domenica, Agosto 9, 2020
Home ESTERI La Gran Bretagna guarda all'Egitto nell'era post Brexit

La Gran Bretagna guarda all’Egitto nell’era post Brexit

Il Cairo ha avviato una strategia di sviluppo sostenibile denominata Vision 2030

-

Egitto e Gran Bretagna hanno concordato un ampio partenariato economico mentre Londra guarda alla vita dopo che la Brexit e il Cairo si sono concentrati sullo sviluppo sostenibile congiunto.

L’accordo include partenariati scientifici, di ricerca e innovazione, formazione britannica per professionisti medici egiziani e 50 milioni di sterline dal Regno Unito “per sostenere la stabilità e la prosperità dell’Egitto“.

Londra spera di sfruttare la posizione dell’Egitto come centro per il commercio e la connettività in Africa. L’intendo è quello di fornire assistenza alle riforme per “sbloccare” i settori privati ​​dell’Egitto e sostenere la sua crescita economica.

L’annuncio è arrivato durante il vertice degli investimenti tra Regno Unito e Africa, con il primo ministro britannico Boris Johnson e il presidente egiziano Abdel Fattah El Sisi che hanno tenuto colloqui.

I due “hanno concordato sulla necessità di aumentare gli scambi tra il Regno Unito e l’Egitto”, ha affermato un portavoce di Johnson. Hanno inoltre accolto con favore la ripresa dei voli per Sharm El Sheikh, località turistica del Mar Rosso.

“Il Primo Ministro e il Presidente hanno parlato della collaborazione britannica ed egiziana nel campo dell’istruzione e si sono impegnati a svilupparlo nei prossimi anni”, ha detto il portavoce.

La Gran Bretagna ha già investito $ 48 miliardi in Egitto, afferma l’accordo. “Il Regno Unito è impegnato ad approfondire la sua cooperazione bilaterale con l’Egitto e accrescere le nostre forti relazioni commerciali”, ha affermato il ministro britannico per lo sviluppo internazionale, Alok Sharma.

“La nostra dichiarazione congiunta ci apre la strada per intensificare il nostro partenariato economico e sostenere l’Egitto nello sviluppo di un’economia sostenibile in grado di favorire le generazioni future”.

Il ministro egiziano della cooperazione internazionale, Rania Al Mashat, ha affermato che il Regno Unito è un “partner strategico”. Il Cairo ha intrapreso una strategia di sviluppo chiamata Vision 2030, concentrandosi sulla ri-energizzazione della sua economia.

La Gran Bretagna ha affermato che continuerà a fornire il suo “sostegno alla crescita economica inclusiva, alla gioventù e allo sviluppo sociale”. Pronto a versare milioni di sterline per sostenere le persone più emarginate dell’Egitto e combattere la disoccupazione.

“Quello che l’Egitto sta facendo per il Regno Unito è probabilmente di natura strategica e un accesso continuo”, ha affermato Theodore Karasik, consulente senior di Gulf State Analytics. “Il Cairo ha bisogno di investimenti da molte fonti”.

Karasik ha affermato che le relazioni con l’Egitto sono “parte integrante” di come ora il Regno Unito si è mostrato. Ha detto che “ricostruire l’Egitto è come una porta di accesso alla nuova Africa”.

“Post-Brexit la Gran Bretagna è profondamente legata a Suez e ai corsi d’acqua circostanti, da un punto di vista storico e ora nel contesto attuale della corsa geo-economica in Africa”, ha ribadito.

La Gran Bretagna si prepara a lasciare l’UE alla fine del mese. Johnson ha affermato che la partenza del Regno Unito significherà una nuova apertura e una nuova era di libertà commerciale globale.

Al vertice degli investimenti tra Regno Unito e Africa, i leader africani hanno affermato che la Brexit ha offerto un’eccezionale opportunità per creare nuovi legami commerciali. “A causa della Brexit, il Regno Unito deve ristrutturare le sue relazioni con i paesi del Medio Oriente e lo stanno facendo ormai da un paio di mesi”, ha affermato Karasik.

Ha detto che l’Egitto e l’Oman erano due “pietre miliari” della politica estera britannica perché erano vicini a stretti marittimi. Avere un “ancoraggio” regionale in Egitto “va davvero al cuore” del concetto di East of Suez, Karasik ha affermato, riferendosi alla politica militare britannica al di fuori dell’Europa.

La tensione globale, anche in Medio Oriente, ma anche oltre, ha portato alcuni in Gran Bretagna a chiedere una maggiore presenza militare al di fuori dell’Atlantico.

L’Egitto sta combattendo un’insurrezione terroristica nella penisola del Sinai, sebbene l’accordo non abbia fatto riferimento a questioni militari. Johnson e El Sisi questa settimana hanno partecipato a una conferenza a Berlino dedicata alla crisi libica.

“Il primo ministro ha sottolineato la necessità di un cessate il fuoco e di colloqui guidati dalle Nazioni Unite per trovare una soluzione politica al conflitto”, ha detto un portavoce di Johnson.


close







close






4,100FansLike
1,173FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Di Stefano, la gaffe e la risposta

0
​​Dopo aver confuso il Libano con la Libia, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano affida ad una chat su Telegram una sarcastica risposta: "WOW,...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...