giovedì, Agosto 13, 2020
Home CRONACA La frana nella miniera di giada del Myanmar uccide 162 persone

La frana nella miniera di giada del Myanmar uccide 162 persone

-

Almeno 162 persone sono state uccise giovedì in una frana in una miniera di giada nel Myanmar settentrionale, la peggiore di una serie di incidenti mortali in tali siti negli ultimi anni che i critici danno la colpa all’incapacità del governo di agire contro condizioni non sicure.

Il dipartimento dei vigili del fuoco del Myanmar, che coordina i soccorsi e altri servizi di emergenza, ha annunciato circa 12 ore dopo il disastro mattutino che 162 corpi erano stati recuperati dalla frana di Hpakant, il centro dell’industria mineraria di giada più grande e redditizia del mondo.

La stima più dettagliata dell’industria della giada del Myanmar ha dichiarato che nel 2014 ha generato circa 31 miliardi di dollari. Hpakant è un’area ruvida e remota nello stato di Kachin, 950 chilometri a nord della più grande città del Myanmar, Yangon.

“I minatori di giada sono stati soffocati da un’ondata di fango”, hanno detto i vigili del fuoco.

Hanno riferito che 54 feriti sono stati portati negli ospedali. I pedaggi annunciati da altre agenzie statali e dai media sono rimasti indietro rispetto all’agenzia dei pompieri, che è stata maggiormente coinvolta. Si teme che manchi un numero sconosciuto di persone.

Coloro che prendevano parte alle operazioni di recupero, che erano stati sospesi dopo il tramonto, includevano l’esercito e altre unità governative e volontari locali.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha espresso profonda tristezza per le morti, ha inviato le proprie condoglianze alle famiglie delle vittime e al governo e alla gente del Myanmar.

Gutteres ha ribadito “la prontezza delle Nazioni Unite a contribuire agli sforzi in corso per soddisfare le esigenze della popolazione colpita”, ha detto il suo portavoce, Stephane Dujarric.

Il guardiano ambientale con sede a Londra, Global Witness, ha affermato che l’incidente “è una denuncia accusa del fallimento del governo nel frenare le pratiche di estrazione spericolate e irresponsabili nelle miniere di giada dello stato di Kachin”.

“Il governo dovrebbe immediatamente sospendere l’estrazione su larga scala, illegale e pericolosa a Hpakant e garantire che le aziende che si impegnano in queste pratiche non siano più in grado di operare”, ha dichiarato Global Witness in una nota.

Nel luogo della tragedia, una folla riunita sotto la pioggia intorno ai cadaveri avvolti in fogli di plastica blu e rossa disposti in fila sul terreno.

I soccorritori hanno dovuto scavare nel fango pesante per recuperare i corpi avvolgendoli nei fogli di plastica, che venivano poi appesi su pali di legno incrociati sulle spalle delle squadre di recupero.

Gli attivisti sociali si sono lamentati del fatto che la redditività dell’estrazione della giada ha portato le imprese e il governo a trascurare l’applicazione di normative già molto deboli nel settore dell’estrazione della giada.

“Il settore multi-miliardario è dominato da potenti compagnie militari collegate, gruppi armati e compari che sono stati autorizzati a operare senza efficaci controlli sociali e ambientali per anni”, ha dichiarato Global Witness. Sebbene l’esercito non sia più direttamente al potere in Myanmar, è ancora una forza importante nel governo ed esercita l’autorità in regioni remote.

Il bilancio delle vittime di giovedì supera quello di un incidente avvenuto nel novembre 2015 che ha causato 113 morti ed è stato precedentemente considerato il peggiore del Paese.

In quel caso, le vittime morirono quando una montagna di terra di 60 metri di altezza e i rifiuti scartati da diverse miniere caddero nel mezzo della notte, coprendo più di 70 capanne dove dormivano i minatori.

Le persone uccise in tali incidenti sono di solito minatori indipendenti che si stabiliscono vicino a tumuli giganti di terra scartata che è stata scavata da macchinari pesanti. I liberi professionisti che cercano pezzi di giada di solito lavorano e vivono in pozzi minerari abbandonati alla base dei tumuli di terra, che diventano particolarmente instabili durante la stagione delle piogge.

La maggior parte degli spazzini sono migranti non registrati provenienti da altre aree, il che rende difficile determinare con esattezza quante persone siano effettivamente disperse dopo tali incidenti e in molti casi lasciando i parenti dei morti nei loro villaggi di origine ignari del loro destino.

Global Witness, che indaga sull’uso improprio delle entrate provenienti dalle risorse naturali, ha documentato la stima di 31 miliardi di dollari per l’industria della giada del Myanmar in un rapporto del 2015 secondo cui la maggior parte della ricchezza andava a persone e società legate agli ex governanti militari del paese. Cifre affidabili più recenti non sono prontamente disponibili.

Diceva al momento della pubblicazione del rapporto che l’eredità della popolazione locale di tali accordi commerciali “è un deserto distopico in cui decine di persone alla volta sono sepolte vive in frane”.

Nella sua dichiarazione di giovedì, Global Witness ha incolpato il governo civile del partito della Lega nazionale per la democrazia di Aung San Suu Kyi, che è salito al potere nel 2016, per non essere riuscito a “attuare riforme disperatamente necessarie, consentendo alle pratiche di estrazione mortale di continuare e giocare le vite dei vulnerabili lavoratori nelle miniere di giada del paese”.

L’estrazione della giada svolge anche un ruolo nella decennale lotta dei gruppi di minoranze etniche nei confini del Myanmar per assumere un maggiore controllo del proprio destino.

L’area in cui i membri della minoranza di Kachin sono dominanti è la povertà malgrado ospitano depositi redditizi di rubini e giada.

I Kachin credono di non ottenere una buona parte dei profitti dagli accordi che il governo centrale fa con le compagnie minerarie.

I guerriglieri Kachin si sono impegnati in combattimenti intermittenti ma occasionalmente pesanti con truppe governative.


close







close






4,100FansLike
1,175FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Joe Biden sceglie Kamala Harris come vicepresidente

0
Il candidato alla presidenza democratica Joe Biden ha ufficialmente scelto la senatrice della California Kamala Harris come vicepresidente. Harris, che si è candidata alla presidenza,...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...