venerdì, Settembre 25, 2020
Home CULTURA Asimov: Tra Etica e Scienza Un ricordo a cent'anni dalla nascita

Asimov: Tra Etica e Scienza Un ricordo a cent’anni dalla nascita

-

La storia di Isaac Asimov, classe 1920, di famiglia umile ma operosa, ripercorre quella di tanti immigrati negli Stati Uniti dei primi anni ’20.

Con forza di determinazione e una curiosità insolita, porrà le basi per una produzione scientifica e Fanta – scientifica letteraria feconda, che troverà seguito nella critica non solo letteraria, ma anche in quella cinematografica e filosofica.

I suoi studi, che culminarono in una Laurea in chimica e, successivamente, in un Dottorato in Biochimica, consentirono al giovane di lavorare in ambito scientifico, quale ricercatore, affiancando, parallelamente, la carriera di scrittore.

Le sue opere di narratore coprono quasi mezzo secolo di attività. Sterminata la produzione: dai racconti, in età giovanile, a partire dalla fine degli anni ’30, fino a tutti gli anni 60, all’affermazione più matura negli anni a seguire, col Ciclo delle Fondazioni (1942 – 1949), cui faranno seguito altri tre volumi negli anni ’90, nella parte ultima della sua carriera di scrittore innovativo.

Il “Corpus” delle opere affronta il rapido sviluppo della tecnologia, delle conoscenze, della robotica, l’esplorazione dello Spazio, la colonizzazione di nuovi mondi e di…“nuove forme di vita e di civiltà… fino ad arrivare là, dove nessuno è mai giunto prima (Star Trek – Incipit)”.
Una prosa secca e lineare, a tratti arida, che gli causò polemiche da parte della critica letteraria.

Si giustificò dicendo che, ciò che scriveva, doveva essere comprensibile a tutti, tanto vasto e inesplorato il mondo di cui scriveva.

La sperimentazione e la creazione di nuovi modelli scientifici (robot, computer, mezzi di trasporto) viene sganciata dal semplice assemblaggio meccanico.

Tale prosa introduce il concetto che la macchina possa diventare un essere senziente, o, meglio, acquisire scientemente una sua personalità, per quanto in maniera verginale, non riconoscendo ancora il proprio “sé” in una dimensione che risulta embrionale, primitiva.

Questa la teoria innovativa di Asimov, rispetto ai suoi precursori che vedevano nell’invenzione, nel artefatto meccanico, un mero servitore di ciò che lo aveva creato.

Il Robot, come rappresentato nelle pellicole cinematografiche, che tenta un approccio col “Creatore”, talora confuso, talaltra aggressivo e imprevedibile.

L’imprevedibilità dell’invenzione umana, la possibilità di un approccio “Inventante – Inventato”, la rivolta del essere creato, i dubbi dello scienziato.

Il carattere saliente della produzione letteraria delinea un mondo inevitabilmente destinato a progredire e, nelle more dell’autore, ciò rappresenta un indiscutibile progresso per il mondo e per l’uomo, il prezzo qui rappresenta l’incognita di straordinaria attualità.

Una società che, attraverso la tecnologia, è più libera, meno gravata da compiti ordinari, assistita nelle esigenze primarie e non solo.

A fronte, pero, di tale “benessere”, Asimov individua nelle macchine, nei Robot, nei costrutti scientifici, “entità che possono o potrebbero essere senzienti, dotati di un’embrionale personalità”, qui si vuole ribadire.

E come tali, provare sentimenti, emozioni di gioia, rabbia amore, desiderio. “E’ assurdo impiegare gli uomini di intelligenza eccellente per fare calcoli che potrebbe essere affidati a chiunque se si usassero macchine (Leibnitz, Citazioni e Aforismi).”

Questa citazione, apparentemente sopita nel tempo, ci induce a riflettere come in soli trecento anni di Storia gli accadimenti umani abbiano avuto un così veloce sviluppo.
Molti sono i motivi per leggere o rileggere Asimov, Autore non ad esclusivo uso degli gli appassionati del genere.

Si possono sfogliare le pagine di un buon romanzo, che una nota casa editrice non fa mancare ai suoi fedeli lettori da oltre mezzo secolo, od affrontare, vivendo le avventure dei personaggi, una riflessione su ciò che oggi, nel mondo del digitale “ad ogni costo”, vale la pena di valorizzare maggiormente nella vita di tutti i giorni rispetto ad altre necessità.

4,104FansLike
1,171FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Caso camici: pm, diffuso coinvolgimento di Fontana

0
C'è "il diffuso coinvolgimento di Fontana in ordine alla vicenda relativa alle mascherine e ai camici accompagnato dalla parimenti evidente volontà di evitare di...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...