adv-814
<< REGIONE VENETO

Scende la curva dei contagi in Veneto ma resta alto il numero delle vittime

| 3 Dicembre 2020 | REGIONE VENETO

Sembra confermarsi in Veneto una tendenza ad una discesa dei contagi da Coronavirus rispetto ai picchi quotidiani di 3.500-4.000 casi della scorsa settimana. Oggi ne sono stati registrati 2.782 nelle ultime 24 ore, dato che porta il totale degli infetti a 150.909.

Ancora alto però il numero delle vittime, 69 più di ieri, per un numero complessivo di 3.887 morti tra ospedali e case di riposo. Sempre pesanti invece i dati sui ricoveri, che sono 2.754 (+48) in area non critica, e 340 (+10) in terapia intensiva. Forte calo invece dei soggetti attualmente positivi, che oggi sono 68.792, contro gli 80.997 di ieri (-12.205).

Il presidente regionale Luca Zaia attende intanto un segnale da parte del Governo nell’elaborazione del Dpcm di Natale. “Spero – ha detto ai giornalisti – che, mancando ancora poco più di 36 ore, arrivi un testo in modo da poter fare delle considerazioni. Ma ho l’impressione che ci sia un dibattito all’interno del Governo su alcune misure”.

adv-343

L’empasse, secondo Zaia, riguarderebbe i punti “sui ricongiungimenti familiari natalizi, sulla chiusura dei ristoranti il giorno di Natale, fermo restando – ha ribadito – che il ristorante ha adottato e ha investito per le linee guida e pertanto, in linea teorica, è la realtà più in regola. C’è poi il tema delle piste da sci e quello delle strutture ricettive delle località sciistiche, delle seconde case. Tutto fa pensare che il prossimo sarà un Dpcm centrale nella storia del Covid”.

Zaia ha quindi ricordato che da parte delle Regioni è partito un invito a guardare in prospettiva, “che si ragionasse su vari fronti come per la scuola, ad esempio. Ci vorrebbe un testo su cui ragionare. Comunque noi presidenti di Regione siamo a disposizione H24, come al solito”.

Altra considerazione ribadita è quella sul vaccino, su cui Zaia ha ripetuto di essere favorevole per la volontarietà “ma penso – ha precisato – che si arriverà a un ‘passaporto’ sanitario. Ci sono compagnie aeree che già dicono che i non vaccinati non potranno salire sui loro aerei. Ci sarà la necessità, dal punto di vista sociale, di aver fatto il vaccino.

Perché accadrà, inevitabilmente, che per l’accesso molti paesi chiederanno di aver dimostrato di essere vaccinati”, ha concluso.

Sul vaccino viene la sollecitazione del gruppo consiliare del Pd alla Regione ad avviare subito una capillare campagna di comunicazione per incentivare la popolazione a sottoporsi alla profilassi. “Il ministro Speranza – ha detto il capogruppo dem Giacomo Possamai – ha annunciato che le prime dosi arriveranno già a gennaio e saranno gratuite: non dobbiamo farci cogliere impreparati”.

TAG: #Regione Veneto, Luca Zaia, Natale, vaccino
adv-884
Articoli Correlati