adv-955
<< ESTERI

Boko Haram, nel nord-est della Nigeria, uccisi 110 civili

| 30 Novembre 2020 | ESTERI

I primi pedaggi indicano che almeno 43 persone sono state uccise nell’attacco di sabato avvenuto mentre i contadini nigeriani lavoravano nelle risaie nel villaggio di Kwashebe, vicino a Maiduguri, la capitale del volatile stato del Borno.

Gli aggressori hanno legato i braccianti agricoli e gli hanno tagliato la gola.

Edward Kallon, coordinatore umanitario delle Nazioni Unite in Nigeria, ha dichiarato domenica in una dichiarazione che “almeno 110 civili sono stati uccisi senza pietà e molti altri sono rimasti feriti in questo attacco”.

adv-216

“L’incidente è l’attacco diretto più violento contro civili innocenti quest’anno”, ha detto, aggiungendo, “chiedo che gli autori di questo atto atroce e insensato siano assicurati alla giustizia”. 

Kallon ha inoltre chiesto l’immediato rilascio e il ritorno in salvo di diverse donne, che secondo i rapporti potrebbero essere state rapite durante l’attacco.

Il leader della milizia Babakura Kolo ha detto: “Abbiamo recuperato 43 cadaveri, tutti massacrati, insieme ad altri sei con ferite gravi”.

“È senza dubbio il lavoro manuale di Boko Haram, che opera nella zona e spesso attacca gli agricoltori”, ha detto.

Nel frattempo, il governatore dello stato di Borno Babagana Umara Zulum, che domenica ha partecipato alla cerimonia di sepoltura dei 43 corpi recuperati nel vicino villaggio di Zabarmari, ha detto che il bilancio delle vittime potrebbe aumentare dopo la ripresa delle operazioni di ricerca.

Le vittime erano operai dello stato di Sokoto nel nord-ovest della Nigeria, a circa 1.000 chilometri di distanza, che si erano recati nel nord-est per trovare lavoro, ha detto Ibrahim Liman, una milizia locale che combatte i gruppi armati nella regione.

Il presidente nigeriano Muhammadu Buhari ha espresso le sue condoglianze alle famiglie delle vittime e ha condannato l’attacco, dicendo: “L’intero Paese è stato ferito da questi omicidi insensati”.

Il brutale massacro di sabato si è verificato quando gli elettori nigeriani si sono recati alle urne nelle elezioni locali nello Stato di Borno dopo che il voto era stato ripetutamente rinviato a causa dell’aumento degli attacchi da parte di Boko Haram e del ramo della provincia dell’Africa occidentale (ISWAP) del gruppo terroristico Daesh.

La Nigeria nord-orientale è stata devastata da anni di violenze che hanno coinvolto scontri tra comunità rivali per terra, attacchi di bande criminali pesantemente armate e uccisioni di rappresaglia da parte di gruppi di vigilanti.

Boko Haram e il ramo della provincia dell’Africa occidentale (ISWAP) del gruppo terroristico Daesh hanno preso di mira sempre più taglialegna, pastori e pescatori nella loro campagna violenta, accusandoli di spiare e passare informazioni ai militari e alle milizie locali che li combattono.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, più di 30.000 persone sono state uccise e quasi 3 milioni di sfollate in un decennio di violenza di Boko Haram in Nigeria.

La violenza di Boko Haram si è estesa ai paesi vicini di Ciad, Niger e Camerun, che hanno creato una forza militare congiunta per combattere i terroristi.

TAG: africa, Boko Haram, Nazioni Unite, terrorismo
adv-518
Articoli Correlati