fbpx
adv-817
<< AMBIENTE

Disastro ambientale: in Perù sversati oltre 10mila barili di petrolio

La compagnia spagnola Repsol ammette che l'entità dello sversamento
| 30 Gennaio 2022 | AMBIENTE

La compagnia spagnola Repsol ha ammesso venerdì che la quantità di petrolio sversato nel mare peruviano durante lo scarico di una petroliera presso la raffineria di La Pampilla il 15 gennaio ha raggiunto i 10.396 barili, equivalenti a 1,65 milioni di litri di greggio.

La cifra è leggermente inferiore agli 11.900 barili precedentemente stimati dal Segretariato per l’Ambiente del Perù, ma notevolmente superiore ai 6.000 barili che l’azienda aveva segnalato alle autorità peruviane nei giorni precedenti.

La nuova stima di Repsol è il prodotto del calcolo della quantità mancante del quasi milione di barili che la nave italiana Mare Doricum stava trasferendo al momento dell’incidente alla Raffineria La Pampilla, situata a Ventanilla, comune di Callao, il porto regione che circonda Lima.

La società ha però precisato che l’esatta entità della fuoriuscita potrà essere confermata solo una volta ricevuto il volume di greggio che è ancora nei serbatoi della nave, che resta ancorata nella baia di Callao con un ordine di immobilizzazione su cauzione di 150 milioni di suole (circa 39 milioni di dollari).

Repsol ha anche assicurato che il 35 per cento dell’olio fuoriuscito è già stato recuperato ripulendo il mare e le spiagge, secondo le “migliori stime” dell’azienda.

La società ha affermato che il suo unico obiettivo è porre rimedio alle conseguenze ambientali della fuoriuscita e, a tal fine, ha dispiegato “tutte le risorse umane e tecniche necessarie”, il che significa più di 2.000 persone sulle spiagge e decine di barche sulla alto mare.

La catastrofe ambientale ha colpito circa 100 chilometri di costa, mentre l’area coperta dalla marea nera è di circa 11,9 chilometri tra il mare e le spiagge, ha riferito venerdì il ministero dell’Ambiente in una conferenza stampa.

L’Agenzia per la valutazione e il controllo ambientale del Perù (OEFA) ha indicato che Repsol non ha rispettato le scadenze della prima serie di misure emesse per ripulire il disastro ambientale, per cui ha avvertito che l’azienda è esposta a multe milionari.

Nel frattempo, al direttore esecutivo della Repsol in Perù, Jaime Martínez-Cuesta, è stato impedito per 18 mesi di lasciare il Paese insieme ad altri tre dirigenti e funzionari della società, su richiesta della Procura, che cerca di determinare i responsabili del disastro. .

Le cause dell’incidente non sono ancora chiare, poiché la fuoriuscita è avvenuta nel momento in cui un piccolo tsunami ha raggiunto le coste peruviane causato da un’eruzione vulcanica a Tonga che ha innalzato il livello del mare in modo insolito e fatto penetrare acqua per diversi metri al suolo .

A quel tempo, le autorità peruviane non avevano emesso alcun allarme tsunami, come era avvenuto in altri paesi della costa del Pacifico, compresi i vicini Cile ed Ecuador.

Questa condizione anormale del mare avrebbe causato la rottura dell’ormeggio di una nave, ma finora non si sa dove si sia verificata la perdita e per quanto tempo il greggio è stato versato nell’oceano fino a quando è stato possibile interrompere il pompaggio.

In un primo momento, Repsol ha riferito la situazione alle autorità peruviane come un incidente minore in cui erano stati versati 0,16 barili (25 litri), quindi la vera entità del disastro è stata nota pubblicamente solo il giorno successivo, quando una chiazza di petrolio ha iniziato a macchiare il spiagge di Ventanilla.

TAG: disastro ambientale, Perù, Petrolio, Repsol
adv-670
Articoli Correlati