adv-79
<< EUROPA

La Commissione Europea ai social media: lotta contro la disinformazione dei vaccini

| 23 Febbraio 2021 | EUROPA

Le piattaforme online che hanno firmato il Codice di buone pratiche sulla disinformazione si sono impegnate in rapporti dedicati. “Nonostante gli sforzi, i numeri e gli esempi di disinformazione continuano a scioccare”, ha affermato il Vicepresidente per i valori e la trasparenza.

“La diplomazia dei vaccini è accompagnata da ondate di propaganda da parte di attori stranieri. Le piattaforme online svolgono un ruolo enorme nel nostro dibattito pubblico e devono adottare misure sostanziali per evitare che la disinformazione dannosa e pericolosa, sia interna che straniera, minacci la nostra comune lotta contro il virus, soprattutto quando si tratta di vaccinazioni.

“Stiamo vivendo un’emergenza sanitaria globale e le informazioni possono salvare vite umane”, ha aggiunto. “Possiamo avere successo solo unendo le forze. Abbiamo convenuto che la cooperazione deve essere rafforzata tra le autorità pubbliche e le piattaforme online al fine di identificare la disinformazione in un modo migliore e promuovere annunci sanitari da parte delle autorità “.

La questione sarà ulteriormente discussa con gli Stati membri martedì al Consiglio “Affari generali”, dove la lotta alla disinformazione è all’ordine del giorno.

A seguito della comunicazione congiunta del 10 giugno 2020 sulla lotta alla disinformazione del Covid-19, è stato creato il programma di rendicontazione mensile per garantire la responsabilità nei confronti del pubblico degli sforzi compiuti dalle piattaforme e dalle associazioni di settore pertinenti. Il prossimo lotto di rapporti verrà pubblicato entro questa settimana.

Le notizie false e la disinformazione, spesso alimentate da teorie del complotto, provocano esitazione nei confronti dei vaccini e possono mettere a repentaglio lo sforzo di vaccinare un numero sufficiente di persone per ottenere l’immunità di gruppo.

TAG: Commissione UE, coronavirus, social media
adv-469
Articoli Correlati