Libano in crisi ha un nuovo governo

173
libano-proteste

Il Libano ha finalmente adottato un nuovo governo che avrà il pesante compito di rilanciare un’economia in caduta libera e convincere i manifestanti ostili alla classe politica.

Quasi tre mesi dopo le dimissioni di Saad Hariri e più di un mese dopo la nomina del nuovo Primo Ministro Hassan Diab, sostenuto dal movimento sciita Hezbollah, è stato svelato un governo formato da 20 ministri nel Palazzo presidenziale di Baabda.

Hassan Diab, un accademico di 61 anni, ha promesso che il suo governo farà tutto il possibile per rispondere alle richieste del movimento di protesta che agita il paese dal 17 ottobre, chiedendo un rimodellamento del sistema politico e le dimissioni di una classe politica accusata di incompetenza e corruzione.

All’annuncio del nuovo governo, i manifestanti hanno bruciato pneumatici e tagliato diverse strade in tutto il paese, soprattutto nelle città prevalentemente sunnite di Tripoli (nord) e Saida (sud), e nella piccola città costiera di Byblos, a nord di Beirut.

Nella capitale, alcune centinaia di manifestanti si sono radunati all’ingresso di un viale che porta al Parlamento, bloccato da un posto di blocco della polizia. Hanno provato a strappare il filo spinato e hanno lanciato pietre contro le forze, che hanno risposto con gas lacrimogeni e attivato un cannone ad acqua.

“È un governo che esprime le aspirazioni dei manifestanti in tutto il paese” e “che lavorerà per soddisfare le loro richieste”, ha dichiarato Martedì sera Diab, citando “l’indipendenza della giustizia”, ​​”la lotta contro l’arricchimento illegale” e “lotta alla disoccupazione”.

L’accademico si era impegnato a nominare un governo di “tecnocrati indipendenti” in risposta alle aspirazioni della strada. “Tutti i ministri di questo governo sono tecnocrati e quindi lontani dalla politica e dai partiti”, ha detto Diab, che terrà la sua prima riunione di gabinetto mercoledì.

“Deridere il popolo”

“Vogliamo un nuovo Libano, un Libano senza corruzione”, ha protestato Charbel Kahi, già indignato a Beirut, prima dell’annuncio del nuovo governo. “Non lasciateli deridere il popolo libanese, formando un governo. Sono passati due mesi che aspettiamo, stavano condividendo le quote”, lancia questo contadino di 37 anni, che a malapena contiene la sua rabbia.

La tensione si è intensificata negli ultimi giorni, con scontri nel fine settimana tra manifestanti e forze dell’ordine, che hanno provocato oltre 500 feriti a Beirut. Tra i ministri ci sono nomi sconosciuti al grande pubblico, inclusi accademici. Il ministro degli Esteri Gebran Bassil, odiato dai manifestanti, è stato sostituito.

La squadra comprende un numero record di donne, sei, per la prima volta incluso il Ministro della Difesa. La nuova squadra era formata da un unico campo politico, quello del potente Hezbollah filo-iraniano e dei suoi alleati, la maggioranza in Parlamento. Ha ancora bisogno di un voto di fiducia da parte del Parlamento.

Tuttavia, anche tra questi alleati, ci sono voluti intensi negoziati per distribuire i portafogli. Accanto a Hezbollah, c’è in particolare la formazione sciita Amal, nonché la corrente patriottica libera (CPL), fondata dal presidente Michel Aoun.

Ancor prima dell’annuncio di martedì, il politologo Hilal Khashan credeva che un governo “costituito esclusivamente da tecnocrati” fosse “un sano desiderio”.

“Compito erculeo” 

Per il nuovo team, le sfide sono molteplici, in particolare a livello economico, in un paese che sta collassando sotto un debito al limite dei 90 miliardi di dollari (81 miliardi di euro), vale a dire oltre il 150% del suo prodotto interno lordo.

Saranno necessarie riforme strutturali, in particolare per sbloccare i miliardi di dollari di aiuti promessi dalla comunità internazionale. I manifestanti rimproverano le autorità incapaci di fornire servizi pubblici di base, mentre, a 30 anni dalla fine della guerra civile (1975-90), i libanesi vivono quotidianamente con tagli di elettricità, una scarsa rete idrica e una attuale gestione disastrosa dei rifiuti.

La Banca mondiale ha avvertito a novembre che metà della popolazione del Libano potrebbe presto vivere al di sotto della soglia di povertà, un terzo di quella attuale. Il governo dovrà anche affrontare il deprezzamento della sterlina libanese, che ha perso più di un terzo del suo valore rispetto al dollaro negli uffici di cambio.

Il compito che il governo deve affrontare “durante questo grave periodo è erculeo”, conferma Karim Mufti, ricercatore di scienze politiche. “Data la natura multidimensionale della crisi, sembra difficile prevedere soluzioni a breve termine ai problemi finanziari, economici e sociali del paese”, ha affermato.

Numerosi partiti di spicco hanno rifiutato di prendere parte alla formazione del governo, tra cui il movimento futuro di Hariri, le forze libanesi di Samir Geagea e l’addestramento del leader dei drusi Walid Jumblatt.