fbpx
adv-925
<< CULTURA

Il Canada tra meraviglie, opportunità e Vita nova

| 26 Giugno 2022 | CULTURA

Il Canada, un paese ricco avvolto da una natura spumeggiante e incontaminata con i suoi tre milioni di laghi, i parchi, le città in stile europeo, detiene molti primati come la produzione di sciroppo d’acero. Nonostante le basse temperature, anche fino a meno quaranta a Montreal e Toronto, città organizzate con intere aree sotterranee, il Canada viene considerato tra i paesi dove si vive meglio.

Il Servizio Sanitario eccelle ed è accessibile a tutti i cittadini, coprendo quasi tutte le spese. Una vera bellezza da scoprire e un’alternativa tra meraviglie, opportunità e Vita nova, sana e benestante.

adv-570

Il sito Canadacis.org invita a spostarsi in Canada per le tante opportunità di lavoro, successo e per l’ottima qualità di vita. E in un periodo di crisi e di riscaldamento globale non è da sottovalutare, compreso il santo fresco e le gelate invernali.

Il Canada, parte dell’America Settentrionale è uno dei paesi al mondo più grandi, ma con una popolazione di solo 33 milioni. Nonostante abbia ottenuto l’indipendenza dal Regno Unito nel 1931, resta una Monarchia Parlamentare Federale, che riconosce la Regina Elisabetta II, come capo di Stato e membro del Commonwealth britannico. Viene nominato infatti un governatore generale, che rappresenta la volontà della sovrana esercitando il potere esecutivo.

Il Canada è secondo per estensione solo alla Russia e sembra che il novanta per cento del territorio sia disabitato, con una popolazione inferiore a quella italiana. Infatti, le città si trovano quasi tutte vicino ai confini dell’USA, a circa trecento chilometri di distanza.

Le lingue più diffuse sono l’inglese e il francese, acquisite con la colonizzazione prima della Francia e poi del Regno Unito all’inizio del XVII secolo. La Francia nel tempo perde molti territori a favore degli inglesi e il 1 luglio 1867 diventa uno Stato Unitario con la Confederazione canadese. Ma i primi uomini arrivati in Canada sembra siano Asiatici e oggi oltre ai francesi e inglesi, convivono molte nazionalità tra cui tedeschi, ucraini, olandesi, polacchi. Ci sono anche molte tribù indiane, protette nelle riserve,  presenti prima della colonizzazione europea, come gli Irochesi, Algonchini, Uroni.

La bandiera con  la foglia d’acero, icona del Canada, viene inaugurata il 15 febbraio 1965 dalla Regina Elisabetta II. Per quanto riguarda la religione convivono più culti, anche se quella cattolica è la più diffusa in una società multiculturale. Il Governo ha predisposto persino una pista di atterraggio per gli UFO nel 1967 a St. Paul in Alberta, con una capsula del tempo da aprire nel 2067. Oltre a un monito su una targa, in cui si sollecita i nuovi arrivati a comportarsi con garbo e rispetto.

 Tra le sue città Ottawa è la capitale e il Québec quella più antica del nord America. Toronto invece è nota per le Cascate del Niagara e la Canadian National Tower.

Inoltre non sembra, ma Montreal è un’isola collegata da due ponti dove la lingua francese è molto diffusa. E proprio in questa città tra le più popolose della regione del Quebèc, ha origine l’hockey nel 1879. Ideale per gli amanti della neve,  con gli inverni lunghi e l’estati brevi, tanto da diffondere il detto: “Non so com’è stata l’estate. Quel giorno ero malato“. 

Tra le curiosità le temperature possono arrivare a -59gradi Celsius, e possiede la più grande riserva d’acqua mondiale. Non solo i supermercati offrono la frutta ai bambini e se si dimentica di pagare il parcheggio non sono previste multe, ma solo un richiamo per la volta successiva. Inoltre, nelle città canadesi si cena presto, i ristoranti aprono dalle 17.30, con la chiusura prima che cali il sole. E la mancia non è facoltativa, ma si lascia sempre, tranne nei fast food.

Oltre ai record elencati sembra che il paese chieda facilmente scusa, avendo sempre a disposizione un Sorry per ogni occasione. Tanto da introdurre una norma nel  2009 Apology Act, in cui si sottolinea che usare le scuse non significa dichiararsi colpevole, ma esprimere solo dispiacere per l’accaduto.

Grande cura e attenzione si riserva anche agli animali, bandendo gli ormoni per la crescita dei bovini e lasciando fare a madre natura.

Insomma per chi abbia voglia di un cambiamento radicale tra natura selvaggia, pace, benessere, freddo e un sano letargo, il Canada è l’ideale per un ottimo viaggio e sicuramente un futuro migliore, con tante occasioni e senza più afa e bagni di sudore.

Mi piacciono i canadesi

Mi piacciono i canadesi.
Sono così diversi dagli americani.
La sera tornano a casa.
Le loro sigarette non puzzano.
I loro capelli sono della misura giusta.
Credono davvero di aver vinto la guerra.
Non credono nella Letteratura.
Pensano che con l’Arte si sia esagerato.

Se nell’Ontario ammazzi uno con la macchina
È facile che ti mettono in galera.
Così tutti sono molto prudenti.

È difficile arricchirsi in Canada.
Mentre è facile far quattrini.

Se dai al cameriere un quarto di dollaro di mancia
Ti dice “Grazie.”

È brava gente.
Mi piace.
_Ernest Hemingway_

TAG: ACERO, AMERICA SETTENTRIONALE, benessere, Canada, colonizzazione, CONFEDERAZIONE CANADESE, emigrazione, energia, Francia, LAGHI, lavoro, LINGUA, Montreal, natura, opportunità, OTTAWA, QUEBEC, Regno unito, Storia, TORONTO
adv-5
Articoli Correlati