fbpx
adv-871
<< SPORT

Serie A: Prima giornata positiva per le milanesi e per le romane

Bene anche Napoli e Juventus.
| 16 Agosto 2022 | SPORT

Prima giornata di Seria A che regala subito emozioni, in questo Week end di Ferragosto. Negli anticipi di Sabato, il Milan entra in scena a San Siro, ospitando l‘Udinese del nuovo corso Andrea Sottil.  Gara che inizia subito in salita per i campioni d’Italia, in quanto l’Udinese vuole tentare l’impresa già alla prima di campionato. Rodrigo Becao, porta in vantaggio i friulani, gelando San Siro, i rossoneri, pareggiano con Theo Hernandez con calcio di rigore quattro minuiti dopo e  passano in vantaggio con Rebic  al 15′ minuto di gioco. Due minuti di Udinese, tredici minuti di Milan con il risultato ribaltato in favore del Diavolo. Allo scadere del primo tempo, uno svarione difensivo, complice un mancato recupero a centrocampo mette i friulani di nuovo in  partita con Adam Masina. Nella ripresa Milan sempre più propositivo e padrone del campo, un gioco che ricorda lo sprint dei campioni d’Italia, in quel finale di campionato, Ibrahim Diaz segna il tre  a due,  riportando i rossoneri in vantaggio e con Rebic che al 68′ , sigla il quattro a due, cementando il risultato e regalando i primi tre punti in campionato a Pioli.

A Lecce, l’Inter di Simone Inzaghi, è di scena contro l’omonima squadra. Nerazzurri in vantaggio con Lukaku al 2′ minuto di gioco, confermando la sua vena di Inter e il suo gradito ritorno, sotto i riflettori di San Siro. Il Lecce, cerca di agguantare il pareggio cercando di sorprendere un Inter che appare ancora in fase di rodaggio, piuttosto scafata e prevedibile. I fatti, danno ulteriore conferma, quando il Lecce pareggia i conti con Assan Ceesay nei minuti di recupero del primo tempo. L’Inter si vede costretta a contenere il forcing del Lecce per evitare catastrofi e allo scadere del secondo, quando scocca il minuto 45, Dumfries subentrato a Darmian, devia in porta una palla piovuta in area per il due a uno finale dell’Inter che porta a casa tre punti, seppur soffrendo. nerazzurri, distanti ancora, dalla migliore condizione fisica dello scorso anno, Lecce pimpante e propositivo, con Strefezza tra i migliori in campo.

Il Torino di Juric, espugna il campo della neopromossa Monza. I granata, guadagnano i primi tre punti, dopo una prestazione che soddisfa il tecnico Juric , ma non lascia contento il tecnico del ,Monza, Stroppa. Granata in vantaggio al 43′ con Miranchuk e che raddoppiano al 66′ con Sanabria, nel finale di recupero, il Monza accorcia le distanza con Dany Mota al 95′.

adv-580

Amara sconfitta per la Sampdoria, che debutta con un due a zero rifilatogli dall’Atalanta di Gasperini. Al Galileo Ferraris, i blucerchiati, cercano di incamerare la prima vittoria, contro un’Atalanta che non è alla ricerca di punti salvezza, ma di un posto in Europa. I tre punti conquistati dalla Dea a Genova, portano la firma di Toloi che apre la marcature al 26′ del primo tempo e di Lookman nel pieno recupero del secondo tempo. Bergamaschi, positivi al debutto, mostrano il neoacquisto Lookman che sigla la sua prima rete in serie A. Blucerchiati, da rivedere a parte Caputo e Sabirij, il resto della squadra ha parecchio lavoro da fare.

Le sfide domenicali, iniziano con la Fiorentina che ospita la neopromossa Cremonese. I gigliati, passano in vantaggio con Bonaventura al 16′ minuto e tre minuti dopo la Cremonese pareggia con Okereke . Per i viola, guidati da Italiano non sarà certo una passeggiata, la Cremonese riesce a tener testa ad una Fiorentina che cerca di scardinare il muro difensivo degli avversari e ci riesce al 34′ con il neoacquisto Jovic, al suo primo goal in maglia viola e in serie A. Nella ripresa, ancora la Cremonese pericolosa e molto propositiva in fase offensiva fino ad agguantare il pareggio con Bianchetti al 68′. La gara, sembra chiudersi sul risultato di due a due, d’altronde meritato, visto il tasso tecnico della neopromossa Cremonese e della Fiorentina, il pari avrebbe appagato le due squadre. Al 95′, succede l’incredibile, complice l’ex portiere interista Radu che agevola un traversone di Mandragora, bloccando la sfera e  portandola oltre la linea di porta.

All’Olimpico la Lazio riesce a domare un Bologna ben messo in campo da Sinisa Mihailovic . Bologna in vantaggio al 38′, con un rigore segnato da Arnautovic . Nella ripresa,  la Lazio, trova finalmente il pareggio grazie ad un’autorete di De Silvestri al 68′. La squadra di Sarri, continua con il forcing, cercando di imporre il proprio gioco ad un Bologna, ben messo in campo e che si difende con ordine. Ciro Immobile al 79′ , porta in vantaggio la Lazio regalando i tre punti alla formazione guidata da Sarri. Per la cronaca al 6′ minuto, il portiere biancoceleste Maximiano, viene espulso dall’arbitro per aver toccato la palla fuori dalla propria area , lasciando la Lazio in dieci. Il Bologna, perde un altro giocatore -Soumaoro-per somma di ammonizioni .

Lo Spezia, batte l‘Empoli per una reta a zero, con una rete di Nzola al 36′. Per il tecnico spezzino, Gotti esordio positivo sulla panchina ligure, mentre per i toscani guidati da Zanetti esordio amaro, seppur si sia trattato di una gara equilibrata.

La Roma, batta la Salernitana per uno a zero. A Salerno i giallorossi di Mourinho, si impongono di misura, grazie al goal di Cristante, al 33′. Giallorossi, che incamerano tre punti e iniziano il campionato in modo positivo. Per la Salernitana, il merito di aver cercato con continuità di gioco il pareggio, ma a nulla è valso.

Al Bentegodi , disastro del Verona che cade sotto i colpi di un Napoli che mette in bella mostra il neoacquisto georgiano Kvaratskhelia. I partenopei stendono gli scaligeri con un roboante cinque a due, dopo aver subito il vantaggio iniziale dei padroni di casa, ad opera di Lasagna al minuto 29. Al 37′ ecco Kvaratskhelia pareggia seguito dal vantaggio di Osimhen al 48′ del primo tempo. Ripresa che parte nel segno del Verona grazie al goal di Henry-solo illusione-il Napoli reagisce e preme sull’acceleratore riportandosi in vantaggio con Zielinskij al 55′, seguito da Lobotka al 65′ e cinquina finale realizzata da Politano al 79′ e tutti alle docce. Napoli elettrizzante e Verona deficitario in fase difensiva.

Juventus vittoriosa allo Stadium, dove ospita il Sassuolo. Angel Di Maria, realizza la sua prima marcatura in bianconero ed in Serie A al minuto 26, Vlahovic al 43′, raddoppia su calcio di rigore e infine il terzo e ultimo goal sempre ad opera di Vlahovic al 51′. Tre a zero per la Juventus che parte favorita tra le pretendenti allo scudetto e con i primi tre punti incamerati. Sassuolo, da rivedere.

TAG: calcio, campionato italiano, Serie A
adv-193
Articoli Correlati