fbpx
adv-612
<< CRONACA

Indagato Vittorio Sgarbi per la vendita illecita del ‘Concerto con bevitore’

Una tela del '600 valutato 5 milioni di euro
| 25 Giugno 2021 | CRONACA

Si chiama “Concerto del bevitore”, è un quadro autentico attribuito al maestro caravaggesco Valentin de Boulogne dal valore commerciale stimato in cinque milioni di euro e potrebbe costare caro a Vittorio Sgarbi – qualora le indagini accertassero le sue responsabilità – averlo esportato illecitamente nel Principato di Monaco. Il critico d’arte e deputato della Repubblica, infatti, è indagato a Siracusa per l’esportazione illecita della tela insieme alla compagna storica Sabrina Colle.

Secondo gli inquirenti sarebbero loro, infatti, i proprietari “o comunque i detentori” del dipinto, che i carabinieri del Comando tutela del patrimonio culturale hanno ritrovato in un appartamento nel Principato di Monaco. Secondo gli inquirenti Sgarbi avrebbe provato a vendere la preziosa tela del ‘600 del pittore Valentin de Boulogne pur non essendo in possesso dell’attestato di libera circolazione o licenza di esportazione. Per esportare all’estero opere d’arte, infatti, bisogna essere in possesso di questo attestato. I carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale lo hanno rintracciato e riportato in Italia dopo aver ricostruito tutte le fasi della vendita.

Dipinto ‘Concerto con Bevitore’

adv-330

L’illecita esportazione – scrivono i militari in una nota – aveva l’obiettivo di mettere in commercio il quadro sul mercato internazionale dell’arte, attraverso l’opera di mercanti e collezionisti, utilizzando uno stand espositivo presso una nota fiera internazionale. Al momento risultano indagate dalla Procura di Siracusa cinque persone le cui accuse vanno, appunto, dall’esportazione illecita al reato transnazionale in concorso. Sgarbi risulterebbe essere uno dei proprietari del quadro. L’opera sarebbe stata prelevata proprio dalla casa del critico d’arte a Ro Ferrarese e quindi consegnato a Montecarlo a una signora di Cagliari. Proprio questa donna avrebbe avuto il compito di piazzarla sul mercato internazionale. Quando Sgarbi è venuto a conoscenza del sequestro del quadro, ha fatto subito ricorso al tribunale del Riesame. L’udienza è fissata a luglio.

Le indagini sul “Concerto del bevitore” sono collegate a un’altra inchiesta per la quale Sgarbi rischia il processo. Il critico d’arte è accusato di avere certificato come autentiche 32 opere di Gino De Domicinis pur sapendo che si trattava di falsi. Per Sgarbi l’inchiesta è “una totale invenzione. La mia posizione precisa è che si tratta di capolavori di De Dominicis e li autentico come mi pare. L’argomento non esiste. Il collezionista che le ha comprate è straordinario, di falsi non ce n’è neanche uno. In ogni caso io ho fatto delle perizie per opere che ritengo vere”.

TAG: dipinto, Indagato, Vittorio Sgarbi
adv-868
Articoli Correlati