adv-539
<< CULTURA

Buon Compleanno Leopardi qui “Tutto è male!”

| 28 Giugno 2021 | CULTURA, LIBRI

Il 29 giugno festa di San Pietro e Paolo, patroni di Roma, ricorre anche l’anniversario della nascita di Giacomo Leopardi, nato a  Recanati il 29 del 1798 e spento a Napoli il 14 giugno del 1837, forse per edema polmonare.

Il grande poeta, scrittore, di origine nobile è figlio del Conte Monaldo e della marchesa Adelaide Antici. La madre appare particolarmente severa e sembra che Leopardi anche per una passeggiata, dovesse chiederlo  una settimana prima.

Leopardi, vive un’esistenza tormentata, di solitudine e amarezza verso un mondo avverso, diventando uno dei massimi esponenti del Romanticismo. Il padre, filosofo e politico, ha una ricca biblioteca,  dove Leopardi si rifugia e appaga la sua fame di sapere, nutrendo e forgiando i pensieri, ispirato dalle idee illuministe.
Studioso appassionato, a undici anni traduce le Odi di Orazio e a quattordici scrive due tragedie. Un anno dopo compone la “Storia dell’astronomia” e impara da solo il latino, il greco antico e l’ebraico. Forse preferisce isolarsi tra i libri, piuttosto che aspettare l’approvazione della madre per una boccata d’aria.

adv-644


Il poeta comunque,  non si mostra dimesso come appare nell’immaginario curvo e indifeso, ma spesso ha un atteggiamento sprezzante verso chi lo circonda. Tra i pochi amici che lo accompagnano Giordani, Stella e Ranieri. E secondo lo studioso Giovanni Dall’Orto, il rapporto tra Antonio Ranieri e Leopardi non è solo di amicizia e si parla di una presunta omosessualità del poeta.
Leopardi inoltre, ha molte fobie,  come quella dell’acqua, per questo motivo  probabilmente tende a farne poco uso. Non tollera il nome Teresa e  soprannomina Silvia, la sua amata Teresa Fattorini.
Vive tormentato dai conflitti interiori, a cui si aggiungono i problemi fisici, forse dovuti alla tubercolosi ossea, che gli provocano la gobba. E che fanno maturare in lui una personale filosofia e visione dell’esistenza, con il noto pessimismo storico (1818-1822) e la natura maligna (1824-1835) e punitiva. Un malessere espresso nei versi  lirici e civili con  circa 240 opere come i Canti, Il passero solitario, La sera del dì di festa, Alla luna, A Silvia,  Canto notturno di un pastore errante dell’Asia, Il sabato del villaggio, La ginestra, L’infinito.

Vanno ricordate anche le Operette morali e lo Zibaldone di pensieri e in quest’ultima raccolta del 1817-1832, che Leopardi riporta riflessioni varie, come Il giardino della sofferenza, La felicità e la noia e Tutto è male. Lo Zibaldone rappresenta la somma dei suoi pensieri, le idee, i fatti e le opere.

Il diario è composto da circa 4526 pagine e tra queste riflessioni profonde ci sono anche appunti culinari, del grande genio e filologo, ghiotto di dolci, cioccolata, tarallucci zuccherati, frittelle, gelati, granite e confetti di Sulmona. Si racconta anche della particolare abitudine di pranzare a mezzanotte e vengono citate nelle pagine fino a 49 piatti preferiti. Mentre manda “A morte la minestrina”. 

Ma il cibo non basta a saziare la sua fame esistenziale e inveisce contro la natura maligna, che crea  e sistematicamente distrugge, incurante del destino dell’uomo, ma solo del ciclo naturale e meccanicistico della natura.


Tra le tante curiosità sembra che si lavasse poco e un aneddoto racconta, che durante il suo viaggio a Roma nel 1822, venga rifiutato persino dalle prostitute, per l’aspetto poco piacevole e soprattutto maleodorante, infestato anche di pidocchi. L’igiene comunque in quel periodo non è certo una pratica molto usata e gli aristocratici non fanno differenza. Si veste male e lava di rado, tanto che la biancheria intima è soggetta a un prelavaggio prima di essere affidata alla lavandaia.
Poco fortunato in amore, si consuma in sentimenti tristi e univoci, che probabilmente incidono sul suo pessimismo, inizialmente individuale, poi storico, fino a diventare cosmico. Definiti forse all’apice delle sue solitudini e delusioni. Chissà forse con qualche bagno in più, sarebbe andata meglio.

Comunque, il nome dato all’opera,  lo Zibaldone, indica proprio l’insieme di cose diverse. Una sintesi della sua vita e l’espressione più intima della sua anima.
Tutto è male esprime il pessimismo   sulla condizione umana. Pensieri utili per chi come lui si riconosce distante da un mondo feroce e soccombe alla sua forza in un muto dolore.
L’illusione di avvicinarsi al suo pensiero e condividere per un attimo una generale ostilità chiamata vita.

La speranza di elevare l’uomo verso un’ipotetica immortalità attraverso una poesia dissacrante e lucida nelle parole di un genio. Un ultimo grido che tuona nell’universo prima dell’oblio, in un’interpretazione vera, sofferta e inerme dell’animo umano.

Buon Compleanno Leopardi, ovunque tu sia, qui “Tutto è male!”

Tutto è male. Cioè tutto quello che è, è male; che ciascuna cosa esista è un male; ciascuna cosa esiste per fin di male; l’esistenza è un male e ordinata al male; il fine dell’universo è il male; l’ordine e lo stato, le leggi, l’andamento naturale dell’universo non sono altro che male, né diretti ad altro che al male.
Non v’è altro bene che il non essere; non v’ha altro di buono che quel che non è; le cose che non son cose: tutte le cose sono cattive. Il tutto esistente; il complesso dei tanti mondi che esistono; l’universo; non è che un neo, un bruscolo in metafisica. L’esistenza, per sua natura ed essenza propria e generale, è un’imperfezione, un’irregolarità, una mostruosità”.

TAG: 29 giugno 1798, anniversario, Canti, compleanno Leopardi, diario, filosofia, Giacomo Leopardi, igiene, illusione, malattia, nascita, natura maligna, opere, ottocento, pensiero, pessimismo cosmico, pessimismo individuale, pessimismo storico, poesia, poeta, Recanati, Romanticismo, scrittore, solitudine, tormenti, Tutto è male, Zibaldone di pensieri
adv-250
Articoli Correlati