mercoledì, Agosto 12, 2020
Home EUROPA Il kosovaro Thaci nega di aver commesso crimini di guerra

Il kosovaro Thaci nega di aver commesso crimini di guerra

-

Domenica il presidente del Kosovo ha dichiarato che andrà all’AIA per dimostrare ai pubblici ministeri che indagano su crimini di guerra presumibilmente commessi durante e dopo il conflitto armato del Kosovo tra il 1997 e il 1999 tra i etnie separatiste albanesi e la Serbia di non aver infranto le leggi internazionali durante la guerra.

Hashim Thaci ha parlato con la televisione privata Top Channel all’aeroporto internazionale di Madre Teresa Tirana prima di partire per essere interrogato dai pubblici ministeri lunedì.

Le Camere degli specialisti del Kosovo e la Procura della Repubblica, un tribunale dell’Aia con personale internazionale che opera secondo la legge del Kosovo, è incaricato di esaminare le accuse secondo cui membri dell’esercito di liberazione del Kosovo, che stava combattendo per l’indipendenza, ha commesso crimini di guerra e crimini contro l’umanità. 

Thaci, comandante dell’UCK, è stato menzionato nell’accusa insieme all’ex oratore dell’assemblea del Kosovo Kadri Veseli e ad alcuni altri non menzionati per nome. Entrambi hanno negato la responsabilità per i crimini di guerra.

“È vero che abbiamo violato le leggi del regime di Slobodan Milosevic e per questo sono orgoglioso delle persone e degli individui”, ha affermato Thaci. “Ma non ho violato nessuna legge internazionale in nessun caso.”

L’accusa li accusa di essere criminalmente responsabili di quasi 100 omicidi di oppositori politici serbi, rom e kosovari albanesi, nonché di sparizioni forzate, persecuzioni e torture.

Un giudice preliminare non ha preso una decisione sull’opportunità o meno di procedere con il caso.

I combattimenti in Kosovo hanno lasciato oltre 10.000 morti, la maggior parte dei quali di etnia albanese. Si è conclusa dopo una campagna aerea della NATO di 78 giorni nel 1999 che ha costretto le truppe serbe a fermare la loro brutale repressione contro gli etnici albanesi e lasciare il Kosovo.

Il Kosovo ha dichiarato l’indipendenza dalla Serbia nel 2008, una mossa che la Serbia rifiuta di riconoscere.

“Nessuno può riscrivere la storia. Il Kosovo è una vittima. Genocidio e pulizia etnica si sono verificati in Kosovo, ma stiamo affrontando una nuova situazione e pagando il prezzo della libertà”, ha affermato. 


close







close






4,100FansLike
1,175FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Joe Biden sceglie Kamala Harris come vicepresidente

0
Il candidato alla presidenza democratica Joe Biden ha ufficialmente scelto la senatrice della California Kamala Harris come vicepresidente. Harris, che si è candidata alla presidenza,...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...