In tutto il mondo quasi un miliardo di persone sono contagiate

188

Un miliardo di persone potrebbe essere infettato dal coronavirus in tutto il mondo a meno che i paesi vulnerabili non ricevano un aiuto urgente. 

L’International Rescue Committee (IRC) ha affermato che sono necessari aiuti finanziari e umanitari per aiutare a rallentare la diffusione globale del virus. I “paesi fragili” come l’Afghanistan e la Siria hanno bisogno di “finanziamenti urgenti” per evitare un grave pandemia. “Rimane una piccola finestra di tempo per avviare una risposta concreta”, ha avvertito.

Ci sono stati più di tre milioni di casi confermati di Covid-19 in tutto il mondo con oltre 200.000 morti, secondo la Johns Hopkins University negli Stati Uniti. Il rapporto dell’IRC, basato su modelli e dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dell’Imperial College di Londra, ha stimato che potrebbero esserci tra i 500 milioni e il miliardo di infezioni a livello globale.

Ha anche affermato che potrebbero esserci più di tre milioni di morti in decine di paesi instabili e colpiti dal conflitto. “Questi numeri dovrebbero servire da sveglia”, ha detto il capo dell’IRC, David Miliband.

“Il peso pieno, devastante e sproporzionato di questa pandemia deve ancora essere sentito nei paesi più fragili e devastati dalla guerra del mondo”, ha aggiunto. “La chiave ora è che i donatori mettano urgentemente fondi flessibili dietro gli sforzi in prima linea. I governi devono lavorare insieme per rimuovere qualsiasi ostacolo all’assistenza umanitaria”.

Il gruppo con sede negli Stati Uniti, che risponde alle crisi umanitarie in tutto il mondo, ha affermato che fattori come la dimensione della famiglia, la densità di popolazione, la capacità di assistenza sanitaria e conflitti preesistenti potrebbero aumentare il rischio di gravi epidemie.

Molti paesi in via di sviluppo hanno bassi tassi ufficiali di infezione o numero di morti, ma si ritiene che il numero reale sia molto più alto.

Caroline Seguin, che gestisce programmi in Yemen per l’ente benefico Medici senza frontiere (MSF), ha affermato che l’organizzazione credeva che le persone fossero già morte per Covid 19, ma non negli ospedali.

“Siamo convinti che sia in corso la trasmissione locale, ma la capacità dei test è molto, molto bassa”, ha dichiarato. Seguin afferma che lo Yemen, a cui si riferisce il rapporto IRC come particolarmente vulnerabile al coronavirus, è stato indebolito dai recenti focolai di colera e morbillo. “Il sistema sanitario sta crollando e sicuramente il ministero della salute non è in grado di far fronte a questa malattia”, ha concluso.

Un grave problema per i paesi in via di sviluppo o instabili è la mancanza di attrezzature mediche adeguate per il trattamento di pazienti con Covid-19.

In Afghanistan e Pakistan, ci sono meno di dieci ventilatori per ogni milione di persone. In Nigeria, questa cifra è ancora più netta con 0,8 ventilatori per milione.

Per contesto, l’Italia, che ha uno dei più alti tassi di mortalità per virus al mondo, aveva 80 ventilatori per milione di persone all’inizio della crisi.

close