adv-901
<< EUROPA

Nuove manifestazioni in tutto il mondo contro la violenza della polizia

| 14 Giugno 2020 | EUROPA

Migliaia di persone hanno manifestato sabato a denunciare il razzismo e la violenza della polizia a Parigi e in diverse città francesi, nonché in Svizzera, Australia e Londra, dove la manifestazione ha avuto luogo in un’atmosfera tesa di fronte ad attivisti di estrema destra.

L’omicidio negli Stati Uniti di George Floyd, un 40enne nero asfissiato il 25 maggio a Minneapolis da un poliziotto bianco, ha spinto la folla a scendere in piazza per chiedere la fine della violenza della polizia e delle disuguaglianze razziali.

A Parigi, la polizia ha sparato gas lacrimogeni dopo aver ricevuto alcuni proiettili durante una manifestazione di diverse migliaia di persone – 15.000 secondo il quartier generale della polizia – in Place de la République.

adv-417

I manifestanti avevano programmato di marciare verso Place de l’Opéra, ma la parata non autorizzata è stata fermata dalla polizia.

Allo stesso tempo, il Consiglio di Stato, il più alto tribunale amministrativo francese, ha annunciato la revoca del divieto di riunire più di dieci persone, imposto nel quadro dello stato di emergenza sanitaria, ripristinando la libertà di manifestare rispettando le “misure di barriera”.

Durante la manifestazione, su chiamata del comitato Adama Traoré, giovane uomo di colore che è morto nel luglio 2016 dopo il suo arresto da parte dei gendarmi nella regione di Parigi, sua sorella Assa Traoré ha chiamato a “denunciare la negazione della giustizia”, ​​”violenza sociale, razziale, polizia”.

Tra la folla, molti giovani indossavano una maglietta nera affollata dalla richiesta portata avanti per quattro anni dalla famiglia Traoré: “Giustizia”. “Fino a quando non avremo giustizia, non avrai pace.”

“Sono qui non solo per Adama, ma contro tutta la violenza della polizia. Per me, la polizia è lì per mantenere l’ordine, non per abusare dei propri doveri. Sfortunatamente, spesso lo fanno”, ha detto N’guessan Dylan, 19 anni anni, laureato in giurisprudenza.

Il 2 giugno, il comitato Adama aveva mobilitato 20.000 persone a Parigi. Il suo discorso si è allargato, dalla denuncia della violenza poliziesca a quella del “razzismo sistemico”, trovando un’eco dopo la morte di George Floyd.

Altre sfilate hanno avuto luogo in tutta la Francia, come a Bordeaux, Nantes o Lione.

Nel centro di Londra, diverse centinaia di manifestanti antirazzisti si sono radunati in un’atmosfera tesa, mentre attivisti di estrema destra si sono radunati vicino al parlamento attorno a statue intenzionati a proteggerle.

Retwittando un video di manifestanti di estrema destra che attaccano la polizia, il ministro degli Interni Priti Patel ha denunciato “violenza assolutamente inaccettabile” e ha invitato i manifestanti a tornare a casa per fermare la diffusione del nuovo coronavirus.

Sebbene il movimento Black Lives Matter abbia annullato la prevista manifestazione nel centro della capitale, diverse centinaia di persone si sono radunate a Hyde Park prima di andare in parlamento. 

La polizia britannica li ha esortati a seguire un percorso specifico e disperdersi alle per evitare il rischio di scontri con attivisti di estrema destra.

L’associazione antirazzista “Hope Not Hate” aveva avvertito che diversi gruppi di tifosi delle società calcistiche stavano progettando di partecipare, così come i membri di movimenti di estrema destra come la Gran Bretagna First, stavano progettando di riunirsi per difendere monumenti come la statua dell’ex primo ministro Winston Churchill, vicino al parlamento, si è degradato a margine delle manifestazioni contro il razzismo lo scorso fine settimana.

L’iscrizione “era un razzista” era etichettata sotto il nome del famoso leader conservatore, accusato di aver fatto osservazioni razziste, in particolare contro gli indiani.

Il ministro degli Interni ha chiesto che la statua di Churchill, riparata in una scatola di metallo, fosse di nuovo visibile. “Dovremmo rilasciare Churchill, un eroe della nostra nazione che ha combattuto il fascismo e il razzismo in questo paese e in Europa”, ha detto al Daily Mail sabato.

Migliaia di manifestanti in Svizzera hanno contestato il divieto di raccolta di oltre 300 persone per impedire la diffusione di Covid-19. Ce n’erano più di 10.000 nel centro di Zurigo, per lo più vestiti di nero, sventolando striscioni che proclamavano “Black Lives Matter” e “Anche il razzismo è una pandemia”.

Diverse migliaia di persone hanno anche partecipato a una manifestazione pacifica non autorizzata a Berna al di fuori del governo svizzero e degli edifici del parlamento nella capitale.

In Australia, migliaia di manifestanti hanno marciato sabato contro il razzismo in diverse città, tra cui Perth, nonostante l’avvertimento delle autorità che la nuova pandemia di coronavirus possa riprendere a causa delle manifestazioni.

TAG: antirazzismo, estrema destra, George Floyd, manifestanti, UE
adv-696
Articoli Correlati