Bliz all’alba a Venezia; arrestati 50 affiliati dei Casalesi

Anche il sindaco di Eraclea (VE), un affiliato al clan di Casal di Principe.

834

Parte da Casal di Principe, in provincia di Caserta, l’indagine che all’alba ha portato all’arresto di affiliati al clan dei Casalesi a Venezia. Tra questi, è statoanche il sindaco di Eraclea (Venezia), Mirco Mestre, tra gli arrestati nel blitz anti-camorra che ha portato oggi a 50 arresti tra Casal di Principe e Venezia. Il sindaco, avvocato, era stato eletto nel maggio 2016, guadagnandosi per una manciata di voti la poltrona di primo cittadino con una lista civica di centrodestra. E non solo: nella notte è stato fermato anche Luciano Donadio, 53 anni, ritenuto un referente del clan dei Casalesi a Venezia, con lui è stato arrestato anche il figlio Adriano Donadio, titolare di una sala scommesse che è stata sottoposta a sequestro. Tra gli arrestati, a Casale, c’è Saverio Capoluongo, classe 1967 già noto affiliato.

La Guardia di Finanza e la Polizia, coordinate dalla Dda di Venezia, stanno eseguendo 50 misure cautelari (47 in carcere, 3 ai domiciliari) e 9 provvedimenti di obbligo di dimora e di altro tipo come il divieto si svolgere la professione di avvocato. Sequestrati beni per 10 milioni. Gli arresti sono scattati all’alba a Venezia e Casal di Principe, in provincia di Caserta, e in altre località del veneziano. I destinatari del provvedimento sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere di stampo mafioso e altri gravi reati.

Dia – Venezia

Sono ancora in corso di esecuzione sequestri preventivi per beni e valori pari a 10 milioni di euro. L’operazione, denominata “At Last”, vede la partecipazione di oltre 300 uomini anche del Servizio centrale investigazione criminalita’ organizzata della Guardia di Finanza di Roma e del Servizio centrale operativo della Polizia di Stato. I dettagli saranno illustrati dal procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Federico Cafiero de Raho, e dal procuratore distrettuale di Venezia, Bruno Cherchi, in un incontro con la stampa nei locali del tribunale di Venezia.