fbpx
adv-311
<< EUROPA

L’UE esorta Erdogan a rispettare l’accordo sui migranti

| 10 Marzo 2020 | EUROPA
Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, il presidente della Commissione Ursula von der Leyen, presidente turco Tayyip Erdogan

I leader dell’UE hanno esortato Ankara a rispettare i termini di un accordo per rimuovere i migranti dai confini europei in una conversazione “schietta” con il presidente turco Erdogan, che è andato a Bruxelles per chiedere sostegno.

Dopo la discussione è emersa una certa tensione, poiché Recep Tayyip Erdogan ha scelto di andare direttamente all’aeroporto anziché tenere una conferenza stampa con il presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, e quello del Consiglio europeo, Charles Michel. “È chiaro che abbiamo i nostri disaccordi, ma abbiamo parlato francamente. È stata una bella conversazione”, ha dichiarato Von der Leyen.

Charles Michel ha invitato la Turchia a “rispettare gli impegni” derivanti dall’accordo UE-Turchia del marzo 2016, che prevede che i migranti rimangano in Turchia, in cambio di aiuti finanziari europei.

adv-693

Tuttavia il leader turco, che chiede un maggiore sostegno di fronte alla situazione in Siria, ha deciso di aprire le sue frontiere al passaggio di migranti e rifugiati per fare pressione sui paesi europei.

Migliaia di migranti, che stanno provando ad aderire all’Unione, da allora si sono radunati al confine tra Grecia e Turchia. Il presidente turco, che aveva affermato al suo arrivo a Bruxelles che voleva “portare le relazioni tra Europa e Turchia a un livello molto più forte”, non ha parlato dopo l’incontro.

“Supporto concreto”

Erdogan e i due leader europei hanno incaricato il ministro degli esteri dell’UE Josep Borrell e il suo omologo turco Mevlut Cavusoglu di “chiarire l’attuazione dell’accordo” UE-Turchia “per essere certi” che entrambe le parti hanno” la stessa interpretazione”, ha detto Michel. “È positivo che le linee di comunicazione con la Turchia rimangano aperte e attive”, ha insistito Von der Leyen, per la quale l’accordo del 2016 è “ancora in vigore”.

Ankara considera tuttavia insufficienti gli aiuti concessi per l’assistenza di quattro milioni di migranti e rifugiati, principalmente siriani, che ospita da anni. Su 6 miliardi di euro di aiuti previsti, 4,7 miliardi sono stati impegnati, di cui 3,2 miliardi sono già stati erogati, secondo la Commissione europea.

Prima di questo incontro, Erdogan ha incontrato il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, al quale ha chiesto maggiore aiuto nel conflitto in Siria e di fronte ai milioni di rifugiati generati dai combattimenti. “La NATO è in un processo critico in cui deve mostrare chiaramente la sua solidarietà”, ha affermato Erdogan in una conferenza stampa. Questo “supporto concreto” deve manifestarsi “senza discriminazione” e senza “condizioni politiche”, ha aggiunto.

Il turco ha anche formulato aspre osservazioni sul governo greco del primo ministro Kyriakos Mitsotakis, che ha ricevuto 700 milioni di euro da Bruxelles per proteggere i suoi confini e gestire i nuovi arrivati. “È irrazionale e sconsiderato che un alleato e un paese vicino designino la Turchia responsabile dell’immigrazione clandestina”, ha affermato.

“Irrazionale”

Da parte sua, Stoltenberg ha reso omaggio alla Turchia, rilevando che “nessun altro alleato ha sofferto tanto degli attacchi terroristici” e “non detiene il numero di rifugiati”. Assicurando ad Ankara il sostegno della NATO, ha anche espresso la sua “grande preoccupazione” per gli eventi al confine tra Grecia e Turchia.

Dopo la crisi del 2015-2016 per la quale l’UE aveva messo a punto soluzioni temporanee per la ricollocazione dei migranti, la riforma delle norme in materia di asilo in Europa si è fermata. Lunedì Von der Leyen ha dichiarato che la Commissione pubblicherà una nuova proposta “subito dopo Pasqua”.

Da Berlino, il governo tedesco ha annunciato che una coalizione di paesi “volontari” (tra cui, oltre a Germania, Francia, Portogallo, Lussemburgo e Finlandia) dell’UE intende sostenere fino a 1.500 bambini migranti bloccati sulle isole greche.

L’offensiva del regime siriano, sostenuta da Mosca, contro la provincia nordoccidentale di Idleb, l’ultima roccaforte ribelle in Siria, ha causato una catastrofe umanitaria, con quasi un milione di sfollati. Più di 1.700 sono arrivati ​​sulle isole greche, oltre ai 38.000 già presenti che hanno sovraffollato i campi profughi.

TAG: Bruxelles, guerra di Siria, Mosca, Recep Tayyip Erdogan, rifugiati, UE, Ursula von der Leyen
adv-619
Articoli Correlati