Mafia Capitale, le richieste per Carminati e Buzzi

Il processo di Mafia Capitale entra nel vivo. Il pm ha chiesto un totale di oltre 500 anni per ben 46 imputati.

710
Mafia Capitale Carminati Buzzi

Il processo di Mafia Capitale entra nel vivo. Tantissime sono le prove contro gli imputati, in grado di dimostrare in maniera abbastanza netta il legame tra imprenditori corrotti e funzionari pubblici. Di conseguenza, le richieste di pena appaiono piuttosto severe ed esemplari.

Il procuratore aggiunto Paolo Ielo e i sostituti procuratori Giuseppe Cascini e Luca Tescaroli hanno emesso le loro prime richieste. 28 anni di carcere per l’ex esponente dei Nuclei Armati Rivoluzionari Massimo Carminati. 26 anni e 3 mesi per il ras delle Cooperative Salvatore Buzzi. Il primo viene considerato come la mente di Mafia Capitale e di tutto ciò che ne è conseguito, mentre il secondo sarebbe uno dei suoi principali collaboratori. Ci sono volute quattro udienze per esaminare tutti gli elementi a carico dei 46 imputati, per un totale di ben 515 anni di carcere pre-assegnati. Tra le altre pene iniziali, da segnalare i 22 anni per l’ex manager dell’Enav Fabrizio Franco Testa, i 21 anni per l’ex ad di Ama Franco Panzironi, i 19 anni e 6 mesi per l’ex consigliere forzista del comune di Roma e della Regione Lazio Luca Gramazio e i 16 anni per l’imprenditore edile Cristiano Guarnera. Si parte dall’associazione mafiosa per arrivare all’usura, passando per corruzione e turbativa d’asta. Questi i principali capi d’imputazione per una squadra che, secondo il Tribunale di Roma, per diversi anni avrebbe condizionato la pubblica amministrazione con minacce e tangenti.

Non si sono fatte attendere le reazioni da parte dei legali dei diretti interessati. L’avvocato di Carminati Ippolita Naso si è detta “non stupita” dalle richieste e non vede l’ora di “replicare alle argomentazioni dei pubblici ministeri”, ritenendo l’entità delle pene esagerata nei confronti di vari soggetti. Anche i difensori di Buzzi, Alessandro DiddiPier Gerardo Santoro, sono poco convinti e parlano di “forzatura con la quale la Procura ha chiuso il processo di Mafia Capitale”. Inoltre, hanno sottolineato le vere dimensioni di “un fenomeno che non ha alcuna somiglianza rispetto a quello mafioso”.