adv-266
<< ATTUALITÀ

Un nome d’eccellenza per la sanità calabrese potrebbe essere il Prof. Gaetano Gargiulo

| 18 Novembre 2020 | ATTUALITÀ

Per la sanità calabrese, nel ruolo di Commissario ad acta, sempre se dovesse accettare, sarebbe l’uomo giusto al posto giusto. Mi permetto sommessamente di suggerire al Governo e al ministro Speranza il prof. Gaetano Gargiulo, calabrese di Siderno (RC), attuale direttore dell’U.O. di Cardiochirurgia Pediatrica e dell’Età Evolutiva del Policlinico S. Orsola-Malpighi di Bologna.

Il Prof. Gaetano D. Gargiulo, nato a Siderno Marina il 27 Maggio 1954, dopo aver completato gli studi  al Liceo Classico, ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Bologna e successivamente ha ottenuto il Diploma di Specialità in Cardioangiochirurgia,

Nel 1989 ha conseguito presso L’Università di Bologna il titolo di Dottore di Ricerca in: Metodologie di Ricerca Scientifico Sperimentali nelle discipline Chirurgiche Toraco-Cardiovascolari .

adv-61

Nel 1984 ha vinto a Milano il Premio De Gasperis-Donatelli  per la Cardiochirurgia.

Carriera

  • Chirurgien Attachè presso Hopital Laennec-Paris nel 1987
  • Dal 1989 Assistente presso l’Istituto di Cardiochirurgia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria  S.Orsola-Malpighi di Bologna
  • Dal 1994, responsabile dell’attività di Cardiochirurgia pediatrica presso l’Istituto di Cardiochirurgia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria  S.Orsola-Malpighi di Bologna
  • Dal 2002 , Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Cardiochirurgia Pediatrica e dell’ età evolutiva dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria  S.Orsola-Malpighi di Bologna
  • Dal 2005, Professore associato di  Cardiochirurgia presso l’Università degli Studi di Bologna
  • Dal 2011, Professore straordinario di Cardiochirurgia presso l’Università degli Studi di Bologna.
  • Dal 2014, Professore ordinario di Cardiochirurgia presso l’Università degli Studi di Bologna.
  • Dal 2016 Direttore ff della UO Chirurgia Toracica AOU S.Orsola-Malpighi- Bologna
  • Dal 2014 Direttore del DAI Cardio-Toraco-Vascolare AOU S.Orsola-Malpighi- Bologna
  • Direttore della Scuola di Specialità Cardiochirurgia Università degli Studi di Bologna
  • Direttore del Dottorato di Ricerca in Scienze Cardio-Nefro-Toraciche Università degli Stdudi di Bologna
  • Direttore del Master Universitario di Cardiologia e Cardiochirurgia Pediatrica

prof. Gaetano Gargiulo

Tra il 1990 ed il 2002 è stato ripetutamente all’ estero per stages presso gli ospedali:

Laennec , Università di Parigi

Necker,  Università di Parigi

Istituto do Coracao do Hospital das  Clinicas Facultade de Medicina de Universidade de Sao Paulo – Brasile (Brasile)

Istituto di Cardiochirurgia di Lovanio, Università di Bruxelles

Attività Didattica

Docente presso la scuola di Specializzazione in Cardiochirurgia  dell’Università di Bologna

Docente corso di perfezionamento in Cardiologia Pediatrica e della Età Evolutiva-Università di Bologna negli anni accademici compresi dal 1997 al 2002.

Docente al master di Cardiologia Pediatrica

Docente presso la scuola di Specializzazione in Pediatria dell’Università di Bologna

Titolare del Corso Elettivo di Cardiochirurgia Pediatrica , nel corso di Laurea in Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna

Dal 1985 ad oggi ha partecipato come relatore o come moderatore a numerosi congressi nazionali ed internazionali.

Produzione scientifica e di ricerca

La produzione scientifica, composta da più di 150 pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali, si inquadra prevalentemente nell’ambito della ricerca clinico-sperimentale e riflette il percorso formativo.

Il contributo scientifico riguarda soprattutto la parte clinico-assistenziale della chirurgia delle cardiopatie acquisite e  soprattutto delle cardiopatie congenite, con particolare riguardo alle tecniche chirurgiche ed ai risultati nel trattamento delle cardiopatie congenite nei bambini e nei neonati, alla problematica della sostituzione valvolare, mono-poli valvolare, sia in pazienti di età avanzata che in pazienti con anello valvolare di piccole dimensioni.

Inoltre altri campi di ricerca si possono individuare nella valutazione fisico-meccanica delle bioprotesi , nella caratterizzazione del pericardio come materiale biologico  di uso comune in cardiochirurgia , nella ricerca ed utilizzo di tecniche di protezione cerebrale durante arresto cardiocircolatorio ipotermico, di tecniche di ultrafiltrazione durante Circolazione extra-corporea e di tecniche di protezione miocardica neonatale.

Attività operatoria

Durante tutti questi anni  ha eseguito più di 6000 interventi cardiochirurgici con particolare interesse per:

Chirurgia delle Cardiopatie congenite  in età pediatrica, neonatale e nell’età evolutiva.

Ross operation

Trapianto Cardiaco

Chirurgia riparativa e sostitutiva delle valvole cardiache.

Chirurgia dell’aorta toracica

Chirurgia delle aritmie associate a cardiopatia congenita.

Chiusura del Dotto di Botallo nei prematuri di basso peso.

Impianto di elettrostimolatori in età pediatrica.

Nell’ambito della chirurgia delle cardiopatie congenite l’interesse è focalizzato sul trattamento chirurgico della Trasposizione semplice e complessa dei Grossi Vasi, dell’Ipoplasia del cuore sinistro, dell’Interruzione dell’arco aortico e sulla cura completa delle cardiopatie congenite in epoca neonatale.

Partecipazione a Società scientifiche

Attualmente è socio della:

Società Italiana di Cardiochirurgia

Società Italiana di Cardiologia pediatrica

European Association for Cardio-Thoracic Surgery

1996 al 2000 – Consigliere della Sezione Italiana di Cardiochirurgia pediatrica.

2002 al 2004 – Presidente della Sezione Italiana di Cardiochirurgia pediatrica.

Membro del Pediatric committee dell’EACTS.

Revisore:

  • The Journal of Heart Valve Disease
  • The European Journal Cardiothoracic Surgery
  • The Interactive CardioVascular and Thoracic Surgery
  • The Italian Heart Journal
  • Multimedia Manual of Cardio-Thoracic Surgery
  • Referee of MURST (Italian Ministery of University and Research) for national relevant projects
TAG: Calabria, covid, Gaetano Gargiulo, sanità
adv-625
Articoli Correlati