fbpx
adv-901
<< ESTERI

Trump accusa Putin: “Probabilmente è coinvolto in omicidi ed avvelenamenti”

| 17 Ottobre 2018 | ESTERI

Il presidente degli U.S.A., Donald Trump, ha recentemente ribadito un concetto ed ha espresso con parole dure l’antico odio verso la Russia che l’America si porta avanti da anni.

Una guerra fredda che non è mai terminata, al contrario di quello che credono molti esperti: la guerra silenziosa, fatta di alleanze con paesi medio-orientali; una gara tra due potenze mondiali. Una sfida tecnologica ed una guerra combattuta coi numeri.

Una guerra combattuta da intermediari delle due potenze mondiali: Stati Uniti d’America e Russia. Paesi del medio oriente o dell’Asia che fanno da tramite alle due grandi potenze e che sono alleate con l’una o con l’altra.

adv-729

Nelle parole di Trump: “Putin (il presidente della Federazione Russa) è probabilmente coinvolto in omicidi ed avvelenamenti, ma questo non sarebbe avvenuto negli Stati Uniti“.

Se sia l’inizio di una nuova guerra fredda, questo non possiamo saperlo. C’è, tuttavia, da ritenere che le parole pronunciate da Trump all’intervistatrice della CBS abbiano avuto un certo impatto sulle relazioni internazionali e che siano giunte in modo impetuoso al Cremlino.

Donald Trump non bada a spese, quando si tratta di commentare avvenimenti di politica interna ed internazionale. Ne è testimonianza l’ulteriore sua affermazione, che ha riconosciuto una probabile “interferenza della Russia nella campagna presidenziale (di Trump) del 2016“.

Se da un lato le dichiarazioni di Trump fanno temere il peggio, dall’altro c’è tuttavia un profondo desiderio di pace, a livello internazionale. Lo conferma la dichiarazione dello stesso Presidente (durante la medesima intervista) che ha dichiarato che “si fida del leader Nord Coreano Kim Jong Un, fintanto che non intervenga un fatto contrario che lo porti a confermare che si sta sbagliando”.

Calmate le acque col leader Nord Coreano, l’augurio che tutto il mondo si fa è che si plachino definitivamente le controversie tra U.S.A. e Russia: una continua escalation di accuse l’uno contro l’altro non può che far male alla pace mondiale.

Perché le alleanze strategiche dei vari paesi del medio oriente altro non sono che lo specchio del potere che Stati Uniti d’America e Russia hanno sul mondo. Ed è profondamente surreale che due grandi stati come questi ancora nel 2018 “giochino” a “Monopoli” con le vite delle persone.

Attendiamo una presa di coscienza da parte dei leader dei due stati più potenti del mondo, affinché il loro giusto senso etico e morale li porti sulla retta via. E’ vero che la guerra spesso si fa per motivi economici, ma ricordiamo che questa non è mai necessaria e che le vie della risoluzione dei conflitti internazionali possono passare anche attraverso comportamenti corretti, affermazioni rispettose e azioni pacifiche.

TAG: omicidi, pace, Putin, Relazioni internazionali, russia, Trump, USA
adv-817
Articoli Correlati