fbpx
adv-616
<< EUROPA

Covid-19: 140.000 morti, sospetti occidentali sull’origine del virus

| 17 Aprile 2020 | EUROPA

La pandemia di Covid-19 ha varcato una nuova soglia giovedì, con oltre 140.000 morti in tutto il mondo, e i paesi occidentali, sospettano che la Cina abbia informazioni nascoste sull’origine del virus.

Nel tentativo di frenare la corsa al coronavirus, circa 4,4 miliardi di persone, quasi il 57% della popolazione mondiale, sono attualmente confinati in stato di emergenza costretti dalle loro autorità a rimanere in casa. E questo pesa pesantemente sull’economia mondiale.

Divise tra imperativi sanitari e l’urgenza di ridurre al minimo i costi per l’occupazione o la crescita, le autorità si stanno muovendo verso il deconfinamento in ordine sparso. Dopo la Francia e la Germania, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump deve rivelare il suo piano per riavviare la più grande economia del mondo.

adv-312

Con oltre 650.000 casi identificati e 32.000 morti, gli Stati Uniti sono la nuova linea del fronte. Con interi periodi dell’economia inattiva, oltre 22 milioni di persone si sono registrate come disoccupate nelle ultime quattro settimane.

Ma è l’Europa, dove il numero totale di vittime si avvicina a 100.000 morti, che paga il prezzo più pesante. Nonostante “segnali incoraggianti”, il continente rimane “nell’occhio del ciclone” e non deve “abbassare la guardia” ha avvertito l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Dalla sua comparsa nella metropoli cinese di Wuhan a dicembre, la malattia ha contagiato oltre due milioni di persone in tutto il mondo, metà delle quali in Europa.

La sua origine è stata oggetto di intense speculazioni. “Stiamo conducendo un’indagine completa su tutto ciò che possiamo imparare su come questo virus si è diffuso, infettando tutto il mondo”, ha dichiarato il ministro degli Esteri americano Mike Pompeo.

“Ci sono ovviamente cose che sono successe e che non sappiamo”, ha dichiarato il presidente francese Emmanuel Macron, in un’intervista. Il Regno Unito ha anche avvertito la Cina che dovrebbe rispondere a “domande difficili sull’insorgenza del virus.

Si ritiene che il nuovo coronavirus sia apparso in un mercato all’aperto a Wuhan dove venivano venduti animali esotici vivi. Di origine animale e vicino a un virus presente nei pipistrelli, avrebbe potuto essere trasmesso all’uomo.

Ma i media americani hanno aperto un’altra strada. Secondo l’Ambasciata degli Stati Uniti a Pechino ha avvertito Washington due anni fa di insufficienti misure di sicurezza in un laboratorio locale che studiava i coronavirus nei pipistrelli.

E l’attuale coronavirus emanerebbe da questo laboratorio, anche se in realtà è un virus naturale – e non un agente patogeno creato dai cinesi – e che la sua “perdita” sarebbe involontaria, protocolli di sicurezza errati.

Un portavoce della diplomazia cinese, Zhao Lijian, ha respinto le accuse. “Molti rinomati esperti medici in tutto il mondo credono che l’ipotesi di una presunta perdita non abbia basi scientifiche”, ha affermato. L’amministrazione Trump ha ripetutamente denunciato la mancanza di trasparenza della Cina, o addirittura un’operazione di “occultamento” di Pechino sulla gravità del virus.

Discutendo sul rallentamento dei ricoveri e dei ricoveri in terapia intensiva, diversi paesi europei hanno iniziato a elaborare i loro piani di deconfinamento e persino ad allentare alcune misure.

La Svizzera ha annunciato giovedì un deconfinamento “progressivo” dal 27 aprile, mentre la Germania prevede di riaprire presto alcuni negozi e, dal 4 maggio, tutte le scuole.

Mercoledì, quasi la metà degli scolari in Danimarca è tornata in classe. L’Austria ha riaperto le sue piccole attività non essenziali martedì e l’Italia, il secondo paese più colpito al mondo con oltre 21.000 morti, ha riaperto alcuni negozi.

In Spagna (oltre 19.000 morti), alcuni impiegati sono tornati al lavoro. Tuttavia, il confinamento dovrebbe essere esteso oltre il 25 aprile. La Francia, che deplora quasi 18.000 morti, sta anche preparando il suo piano di progressivo deconfinamento dall’11 maggio, con tuttavia domande sulla riapertura delle scuole, sollevate dai sindacati degli insegnanti.

Ma l’OMS ha sottolineato che “i deboli segnali positivi osservati in alcuni paesi” europei “sono stati attenuati da cifre costanti e aumentate in altri, tra cui Regno Unito, Turchia, Ucraina, Bielorussia e Federazione dalla Russia”.

In effetti, nel Regno Unito sono state registrate ulteriori 861 morti nel corso delle ultime 24 ore (circa 14.000 morti in totale) e il governo ha deciso di estendere il blocco “per almeno tre settimane”.

La Russia batte ogni giorno nuovi record di infezione (27.938 malati e 232 morti), mentre i moscoviti non rispettano il parto. Il presidente Vladimir Putin decise di rimandare la grande parata militare del 9 maggio, un’alta massa patriottica che celebrava la vittoria sulla Germania nazista nel 1945. “I rischi legati all’epidemia sono ancora estremamente elevati”, ha riconosciuto.

Negli Stati Uniti, Donald Trump intende rilanciare la macchina economica il più rapidamente possibile e deve presentare la sua tabella di marcia. Secondo i media americani, prevede una riapertura graduale in tre fasi.

“Riapriremo gli stati, alcuni stati molto prima di altri. Alcuni stati potrebbero effettivamente aprirsi prima della scadenza del 1 maggio”, ha detto il presidente del miliardario, affermando che gli Stati Uniti probabilmente avevano “superato il picco”. “nuovi casi.

New York, la capitale economica del paese, la più colpita, rimarrà confinata per almeno un altro mese, ha già detto il suo governatore, preoccupato per una liberazione troppo affrettata di vigilanza.

Nella metropoli, le cremazioni sono più che raddoppiate e le sepolture sono quintuplicate. Green-Wood, il suo più grande cimitero, ha raggiunto il limite delle sue capacità. Ancora più tragico: diciassette corpi accatastati furono scoperti nell’obitorio di una vicina casa di riposo del New Jersey.

In Brasile, dove gli ospedali sono sull’orlo della saturazione, la crisi sanitaria è stata accompagnata da una crisi politica: il presidente Jair Bolsonaro ha licenziato il suo popolare ministro della sanità, con il quale non è assolutamente d’accordo sui mezzi per affrontare la pandemia.

I leader dei paesi del G7 si sono impegnati giovedì, durante una riunione di videoconferenza, a lavorare insieme per riaprire le loro economie paralizzate dalla pandemia. Gran parte delle loro discussioni “si sono concentrate sulla mancanza di trasparenza e sulla sistematica cattiva gestione della pandemia da parte dell’OMS”, ha affermato l’esecutivo americano in una nota.

Washington accusa l’OMS di essersi allineato con le posizioni cinesi e ha sospeso i fondi americani dall’agenzia delle Nazioni Unite per la sua “cattiva gestione” dell’epidemia.

Il mercato mondiale del petrolio sta soffrendo di “uno shock storico, brutale, estremo e planetario”, secondo l’OPEC, che prevede un crollo “storico” della domanda mondiale di petrolio nel 2020.

TAG: #COVID19, Nazioni Unite, Oms, UE, USA
adv-828
Articoli Correlati