adv-517
<< EUROPA

UE al via libera all’accordo commerciale sulla Brexit

| 29 Dicembre 2020 | EUROPA

L’accordo commerciale e di cooperazione della Gran Bretagna con l’Unione europea ha fatto un passo avanti verso la ratifica dopo che gli ambasciatori dell’UE a Bruxelles lo hanno approvato all’unanimità. Entro le 13 di martedì, i 27 governi degli Stati membri accetteranno per iscritto di attuare l’accordo in via provvisoria a partire dal primo dell’anno, in attesa della ratifica da parte del Parlamento europeo poche settimane dopo.

I leader dei gruppi politici del parlamento hanno dichiarato lunedì che consulteranno la Commissione europea e gli Stati membri sull’estensione del controllo dei deputati sull’accordo oltre la fine di febbraio. Mercoledì, parlamentari e colleghi di Westminster discuteranno l’accordo con voti in entrambe le camere lo stesso giorno sulla legislazione per renderlo effettivo ai sensi della legge britannica.

Una “camera stellare” di avvocati incaricati dal Gruppo di ricerca europeo (ERG) dei conservatori Brexiteers di esaminare l’accordo darà il suo verdetto prima dell’inizio del dibattito di mercoledì. Ma un certo numero di intransigenti euroscettici hanno già segnalato la loro soddisfazione per la protezione dell’accordo della sovranità britannica.

“Questo accordo proposto esclude chiaramente qualsiasi futura giurisdizione o controllo da parte della Corte di giustizia europea sul Regno Unito”, ha detto l’ex ministro John Redwood.

“Poiché è importante proteggere la nostra sovranità da qualsiasi futuro tentativo di violazione da parte dell’UE che agisce in base a questo accordo, è anche fondamentale che ci sia una facile clausola di uscita. Questo era qualcosa per cui facevo pressioni. La disposizione finanziaria 8 intitolata “Risoluzione” offre un’uscita semplice e pulita. “

La disposizione stabilisce che ciascuna delle parti può risolvere il contratto con un preavviso di 12 mesi.

Boris Johnson ha parlato lunedì con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, dicendogli che ha accolto con favore l’accordo come un nuovo punto di partenza per le relazioni tra la Gran Bretagna e l’UE.

“Attendevamo con impazienza la ratifica formale dell’accordo e di lavorare insieme su priorità condivise, come affrontare il cambiamento climatico”, ha detto il primo ministro. 

Nelle ore successive al raggiungimento dell’accordo alla vigilia di Natale, i membri della squadra negoziale britannica si sono informati contro il capo negoziatore dell’UE Michel Barnier, che secondo loro era stato messo da parte dal presidente della Commissione Ursula von der Leyen.

In un’intervista con Le Figaro, il signor Barnier ha respinto la richiesta, dicendo che non era mai stato il suo ruolo negoziare con il primo ministro britannico e che il predecessore del dottor Von der Leyen, Jean-Claude Juncker, aveva anche svolto un ruolo più importante verso la fine dei colloqui sull’accordo di recesso.

Ha detto che i negoziati con la Gran Bretagna hanno persuaso i politici e gli elettori di altri paesi europei che lasciare l’UE non era una buona idea, aggiungendo che l’accordo avrebbe amplificato quel messaggio.

“Questi negoziati hanno rafforzato la convinzione di leader e cittadini che è meglio stare insieme piuttosto che da soli”, ha detto. 

“Ci sono vere differenze tra un paese membro e un paese terzo. Lo vedremo molto presto. “

Ha detto che l’accordo ha misure forti per garantire che la Gran Bretagna, che durante i recenti negoziati ha minacciato di rinnegare l’accordo di recesso, rispetti le regole.

“Dall’esperienza che abbiamo avuto abbiamo costruito le salvaguardie necessarie per garantire che ci sia un forte incentivo per entrambe le parti ad attenersi a ciò che hanno concordato”, ha detto.

TAG: Brexit, Bruxelles, UE
adv-727
Articoli Correlati