adv-46
<< ESTERI

Libia: almeno 28 morti in un raid nella scuola militare di Tripoli

| 5 Gennaio 2020 | ESTERI
Raid a Tripoli

Almeno 28 persone sono state uccise e altre dozzine ferite in un raid aereo contro una scuola militare a Tripoli, ha riferito un portavoce del Ministero della Salute del governo dell’Unione nazionale (GNA). “Un raid aereo nella scuola militare di Tripoli ha ucciso 28 cadetti e ne ha feriti decine di più”, ha dichiarato Amin al-Hachemi.

Questa scuola militare si trova ad al-Hadba al-Khadra, una zona residenziale popolata nella capitale libica, sotto il controllo del GNA. Al momento dello sciopero, i cadetti si esibivano nel cortile principale prima di tornare nei loro dormitori.

Il ministero della salute GNA ha anche chiesto donazioni di sangue, invitando i donatori ad andare negli ospedali e nella banca del sangue. I sobborghi meridionali di Tripoli sono stati teatro di pesanti combattimenti dal 4 aprile, l’inizio dell’offensiva del maresciallo Khalifa Haftar, l’uomo forte della Libia orientale, per impadronirsi della capitale libica, sede del GNA riconosciuto da ONU.

Le forze del GNA hanno accusato le forze pro-Haftar del loro attacco sulla loro pagina Facebook, pubblicando foto dei feriti e delle vittime. Le forze di pro-Haftar non hanno finora rivendicato la responsabilità dello sciopero contro la scuola militare di al-Hadba al-Khadra. Dalla caduta del regime di Muammar Gheddafi nel 2011, la Libia è stata lacerata da conflitti fratricidi.

La missione delle Nazioni Unite in Libia (Manul) ha ripetutamente chiesto che ai settori civili venissero risparmiati gli scioperi che “potrebbero costituire crimini di guerra”. Dall’inizio dell’offensiva contro Tripoli, oltre 280 civili sono stati uccisi, secondo le Nazioni Unite. Più di 2000 combattenti sono anche morti e 146.000 libici sono stati sfollati, secondo la fonte.

TAG: Libia, morti, raid aereo, Tripoli
adv-334
Articoli Correlati