sabato, Agosto 8, 2020
Home ESTERI "Grande preoccupazione" nei confronti dei cittadini dell'UE in Gran Bretagna

“Grande preoccupazione” nei confronti dei cittadini dell’UE in Gran Bretagna

Il Parlamento Europeo esprimerà la sua “grande preoccupazione” per l’atteggiamento del governo di Boris Johnson nei confronti dei 3,3 milioni di cittadini dell’UE che vivono nel Regno Unito a seguito delle minacce di espulsione fatte da un ministro britannico.

In una risoluzione trapelata redatta dai principali gruppi politici e che dovrebbe essere sostenuta dai deputati mercoledì prossimo, l’amministrazione Johnson è accusata di aver creato “ansia” negli ultimi mesi. La condanna segue le osservazioni del ministro della sicurezza Brandon Lewis, che ha minacciato di espellere i cittadini dell’UE dal Regno Unito se non avevano richiesto lo status stabilito prima della scadenza del 30 giugno 2021.

Il ministro ha successivamente affermato che i suoi commenti erano stati esclusi dal contesto, sollevando preoccupazioni su quello che i gruppi politici del parlamento descrivono come annunci “contrastanti” da parte di Whitehall.

La risoluzione del parlamento avverte ulteriormente:

Senza un “documento fisico” che dimostri il loro diritto alla residenza alla fine del periodo di transizione il 1° gennaio 2021, esiste un “rischio di discriminazione nei confronti dei cittadini dell’UE27 da parte di potenziali datori di lavoro o proprietari che potrebbero voler evitare l’onere amministrativo supplementare di verifica online, o erroneamente temono di potersi mettere in una situazione illegale”.

La “diffusione geografica limitata” dell’assistenza offerta ai cittadini dell’UE “più anziani e vulnerabili”, compresi quelli che potrebbero avere difficoltà nell’uso delle applicazioni digitali, deve essere affrontata. 

La procedura di candidatura che i cittadini dell’UE devono seguire dovrebbe essere abbandonata per garantire che si presuma che possano conservare i loro diritti di vivere e lavorare nel Regno Unito.

La decisione di Johnson di rivedere il disegno di legge sull’accordo di recesso per consentire all’autorità di controllo indipendente, responsabile della supervisione delle politiche del Regno Unito nei confronti dei cittadini dell’UE, di delegare i propri poteri ad altri organismi è preoccupante.

Il parlamento dichiarerà inoltre che il livello di libera circolazione accordato ai cittadini dell’UE dopo la Brexit dovrebbe essere un fattore decisivo per decidere il “grado di cooperazione futura in altri settori”. Sir Ed Davey, leader dei Democratici liberali, ha dichiarato sulla risoluzione: “Questo conferma che Boris Johnson è inaffidabile, non mantiene la parola quando si tratta dei diritti dei cittadini dell’UE nel Regno Unito. Il rischio di un’altra catastrofe di Windrush è fin troppo reale con questo approccio vergognoso.”

Una lettera inedita del capo negoziatore dell’UE, Michel Barnier, al segretario della Brexit, Stephen Barclay, fa eco alle paure dei deputati. Barclay risponde difendendo l’approccio del Regno Unito e cercando aggiornamenti sugli schemi sviluppati dai governi dell’UE a 27. I dettagli della chiamata del parlamento all’amministrazione Johnson arrivano prima di un incontro tra il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e il primo ministro britannico a Downing Street mercoledì. L’ex ministro della difesa tedesco terrà un discorso, intitolato Old Friends, New Beginnings, nella sua ex università, la London School of Economics, prima di unirsi al primo ministro al N. 10, dove si prospetta tanta fiducia per il prossimo anno.

Fonti vicine a Von der Leyen hanno detto che avrebbe cercato di delineare privatamente le potenziali insidie ​​negli undici mesi che Johnson ha fissato come il periodo entro il quale concordare un accordo globale. Ma dall’UE affermano che il viaggio sarebbe il primo di una serie di iniziative progettate per spostare i negoziati sulla Brexit in una fase più collaborativa che eviti gli scontri degli ultimi tre anni. “Non vogliamo fare questo negoziato in pubblico, questo è certo”, ha detto un alto funzionario dell’UE.

