fbpx
adv-436
<< CULTURA

Cercà Maria pe’ Roma

| 12 Maggio 2022 | CULTURA

Quante volte durante una chiacchierata con un romano capita di ascoltare il detto: “Cercà Maria pe’ Roma”riferendosi a un’impresa confusa e quasi impossibileLa frase secolare è legata a un’icona della Vergine Maria visibile nel Passetto del Biscione, vicino a Campo de’ Fiori e che collega Piazza del Biscione con Via di Grottapinta. Il passaggio coperto, risale all’epoca romana e allora collegato al  Teatro di Pompeo vicino al Tempio di Venere Vincitrice, a cui si aggiunge la Curia Pompeii, luogo di ritrovo dei Senatori e dove poi viene assassinato il grande Cesare.

Nel Medioevo quest’area e i restanti edifici vengono usati per la nuova residenza della Famiglia Orsini, che aggiunge anche due chiese quella di Santa Barbara dei Librai e la Chiesa Santa Maria di Grottapinta, oggi sconsacrata. E proprio in quest’ultima chiesa che si trova l’icona della Madonna della Divina Provvidenza. Il dipinto però viene subito spostato nella galleria, noto appunto come il Passetto del Biscione, antico collegamento con il Teatro di Pompeo e parte poi del  Palazzo Orsini Pio Righetti. Il quadro viene realizzato dal pittore Scipione Pulzone conosciuto anche come Scipione da Gaeta, nel 1594.

adv-417

Per alcuni secoli l’immagine resta in ammirazione sotto lo sguardo dei fedeli, fino a quando alla bellezza non si aggiunge un sano stupore di fronte agli occhi della Vergine che prendono vita muovendosi. Infatti, il 9 luglio del 1796 i passanti notano lo sguardo animato e sembra che il miracolo coincida con altri dipinti della Vergine a Roma, attirando molti fedeli in cerca di grazie. E proprio per questo motivo e per proteggere il tabernacolo, si decide di chiudere uno dei passaggi, rendendo più nascosta la famosa icona. Vengono aggiunte le piccole porte e spostato il dipinto originale nella chiesa di San Carlo ai Catinari lasciando  nel passaggio una copia.

 

Negli ultimi anni il passetto viene restaurato e restituita alla sua bellezza con una copia del dipinto   dall’artista Raffaella Curti, pronto per essere trovato. La sua collocazione appartata ha generato nei fedeli  devoti  in cerca di miracoli il simpatico detto, non riuscendo a quanto pare a trovare la Vergine con il suo bambino.

Tante storie nascoste in poche parole, mondi che si lasciano attraversare perdendosi e scoprendo scorci di vita romana.

.

Mi piacciono di Roma gli angoli nascosti. Se mai avrò l’occasione di scrivere un libro su “I segreti di Roma”, vorrei raccontarne angoli che pochi conoscono, storie strepitose, leggendarie, legate a certi vicoli o a certe case, figure dirompenti e dimenticate, le avventure della Roma fascista, certi angoli dei Prati o dei Parioli, anche però certi aspetti misteriosi, quasi sempre ignorati, dei grandi monumenti.

Corrado Augias

 

TAG: ARTE SACRA, CERCA' MARIA PE' ROMA, CHIESE, DETTI POPOLARI, EPOCA ROMANA, ICONA SACRA, MADONNA, MIRACOLO, MOTTI ROMANI, ORIGINE, PALAZZO ORSINI, PASSETTO DEL BISCIONE, QUADRO, roma, SCIPIONE PULZONE, Storia, TEATRO DI POMPEO
adv-266
Articoli Correlati