adv-218
<< EUROPA

Lgbt Ungheria: Viktor Orban intensifica la guerra culturale con l’UE

| 22 Luglio 2021 | EUROPA

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha intensificato una guerra culturale con l’Unione europea annunciando un referendum sulla legislazione che limita l’insegnamento nelle scuole su omosessualità e questioni transgender.

La Commissione europea la scorsa settimana ha avviato un’azione legale sulle misure, che sono state incluse negli emendamenti alle leggi sull’istruzione e sulla protezione dei bambini. In caso di successo, Bruxelles potrebbe sospendere i finanziamenti per l’Ungheria mentre le restrizioni vengono mantenute.

Ma Orban sembrava pronto ad alzare la posta.

“È in gioco il futuro dei nostri figli, quindi non possiamo cedere terreno su questo problema”, ha detto in un video su Facebook. “Nelle ultime settimane, Bruxelles ha chiaramente attaccato l’Ungheria per la sua legge sulla protezione dei bambini. Le leggi ungheresi non consentono la propaganda sessuale negli asili, nelle scuole, in televisione e nelle pubblicità”.

La Commissione europea non ha immediatamente commentato.

In un vertice del mese scorso, altri leader dell’UE hanno criticato Orban sulla legislazione, che secondo loro discrimina le persone gay e transgender. Il primo ministro olandese Mark Rutte gli ha detto di rispettare i valori dell’UE o di lasciare il blocco.

Orban, che è al potere dal 2010 e affronta le elezioni del prossimo aprile, si presenta come un difensore dei valori cristiani tradizionali contro il liberalismo occidentale. Deve parte del suo successo elettorale a una linea dura contro l’immigrazione, ma poiché quell’argomento ha smesso di dominare l’agenda, ha inchiodato i suoi colori alle questioni di genere e sessualità.

“Non ci sono praticamente migranti in Ungheria, mentre ci sono molte persone LGBTQ e persone sensibili a questo problema”, ha affermato Zoltan Novak, analista del think tank Center for Fair Political Analysis.

I nuovi emendamenti, che hanno causato ansia nella comunità LGBT, vietano l’uso di materiali considerati come promozione dell’omosessualità e del cambiamento di genere nelle scuole, apparentemente come misura per prevenire gli abusi sui minori.

Orban non ha dato una data per il referendum, ma ha detto che conterrà cinque domande.

Agli ungheresi verrà chiesto se sostengono lo svolgimento di seminari sull’orientamento sessuale nelle scuole senza il consenso dei genitori e se ritengono che le procedure di riassegnazione di genere dovrebbero essere promosse tra i bambini, ha affermato Orban.

Verrà inoltre chiesto loro se i contenuti che potrebbero influenzare l’orientamento sessuale dovrebbero essere mostrati ai bambini senza alcuna restrizione e se le procedure di riassegnazione di genere dovrebbero essere messe a disposizione dei bambini.

Mentre Orban svelava i suoi piani, il sindaco di Budapest Gergely Karacsony, in competizione con altri candidati dell’opposizione per diventare lo sfidante di Orban alle elezioni del prossimo anno, ha annunciato un piano per cercare di tenere un referendum entro aprile sulle politiche chiave del governo.

Questi includono i piani per la costruzione di un’università cinese a Budapest e l’assegnazione di una concessione di 35 anni per la gestione di circa 2.000 km (1.200 miglia) di autostrade e strade pubbliche.

TAG: Bruxelles, Lgbt, UE, ungheria, Viktor Orban
adv-516
Articoli Correlati