L’Ayatollah Khamenei minimizza le proteste anti-potere

148
Ayatollah Khamenei

Il leader supremo dell’Iran, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha mantenuto un atteggiamento fermo nei confronti degli occidentali e ha lasciato intendere che le recenti proteste antigovernative non rappresentano l’intero popolo iraniano.

Decisivo nei principali fascicoli della Repubblica islamica, l’Ayatollah Khamenei ha particolarmente attaccato gli europei, accusandoli di essere i “valletti” degli Stati Uniti in merito al fascicolo nucleare, durante la sua predicazione alla moschea Mosalla di Teheran.

L’Ayatollah che per la prima volta guida la grande preghiera settimanale dopo otto anni, attacca anche gli Stati Uniti evocando come “pagliacci americani” che mentono “nel modo più vizioso”.

In risposta alle parole dell’Ayatollah, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump lo ha invitato a tenere a freno la sua lingua. “La cosiddetta ‘Guida Suprema’ dell’Iran, che ultimamente non è stata molto suprema, ha detto cose cattive sugli Stati Uniti e sull’Europa”, ha twittato Trump. “La loro economia sta collassando e la loro gente sta soffrendo. Dovrebbero stare molto attenti con le loro parole!”.

Il sermone è stato intervallato dagli slogan “Morte in America” ​​e “Morte in Israele” dalla folla, che affolla ampiamente la moschea sulla spianata circostante. All’inizio di gennaio, gli Stati Uniti e l’Iran, nemici giurati, sono apparsi sull’orlo del confronto militare diretto.

Il 3 gennaio Washington ha ucciso il generale iraniano Qassem Soleimani, un comandante delle Guardie rivoluzionarie e un architetto di influenza regionale iraniana, in un attacco con i droni a Baghdad. L’8 gennaio l’Iran ha sparato missili contro due basi a riparo degli americani in Iraq, ferendo 11 soldati americani.

Lo stesso giorno l’Iran ha abbattuto un aereo civile ucraino “per errore” subito dopo il decollo da Teheran. Il disastro ha lasciato 176 morti, per lo più iraniani e canadesi. Questo dramma è un “incidente amaro” che “ha bruciato i nostri cuori”, ha detto Ali Khamenei. “Ma alcuni hanno cercato di usarlo per far dimenticare il grande martirio e il sacrificio” di Soleimani.

“Un giorno di Dio” 

Khamenei si riferiva alle proteste degli ultimi giorni in Iran contro il ritardo con il quale le forze armate hanno ammesso la responsabilità dell’incidente. Lodando l’azione di Soleimani, presentato come “il più potente comandante nella lotta contro il terrorismo”, l’Ayatollah Khamenei ha dichiarato che il popolo iraniano era a favore della “fermezza” e della “resistenza” di fronte a i “nemici”.

“Il giorno in cui decine di milioni di persone in Iran e centinaia di migliaia in Iraq e in altri paesi, sono scesi in strada per rendere omaggio a Soleimani, questo giorno è un giorno di Dio”, ha dichiarato. “Il giorno in cui i missili del Corpo (Guardia Rivoluzionaria) hanno distrutto la base militare americana in Iraq è anche uno di quei giorni di Dio”.

Se la tensione iraniano-americana sembra essersi attenuata dopo la distruzione dell’aereo ucraino, questo ha suscitato indignazione in Iran. La polizia antisommossa è stata dispiegata con la forza a Teheran dopo che sono state organizzate proteste anti-potere quotidiane da quando l’Iran ha ammesso l’11 gennaio “l’errore” nell’incidente.

Concentrate a Teheran, le proteste sono apparse su una scala considerevolmente più piccola dell’ondata di proteste nazionali a novembre innescata da un aumento del prezzo della benzina, repressa al prezzo che ha causato almeno 300 morti secondo Amnesty International.

Secondo le immagini pubblicate sui social network, una cerimonia giovedì in memoria delle vittime dello schianto di Isfahan (al centro) si è trasformata in una manifestazione ostile alle autorità.

“Vigliacchi” 

Dopo la predicazione di Khamenei, la televisione di stato ha trasmesso filmati di raduni a sostegno del governo e delle forze armate nelle città di provincia. Fu un generale della Guardia Rivoluzionaria ad assumersi la responsabilità della distruzione dell’aereo ucraino, sostenendo che era stato causato da un operatore di batteria missilistica che aveva scambiato il Boeing per un “missile nave da crociera”, in piena allerta delle forze iraniane di fronte a una possibile risposta americana.

Sul dossier nucleare che avvelena le relazioni dell’Iran con la comunità internazionale, Ali Khamenei ha accusato i governi britannico, francese e tedesco di essere codardi nei confronti degli Stati Uniti.

“Ora ci sono prove che questi tre governi europei sono i servitori dell’America e questi governi codardi stanno aspettando che l’Iran si sottometta”, ha detto l’Ayatollah che afferma che gli occidentali non sono degni di fiducia.

Washington si è ritirato nel 2018 dall’accordo nucleare iraniano, ripristinando sanzioni asfissianti contro l’Iran. In risposta, Teheran si è liberata dagli impegni assunti nell’ambito di questo patto. Parigi, Berlino e Londra, parti dell’accordo, hanno lanciato un meccanismo per cercare di costringere Teheran a ritornare nel pieno rispetto del testo.