lunedì, Settembre 21, 2020
Home ESTERI La diplomazia da sola non porrà fine alla minaccia iraniana

La diplomazia da sola non porrà fine alla minaccia iraniana

-

I sostenitori dell’accordo iraniano dell’amministrazione Obama hanno inteso che la “diplomazia” è l’unica risposta alle minacce poste da Teheran. Alla domanda sulle loro politiche iraniane, i democratici in corsa per la nomina presidenziale del partito per il 2020 sottolineano la necessità di reinserire l’accordo o di concentrarsi nuovamente sulla diplomazia.

“Ritornerei all’accordo e utilizzerei il nostro rinnovato impegno per la diplomazia per lavorare con i nostri alleati”, ha dichiarato Joe Biden. “Quello che vorrei fare è negoziare: riunirò le persone proprio come ha fatto il presidente Obama anni fa”, ha dichiarato la senatrice Amy Klobuchar in un dibattito democratico il mese scorso. Il senatore Bernie Sanders ha affermato che gli Stati Uniti devono rafforzare le capacità diplomatiche e unirsi ad altri paesi per “capire le nostre differenze attraverso il dibattito”.

La traccia della sola diplomazia fondamentalmente fraintende la logica alla base della diplomazia in primo luogo. La diplomazia non esiste nel vuoto; fa parte dell’arsenale di politica estera di un paese. Quando si tratta di alleati, è la chiave per coltivare le relazioni. Ma quando si tratta di avversari, deve far parte di un approccio più olistico al lavoro. L’ironia è che i leader iraniani hanno avuto un grande successo impiegando un tale approccio nei confronti dei suoi avversari, proprio perché comprendono che l’Occidente ha paura della guerra e che ha in gran parte abbandonato l’idea di usare la forza come mezzo per i suoi fini strategici.

L’Iran è felice di giocare al gioco della diplomazia quando questo è a suo vantaggio, ma ha anche mezzi meno salati per ottenere ciò che vuole. Distribuisce consiglieri militari attraverso l’Islamic Revolutionary Guard Corps (IRGC) in paesi come la Siria, dove sono attualmente localizzate circa 800 truppe IRGC e dove ha anche reclutato mercenari dal Pakistan e dall’Afghanistan per combattere per il suo alleato, Bashar al-Assad. Finanzia Hezbollah e armare il gruppo terroristico con munizioni guidate di precisione. Trasferisce missili e tecnologie con i droni nello Yemen, e i suoi funzionari dell’intelligence si sono infiltrati in Iraq per ottenere una stretta di mano sulla politica di quel paese. Non è nemmeno timido usare mezzi militari quando necessario. Ha lanciato missili contro Israele, attaccato l’Arabia Saudita con missili da crociera, usato droni contro Israele, lanciato missili balistici contro le forze statunitensi e usato le sue milizie per attaccarli in Iraq e ha estratto navi nel Golfo di Oman.

Tutto ciò richiede una risposta da parte dell’Occidente che combini diplomazia e forza militare. Bisogna affrontare un paese come l’Iran alle proprie condizioni. Se schiera diplomatici e delegati paramilitari e sanziona attacchi missilistici contro le truppe statunitensi, allora gli Stati Uniti devono schierare diplomatici, radunare i propri alleati sul campo e investire in capacità di difesa missilistica. Sfortunatamente, il dibattito interno su come affrontare l’Iran tende ad essere una discussione “nulla”: o proviamo la diplomazia o facciamo la guerra. Per gli americani che diffidano di più guerre straniere, è naturale rispondere a questa impostazione optando per la diplomazia. Ma la guerra e la diplomazia non si escludono a vicenda; sono strumenti dello stesso kit. Iran, Russia e Cina, e altri avversari affrontano gli Stati Uniti su più fronti, attraverso la guerra economica, militare e politica e lo spionaggio.

L’Iran si vede coinvolto in una guerra totale con gli Stati Uniti, un fatto reso chiaro dalle costanti dichiarazioni del leader supremo del paese, l’Ayatollah Khamenei che definisce gli Stati Uniti “satanici” e “cattivi”. Per i leader di Teheran, questo è un religioso: lotta ideologica fino alla morte. Per vincerlo, gli Stati Uniti dovranno combatterlo a quei termini, il che inizia con il rifiuto di abbandonare unilateralmente tutte le opzioni non diplomatiche che ha a disposizione. Fondamentalmente, la politica degli Stati Uniti dovrebbe sempre cercare di contrastare l’Iran su più livelli, fornendo il tipo di leva che costringe Teheran a venire al tavolo con una mano indebolita, piuttosto che consentirgli di lanciare più missili, assumere più delegati e sanzionare di più sondare gli attacchi con impunità.


close







close






4,103FansLike
1,170FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...