La minaccia di Trump di schierare militari solleva lo spettro del fascismo

Il presidente ha suggerito che gli Stati Uniti potrebbero usare truppe contro gli americani

717

“Quando il fascismo arriverà in America, sarà avvolto nella bandiera e con in mano una croce”, prosegue spesso una linea citata di origine incerta.

Lunedì sera, Donald Trump, con quattro bandiere americane alle spalle, ha minacciato di inviare i militari contro il popolo americano, quindi ha attraversato la strada per posare per una foto fuori da una chiesa storica mentre stringeva una Bibbia.

È stato in grado di arrivarci solo dopo che la polizia pesantemente armata e le guardie nazionali montate a cavallo hanno sparato lacrimogeni e proiettili di gomma per scacciare pacifici manifestanti e giornalisti.

Il momento scioccante dello schermo diviso probabilmente ha lasciato milioni di americani scossi, spaventati e indignati. Il confronto con i dittatori, alla moda durante l’ascesa politica di Trump, è caduto in disgrazia negli ultimi anni. Ora potrebbero essere in attesa di un ritorno. Certamente i migliori democratici non si sono tirati indietro.

Ron Wyden, senatore democratico dell’Oregon, ha twittato: “Il discorso fascista Donald Trump ha appena pronunciato una dichiarazione di guerra contro i cittadini americani. Temo per il nostro paese stasera e non smetterò di difendere l’America dall’assalto di Trump.”

Kamala Harris, senatore democratico per la California, ha dichiarato alla rete MSNBC: “Queste non sono le parole di un presidente. Sono le parole di un dittatore.”

Il discorso di Trump ha seminato paura e incertezza, non da ultimo a causa della sua vaghezza. Legalmente, avrebbe dovuto invocare l’Insurrection Act del 1807 per le truppe di servizio attivo per condurre le forze dell’ordine sul suolo americano, ma non sembra averlo ancora fatto.

È possibile che, per ora, lo stia usando come una minaccia per forzare la mano dei governatori statali a chiamare più truppe dalla guardia nazionale, proprio come ha usato il Defense Production Act per spingere le aziende a fabbricare ventilatori per le persone ammalate di coronavirus. 

Politicamente, dovrebbe affrontare intense critiche da parte dei democratici, ma probabilmente presume che, come sempre, i repubblicani rimarranno a stretto contatto con lui. Lunedì sera c’erano pochi segni di dissenso all’interno della sua stessa festa.

Lo sviluppo allarmante ha concluso giorni di speculazioni su come il presidente, già sopraffatto dalla pandemia di coronavirus, potesse rispondere ai disordini civili più diffusi in America in oltre mezzo secolo.

I rapporti dei media hanno suggerito accesi dibattiti tra i funzionari della Casa Bianca sull’opportunità o meno di Trump di fornire un indirizzo ovale. Alla fine, c’era un vincitore familiare: Trump stesso.

La coreografia delle sue osservazioni nel roseto della Casa Bianca e i manifestanti maltrattati appena fuori è stato un momento fatto per la televisione nel periodo delle notizie serali. Trump rimane un impresario della realtà.

L’oscurità del suo tono era anche fedele al suo istinto. Le sue tendenze autoritarie includono l’amore per le parate militari, il suo nome negli edifici, l’assunzione di membri della famiglia, la messa in scena di manifestazioni populiste, il rimprovero dei media e la minaccia di “bloccare” gli avversari politici. Cresce nei conflitti.

Era chiaro che quelli che consigliavano un corso moderato avevano perso. Domenica il sito web Axios ha riferito che i consiglieri all’interno e all’esterno della Casa Bianca lo hanno supplicato di frenare esplosioni di divisione che hanno minacciato di ferirlo all’urna con elettori indipendenti e donne di periferia.

Il rapporto di Axios chiamato Hope Hicks, un aiutante di vecchia data che è tornato alla Casa Bianca a febbraio dalla Fox Corporation, esprime preoccupazione per un tweet nelle prime ore di venerdì in cui Trump ha usato una frase storicamente carica: “Quando inizia il saccheggio, le riprese iniziano.”

Hicks riferisce a Jared Kushner, consigliere senior di Trump e marito di sua figlia Ivanka. Si pensa che la coppia sia tra quelle che spingono il presidente a esercitare moderazione.

“È Jared Kushner, ma probabilmente è Jared che canalizza sua moglie, che non vuole dare a suo padre cattive notizie o sfidare suo padre, quindi lo sta facendo fare a Jared”, ha detto Rich Galen, ex segretario stampa di Dan Quayle, un ex- vicepresidente.

Ma c’era un problema fondamentale, aggiunse Galeno. “Non puoi dire niente al presidente perché non ascolterà e, anche se finge di ascoltare, se ne andrà e farà comunque quello che vuole.”

All’inizio della sua presidenza, Trump era circondato da figure militari, tra cui il capo dello staff John Kelly e il consigliere per la sicurezza nazionale HR McMaster, che avrebbero potuto trovare il modo di contrastare la sua posizione da uomo forte. Ora tali guardrail sono spariti e la cerchia interna del presidente è conforme. 

Chris Whipple, autore di The Gatekeepers: In che modo i capi di stato maggiore della Casa Bianca definiscono ogni presidenza, ha dichiarato: “Questo è qualcuno che non ha mai autorizzato nessuno a dirgli ciò che non vuole sentire e il risultato è un completo fallimento della leadership. È chiaro che non ha più un capo dello staff della Casa Bianca funzionante.”

“Non c’è nessuno che possa entrare nell’Ufficio Ovale, chiudere la porta e dirgli verità vere. Ha la presidenza che ha sempre desiderato, che è una presidenza di attivisti e sicofanti e persone che non oseranno dirgli di cosa ha bisogno per ascoltare, e quindi stiamo vedendo i risultati”, ha detto Whipple.

Influenzato da Fox News, Trump è libero di essere se stesso puramente e, per molti osservatori, non potrebbe esserci nulla di più allarmante nell’attuale crisi.

Se può andare così lontano, quanto può andare oltre?

Joe Lockhart, ex segretario alla stampa della Casa Bianca, ha twittato lunedì sera: “Ho vissuto attraverso MLK e Bobby assassinato, le nostre città in fiamme, Watergate, l’11 settembre e altre tragedie nazionali. Non sono mai stato così spaventato per il nostro paese come lo sono stanotte. Trump deve andare via ora.”

close