fbpx
adv-868
<< ESTERI

Il camion dell’esercito birmano investe i manifestanti

| 6 Dicembre 2021 | ESTERI

Un camion dell’esercito si è lanciato domenica contro una marcia pacifica di manifestanti anti-governativi nella più grande città del Myanmar governata dai militari, uccidendo almeno tre persone, hanno riferito testimoni e un organizzatore di proteste.

La marcia di domenica è stata una delle almeno tre tenutesi a Yangon, e manifestazioni simili sono state segnalate in altre parti del paese un giorno prima del verdetto previsto nel primo di una dozzina di casi penali contro il leader civile del Myanmar Aung San Suu Kyi, che era rovesciato in un’acquisizione militare il 1 febbraio.

Un video pubblicato sui social media mostrava un piccolo camion dell’esercito in corsa che si dirigeva verso i manifestanti da dietro. Si sentono delle voci che dicono: “La macchina sta arrivando…Per favore aiutatemi! Colpì i bambini… Oh! … Morto! … Corri corri!” Il video mostra una dozzina di persone che corrono dal posto.

Un testimone ha detto che i manifestanti erano sulla sua strada da appena due minuti quando il camion militare li ha colpiti, lasciando tre persone immobili sulla strada.

“Circa cinque soldati armati sono scesi dal veicolo e hanno inseguito i manifestanti”, ha detto il testimone, che ha insistito sull’anonimato per paura dell’arresto. “Hanno aperto il fuoco e arrestato anche dei giovani che erano stati investiti dall’auto. Almeno 10 persone sono state arrestate”.

Un lavoratore di una squadra di soccorso di emergenza locale, che ha anche insistito sull’anonimato, ha affermato di aver portato due uomini e una donna, tutti poco più che ventenni e gravemente feriti, in un ospedale militare per le cure.

La televisione di Stato ha riferito che 11 manifestanti erano stati arrestati, tra cui tre feriti.

Le forze di sicurezza hanno già usato le auto per attaccare i manifestanti da quando l’esercito ha preso il potere. Hanno anche usato liberamente munizioni vere, uccidendo circa 1.300 civili, secondo un elenco dettagliato stilato dall’Associazione di assistenza ai prigionieri politici.

L’uso della forza letale da parte dell’esercito e della polizia ha portato a proteste di piazza meno vaste, che sono state sostituite da cortei piccoli e rapidamente organizzati che di solito si disperdono al primo sguardo delle autorità.

Le morti di domenica nel quartiere Kyeemyindaing di Yangon non sono state immediatamente confermate.

Un altro testimone ha detto che quando diverse persone sono venute a raccogliere i loro oggetti, sono arrivati ​​altri tre veicoli militari e ne hanno arrestati diversi.

“Almeno quattro persone, tra cui due ragazze che piangevano vicino alle scarpe, sono state arrestate”, ha detto. “I soldati ci hanno detto di entrare o ci avrebbero sparato”.

Una dichiarazione rilasciata dal governo di unità nazionale, un gruppo di opposizione clandestino che si è costituito come amministrazione parallela del Paese, ha denunciato l’incidente, in cui si affermava che cinque persone erano state uccise e ferite più gravemente.

“La natura casuale degli attacchi – uccidere e mutilare indiscriminatamente, non è casuale. L’intenzione della giunta è chiara: creare quanta più paura e panico possibile. Infliggi più dolore, trauma e sofferenza possibile, senza preoccuparti di chi siano le loro vittime. Rafforzare il messaggio che chiunque in qualsiasi momento può essere ucciso, arrestato, picchiato o ferito, semplicemente perché si trova nel posto sbagliato”, afferma la dichiarazione, firmata dal portavoce del gruppo e ministro della cooperazione internazionale, il dottor Sasa.

La dichiarazione ha ribadito l’appello del gruppo all’azione internazionale per aiutare a cacciare il governo militare.

Circa 30 persone hanno preso parte alla marcia, secondo un membro dello Yangon People’s Strike, il gruppo di resistenza locale che l’ha organizzata. I media pubblicati online hanno mostrato che i manifestanti portavano cartelli con l’immagine di Suu Kyi e chiedevano l’immediato rilascio dei leader civili detenuti nel Paese.

L’organizzatore, che ha parlato a condizione di anonimato a causa della minaccia di arresto, ha affermato che il gruppo ha organizzato tali proteste per mantenere i residenti coinvolti nella lotta contro il governo installato dai militari.

Allo stesso tempo, gruppi militanti di guerriglia urbana hanno attaccato funzionari e piazzato bombe, mentre un conflitto armato aperto ha travolto le aree rurali, portando a un avvertimento che il paese potrebbe scivolare nella guerra civile.

Da quando è stata detenuta dai militari, Suu Kyi è stata accusata di aver violato le norme sul coronavirus fino alla corruzione. Sono visti come escogitati per screditarla e giustificare l’acquisizione militare.

L’esercito sostiene di aver agito perché le elezioni dello scorso novembre sono state contrassegnate da diffusi brogli elettorali. Osservatori indipendenti dei sondaggi, vinti dal partito National League for Democracy di Suu Kyi, affermano di non aver visto alcuna prova che giustifichi l’affermazione dell’esercito.

TAG: Aung San Suu Kyi, Birmania, scontri
adv-740
Articoli Correlati