adv-913
<< ESTERI

Australia: le star si mobilitano per aiutare le vittime del fuoco

| 6 Gennaio 2020 | ESTERI
Australia in fiamme

Personaggi come la tennista Ashleigh Barty, Nicole Kidman e Pink, si sono mobilitati lanciando raccolte di fondi o donazioni, per i pompieri e le vittime degli incendi che devastano l’Australia e hanno causato un totale di 24 morti.

All’indomani di una giornata particolarmente violenta di incendi, la domenica ha fornito una tregua con temperature più fredde e pioggia in alcune parti degli stati di Victoria e del Nuovo Galles del Sud (sud-est). Ma le città della costa orientale sono immerse nell’oscurità, le ceneri si sono posate sui villaggi mentre le grandi città soffocano in un fumo molto denso. La capitale Canberra è stata posizionata alla testa delle città più inquinate del mondo, davanti a Delhi e Kabul, a causa dei fumi emessi dalla vicina fiammata, da Air Visual, un sito indipendente che misura la qualità dell’aria.

Personalità sono impegnati e hanno raccolto milioni di dollari per sostenere i vigili del fuoco e le comunità colpite dagli incendi. Un montepremi lanciato dall’attrice Celeste Barber su Facebook per aiutare i vigili del fuoco ha raccolto in 48 ore 25 milioni di dollari australiani (15,5 milioni di euro) donati da tutto il mondo. Il numero uno al mondo di tennis, australiana Ashleigh Barty, il campione in carica al Roland Garros, ha annunciato che donerà alla Croce Rossa parte dei guadagni dal torneo di Brisbane alle vittime del fuoco. I suoi guadagni possono potenzialmente raggiungere i 250.000 $ (circa 225.000 euro).

La cantante americana Pink si è impegnata sabato a donare $ 500.000, un importo pari a quello promesso dall’attrice australiana Nicole Kidman. “Il supporto, i pensieri e le preghiere della nostra famiglia vanno a tutti coloro che sono stati colpiti dagli incendi in tutta l’Australia”, ha scritto l’attrice per “Australia” e “Eyes Wide Shut” su Instagram. Il presidente Emmanuel Macron ha annunciato domenica di aver proposto “aiuti operativi immediati” dalla Francia all’Australia per “combattere gli incendi, proteggere la popolazione e preservare la biodiversità”. Centinaia di proprietà sono state distrutte sabato e un uomo è morto mentre cercava di salvare la casa di un amico in uno dei giorni peggiori da quando sono iniziati gli incendi a settembre. Quasi 200 incendi continuano a bruciare, spesso fuori controllo, ma pochi hanno innescato avvisi di emergenza riguardo alla diminuzione della temperatura.

Milioni di australiani sono stati colpiti nel sud-est, la parte più popolosa del continente insulare, da questo disastro che le autorità non sono riuscite a contenere per diversi mesi. Ha già distrutto un’area equivalente al doppio del Belgio e causato 24 morti, tra cui tre pompieri. Gli incendi sono comuni in Australia in primavera e in estate. Ma sono stati particolarmente precoci e virulenti in questa stagione, in particolare a causa delle condizioni ancora più favorevoli per gli incendi causati dal riscaldamento globale. “Siamo in un territorio sconosciuto”, ha affermato Gladys Berejiklian, Premier del New South Wales, la cui capitale è Sydney. “Non possiamo dire di averlo già sperimentato. Non è così.” È stato dichiarato uno stato di emergenza nel sud-est dell’isola e venerdì sono stati dati ordini a oltre 100.000 persone di evacuare in tre stati.

Incendi e inondazioni

Molte località rimangono minacciate di incendi la domenica, in particolare intorno alla città di Eden, nel Nuovo Galles del Sud, vicino allo stato di Victoria.

“Abbiamo potuto vederlo entro 50 metri e c’erano detriti che cadevano dal cielo, tra cui ceneri bianche”, ha dichiarato John Steele, 73 anni, evacuato sabato sera dalla sua proprietà a nord dell’Eden. “Il cielo è ancora rosso.” Incendi e inondazioni: Cooma, nell’entroterra, ha dovuto affrontare due mali quando è crollata un’enorme torre d’acqua contenente 4,5 milioni di litri, spazzando automobili e coprendo case di fango.

Messaggio della regina

Di fronte alla gravità della crisi, il Primo Ministro Scott Morrison ha annunciato la più grande mobilitazione militare mai realizzata, vale a dire la chiamata di 3000 riservisti dell’esercito a dare una mano ai vigili del fuoco volontari sfiniti.

Le navi della Marina Militare e gli elicotteri da combattimento erano già state mobilitate venerdì per la più grande evacuazione lanciata dalla Seconda Guerra Mondiale in Australia, a Mallacoota (Stato del Victoria), dove 4.000 persone rimasero intrappolate sul lungomare dagli incendi che circondano la città. La regina Elisabetta II ha dichiarato di essere “profondamente rattristata” dagli incendi e ha ringraziato i servizi di emergenza “potenzialmente letali” per aiutare le persone. Migliaia di persone sono state sfollate, come Noreen Ralston-Birchaw, 75 anni, che ha perso la sua casa Mogo alla vigilia di Capodanno, a circa 100 km a sud est di Canberra. “Mentre parlo con te, non voglio tornare lì per vedere la mia casa in cenere” – ha detto – “Non voglio ricostruire lì.”

TAG: Australia, incendio, pompieri, regina, Star, Vigile del Fuoco, Vittime
adv-790
Articoli Correlati