Abbas rifiuta il piano di pace israelo-americano

174
Presidente palestinese Mahmoud Abbas

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha respinto solennemente il piano di pace israelo-americano martedì davanti al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, il quale ha dichiarato che avrebbe reso uno stato palestinese “Swiss Gruyere”, dopo aver rinunciato al voto il giorno prima. ”Una risoluzione per mancanza di supporto internazionale”.

“Noi (lo respingiamo)” perché “mette in discussione i legittimi diritti dei palestinesi”, ha ribadito denunciando in particolare l’assenza di Gerusalemme est nel futuro stato palestinese. Questo piano avrebbe reso la Palestina “uno stato frammentato”, ha insistito, riferendosi a una situazione di “apartheid” e all’assenza di sovranità per il suo popolo.

L’abbandono del voto su una risoluzione alla presenza di questo leader rappresenta una grave battuta d’arresto per i palestinesi, anche se assicurano all’unisono della Tunisia, che li rappresenta in seno al Consiglio, che i negoziati sul testo sono stati avviati la settimana scorsa.

Spiegano anche che volevano risparmiare il loro sostegno all’ONU, che era sottoposta a forti pressioni da parte degli Stati Uniti. Secondo un diplomatico occidentale, Washington ha minacciato di “ritorsioni”, in particolare finanziarie, nei confronti dei paesi che si sarebbero posti contro.

Un alto funzionario americano, richiedendo l’anonimato, ha accolto martedì la rinuncia. “Non presentando una risoluzione condivisa, il Consiglio di sicurezza dimostra che i vecchi modi di fare le cose sono finiti”, ha detto.

Domenica, gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno presentato ai loro partner del Consiglio di sicurezza una serie di modifiche al testo volte a rimuovere qualsiasi critica al piano svelato da Donald Trump il 28 gennaio.

Questo progetto utilizza una “soluzione a due stati”, ma propone di creare una capitale di uno stato palestinese ad Abu Dis, un sobborgo di Gerusalemme, mentre i palestinesi vogliono rendere l’intera Gerusalemme est la loro capitale.

Include anche un’annessione degli insediamenti israeliani, così come la Valle del Giordano in Cisgiordania, un territorio palestinese occupato dal 1967, con i confini infranti con le linee tracciate all’epoca. Prevede uno stato smilitarizzato per la Palestina.

Stato Sovrano

“Questi sono i nostri territori”, ha affermato Mahmoud Abbas prima del Consiglio di sicurezza. “Cosa ti dà il diritto di annetterli?” Ha chiesto agli israeliani, invitando “la comunità internazionale a fare pressione” su di loro per impedire questa prospettiva che potrebbe sorgere in seguito alle prossime elezioni israeliane ad inizio marzo.

Per l’ambasciatore americano presso l’ONU Kelly Craft, il piano, che prevede un investimento di 50 miliardi di dollari, “è realistico e può essere attuato. Non è un progetto congelato nella pietra, prendere o lasciare”, ha aggiunto riferendosi a “una proposta per avviare il dialogo”.

Tra i suoi emendamenti al progetto di risoluzione, Washington ha chiesto di eliminare la menzione di una visione di “due stati sovrani e democratici” per mantenere solo la qualifica di “stati democratici”.

In una dichiarazione congiunta prima della riunione del Consiglio di sicurezza, i membri dell’Unione Europea riuniti in questo organo (Belgio, Francia, Germania, Estonia, oltre alla Polonia ex membro) hanno sostenuto al contrario la creazione di “Uno stato unico, indipendente, democratico, sovrano e praticabile” per i palestinesi.

Per quest’ultimo e per molti dei suoi sostenitori, il progetto americano è sbilanciato e decisamente troppo favorevole a Israele.

Mahmoud Abbas ha ribadito che “gli Stati Uniti non possono più essere l’unico mediatore” per la pace in Medio Oriente. Ha invitato il “Quartetto (Stati Uniti, Russia, Unione Europea e Nazioni Unite) e i membri del Consiglio di sicurezza a organizzare una conferenza internazionale di pace”, senza fornire ulteriori dettagli.

Secondo l’ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite, Danny Danon, la pace non può avvenire se i palestinesi non cambiano leader. “È solo dopo la sua partenza che Israele e i palestinesi possono andare avanti”, ha detto, provocando indignazione per il segretario generale della Lega araba Ahmed Aboul Gheit, seduto alla sua destra, che ha dichiarato di essere “sbalordito”.

Dopo essere comparso accanto a Mahmoud Abbas davanti ai media riuniti in un hotel, anche l’ex primo ministro israeliano Ehud Olmert (2006-2009) ha contestato la dichiarazione di Danny Danon. Mahmoud Abbas “è un uomo di pace, contrario al terrore ed è l’unico partner con cui possiamo trattare”, ha detto.

Se il presidente palestinese può vantarsi il rifiuto del piano di Donald Trump, del sostegno della Lega araba, dell’Organizzazione per la cooperazione islamica e dell’Unione africana, le reazioni al piano americano hanno spesso mostrato moderazione.

I paesi europei non si sono mostrati uniti e, nel mondo arabo, diversi stati hanno espresso il loro sostegno a Washington, come gli Emirati Arabi Uniti, l’Oman e il Bahrein.