guerra mondiale, la società di crittografia svizzera, Crypto AG, ha fornito dispositivi all’avanguardia per la codifica delle comunicazioni in circa 120 paesi. A partire dal 1970, tuttavia, la CIA e il servizio di intelligence straniero della Germania occidentale, il BND, acquistarono e controllarono segretamente l’azienda, usando i suoi dispositivi per intercettare nemici e alleati, secondo un’indagine congiunta del Washington Post e del pubblico tedesco emittente ZDF, basato su una storia della CIA interna classificata.
Dapprima soprannominata “Thesaurus” e in seguito ribattezzata “Rubicon”, la CIA ha salutato l’operazione decennale come “colpo di stato del secolo” nella sua storia classificata.

“I governi stranieri stavano pagando molti soldi agli Stati Uniti e alla Germania occidentale per il privilegio di far leggere le loro comunicazioni più segrete da almeno due paesi stranieri.”

Sebbene le agenzie di intelligence abbiano stretto una relazione con l’azienda poco dopo la seconda guerra mondiale, nel 1970 avrebbero intensificato il loro ruolo a seguito di un accordo da 5 milioni di dollari per rilevare la società. Da lì, le agenzie hanno controllato praticamente ogni parte delle operazioni di Crypto AG, che vanno dalle assunzioni alle decisioni, alla direzione degli obiettivi di vendita e alla progettazione dei suoi dispositivi di crittografia ad alta tecnologia – con backdoor segrete accessibili solo a loro.

Tra i clienti dell’azienda, nessuno dei quali venne mai a conoscenza del coinvolgimento dell’agenzia di intelligence, includevano l’Iran, vari governi dell’America Latina, India, Pakistan e persino il Vaticano. Durante gli anni ’80 circa il 40% di tutti i cavi diplomatici e di altre trasmissioni governative analizzati dalla National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti ha attraversato i dispositivi di Crypto AG, suggerendo che le agenzie hanno prelevato una grande quantità di materiale dall’operazione di intercettazione.

La CIA ha fatto un giro di vittoria sull’apparente successo di Rubicon nella sua storia di 96 pagine, esaltando: “Immagina l’idea del governo americano di convincere un produttore straniero a dotarsi di attrezzature a suo favore. Parla di un nuovo mondo coraggioso.”

Mentre sia la Cina che l’ex Unione Sovietica erano diffidenti nei confronti di Crypto AG e non hanno mai fatto uso dei suoi prodotti durante il periodo di massimo splendore della Guerra Fredda Rubicon, i dispositivi compromessi sono stati utilizzati per raccogliere informazioni durante una serie di eventi geopolitici di alto profilo tra cui spiare i leader iraniani in tutto il mondo, la crisi degli ostaggi del 1979 e per alimentare le informazioni del Regno Unito sulle forze armate argentine durante la guerra delle Falkland.

Crypto AG ha guadagnato milioni di dollari in quasi 50 anni di attività, con i profitti divisi tra le due agenzie. Mentre il BND avrebbe usato alcuni dei fondi per finanziare le proprie operazioni sul campo, la CIA ha sfruttato i suoi proventi per acquistare società di crittografia concorrenti, apparentemente sperando di angolare il mercato e incanalare le vendite in Crypto.

Il BND si è ritirato dall’accordo nel 1993 per quello che la CIA ha definito una “tempesta di pubblicità”, dopo che un dipendente di Crypto è stato imprigionato in Iran e l’agenzia tedesca è stata costretta a pagare un forte riscatto per ottenere la sua liberazione. La CIA, tuttavia, ha semplicemente acquisito successivamente la quota del BND e ha continuato l’operazione fino al 2018, quando si ritiene che abbia venduto le attività dell’azienda. A quel punto, la preminenza dell’azienda era diminuita con l’ascesa della tecnologia di crittografia Internet più economica, anche se non è chiaro se la CIA abbia mai tagliato completamente i legami con l’azienda.

Gli attuali proprietari dell’azienda – che da allora hanno rinominato l’azienda come Crypto International – hanno comunque negato qualsiasi conoscenza del coinvolgimento con le agenzie di intelligence.

“Noi di Crypto International non abbiamo mai avuto rapporti con la CIA o BND – e per favore, citami”, ha detto al Post il presidente della società Andreas Linde. “Se quello che stai dicendo è vero, allora mi sento tradito e la mia famiglia si sente tradita, e sento che ci saranno molti dipendenti e clienti che si sentiranno traditi.”

Il governo svizzero, nel frattempo martedì, ha ordinato un’indagine sulla presunta operazione di raccolta di informazioni degli ultimi dieci anni decennale.