Quando la posizione negoziale dell’UE verrà rivelata in forma di bozza all’inizio di febbraio, prima della sua adozione formale da parte dell’UE27 in una riunione dei ministri il 25 febbraio, conterrà solo “principi fondamentali” al fine di evitare uno scontro iniziale con il Regno Unito. Johnson ha affermato che il Regno Unito non si allineerà con le norme dell’UE dopo la Brexit, mentre si prevede che l’UE farà significative richieste di “parità di condizioni” al Regno Unito in cambio di un accordo commerciale a tariffa zero e zero quote.

Ma il dettaglio di tali richieste non dovrebbe essere stabilito nel mandato negoziale per evitare scontri quando i colloqui inizieranno sul serio all’inizio di marzo. Resta inteso, tuttavia, le richieste seguiranno da vicino quelle contenute nell’accordo concluso tra il governo di Theresa May e l’UE sul funzionamento del territorio doganale condiviso previsto nel backstop originale dell’Irlanda del Nord.

L’UE cercherà un allineamento dinamico con le norme sugli aiuti di Stato del blocco e la prosecuzione nella legislazione nazionale del Regno Unito delle direttive del blocco sullo scambio di informazioni in materia di fiscalità, regole di elusione fiscale e rendicontazione paese per paese da parte di enti creditizi e imprese di investimento .

Al Regno Unito verrà chiesto di riaffermare il proprio impegno a ridurre le misure fiscali dannose come definito nel codice di condotta dell’UE. Nel campo delle norme ambientali, fonti hanno affermato che l’UE “almeno” cercherà un impegno da parte del governo britannico di non abbassare le norme ambientali esistenti dell’UE in settori chiave quali emissioni industriali, obiettivi di qualità dell’aria, natura e biodiversità valutazioni di protezione e di impatto ambientale.

Fonti dell’UE hanno suggerito che il presidente francese, Emmanuel Macron, potrebbe spingere per un più stretto allineamento per garantire che il Regno Unito rimanga in linea con Bruxelles mentre Von der Leyen promuove il suo nuovo accordo verde. L’UE chiederà inoltre che il Regno Unito attui un sistema di tariffazione del carbonio efficace quanto il sistema di scambio di quote di emissioni dell’UE per le quote di emissioni di gas serra.

L’UE desidera inoltre clausole di non regressione nell’accordo commerciale sugli standard di protezione sociale e del lavoro. Il Regno Unito dovrebbe lasciare l’UE il 31 gennaio. Il disegno di legge sull’accordo di recesso tornerà ai Commons questa settimana e si sposterà alla House of Lords lunedì. Si prevede che sarà pubblicato nei libri di statuto entro la metà del mese e il parlamento europeo voterà per ratificare l’accordo il 29 gennaio, secondo un progetto di agenda trapelato.


close







close






Lascia un commento!

- Advertisment -

I PIU' LETTI

Di Stefano, la gaffe e la risposta

​​Dopo aver confuso il Libano con la Libia, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano affida ad una chat su Telegram una sarcastica risposta: "WOW,...

Dal commercio ai trasporti, all’arte: ecco i settori più colpiti dalla crisi

Secondo un'indagine di Eurostat sull'impatto del Covid-19 sulle industrie dell'Ue, nel primo trimestre 2020 le attività che hanno sofferto di più sono state il...

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy. MakeIdentity mixa tecnologia e privacy per massimizzare conversione e utilizzo dei dati personali degli ospiti. Intervista a Marco Giacomello...

Il presidente Mattarella alle Regioni: “Attuare art. 2-3 Carta è un dovere”

"In questi 50 anni le Regioni si sono affermate come componente fondamentale dell'architettura della Repubblica. Le Regioni si sono rivelate forte elemento di coesione...

COMMENTI RECENTI

Annina Malito on Storie di ordinaria violenza
Massimiliano Palladini on Irregolare una mensa scolastica su 3
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Riccardo pieroni on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Elogio della confessione
marco bacigalupi on Elogio della confessione
Emilio Carnelli on Nonno, ti faccio la festa
Catalogna – per la UE è win-win – Così va il Mondo on Catalogna e Lombardia: di Stato e Nazioni