fbpx
adv-871
<< ECONOMIA

Opec incerto sulla quantità da estrarre; prezzi alle stelle

Produttori in disaccordo, sale il prezzo del petrolio
| 8 Luglio 2021 | ECONOMIA

Il petrolio vola ai massimi da oltre sei anni spinto dallo stallo all’Opec+, il cartello di paesi produttori di greggio, dove un accordo sulla produzione appare lontano. Le quotazioni del greggio Wti sono schizzate ieri fino a 76,98 dollari prima di ripiegare, in un rallentamento che gli analisti ritengono solo fisiologico in attesa di un nuovo balzo. Avanza deciso anche il Brent, volato a 77,84 dollari.

Come spiega l’Ansa, a pesare sono le conseguenze di un mancato accordo all’Opec+ che fa temere una stretta nelle forniture sul mercato in un momento in cui i consumi ripartono fra il boom delle vacanze estive e l’allentamento delle restrizioni per il Covid.

All’interno del cartello dei paesi produttori gli Emirati Arabi Uniti premono per livelli più alti della produzione incontrando però la resistenza dell’Arabia Saudita. I tentativi di mediazione non si sono finora tradotti in risultati agitando lo spettro di una guerra dei prezzi fra i produttori, con un conseguente aumento dei prezzi per i consumatori.

adv-841

I prezzi della benzina negli Stati Uniti sono già saliti a 3,13 dollari al gallone (un gallone sono 3,8 litri) dai 3,05 dollari del mese scorso. E la corsa sembra destinata a continuare, con un aumento di altri 10-20 centesimi entro la fine di agosto. Rincari anche in Italia, dove i prezzi della benzina sono schizzati ai massimi dal 2018, con un aumento del 16,4% dall’inizio dell’anno.

TAG: greggio, Opec, Petrolio, prezzi
adv-259
Articoli Correlati