Glifosato e cocaina: la prossima guerra alla droga in Colombia?

357
coltivazione di coca

Pedro Arenas ha paura che prendano di nuovo il volo. “Mi aspetto che potrebbe essere entro i prossimi mesi”, dice. Dalla fine dello scorso anno, nove aerei antincendio AT-802 sono stati dispiegati in tutto il paese. Ma la loro missione non è spegnere gli incendi.

Gli aerei stanno cercando di eliminare un problema che ha causato spargimenti di sangue in Colombia per decenni: la cocaina. Gli aerei sono carichi del controverso erbicida glifosato. Secondo i media colombiani, quasi 800 barili di sostanze chimiche sono in stock da un produttore cinese.

Arenas combatte per i diritti delle persone in aree remote della Colombia e ha anche un’esperienza politica al suo attivo. In precedenza Arenas era un membro del parlamento di Bogotà e sindaco della sua città natale, San Jose de Guaviare, che si trova ai piedi delle Ande orientali in Colombia. Oltre il monte è dove presto inizia la terra di nessuno: nessuna città, quasi nessuna strada ma e ettari di coca. L’ultima cosa che Arenas vuole per la regione è il ritorno degli aeroplani.

Privato di mezzi di sussistenza

Per Arenas, l’erbicida è il simbolo di una brutale battaglia contro la droga. Quando la prima offensiva del glifosato iniziò nel 1994, aveva 23 anni. Piantaggine, yuca, mais – molte importanti colture furono distrutte in quel momento. “Alcuni dei miei amici più cari hanno dovuto lasciare la loro proprietà perché non avevano più un sostentamento”, ha dichiarato Arenas in un’intervista. C’era anche un numero impressionante di malattie. Ma nessuno aveva documentato seriamente i casi. 

In Europa, l’uso del glifosato ha innescato un dibattito sul futuro dell’agricoltura. Negli Stati Uniti, quasi 50.000 azioni legali sono attualmente in corso contro la Monsanto, una consociata del colosso chimico tedesco Bayer che fabbrica il prodotto con il nome commerciale Roundup.

L’anno 2015 ha segnato una svolta in Colombia. L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha classificato il glifosato come “probabilmente cancerogeno”. La risposta della Colombia fu di fermare la fumigazione aerea. 

Nell’accordo di pace tra guerriglieri delle FARC e governo, un anno dopo fu concordato un nuovo approccio alla coltivazione della coca: meno scontro, più cooperazione. Gli agricoltori dovevano estrarre loro stessi le piante di coca e coloro che avevano accesso ai mercati locali potevano partecipare ai programmi di sostituzione della coca.

Coltivazione di coca a livelli record

Ma questo approccio cooperativo non ha funzionato finora. “La Colombia è ancora ai massimi livelli di coltivazione della coca da quando il conteggio è iniziato nel 2011”, ha dichiarato Pierre Lapaque, rappresentante delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine in Colombia, quando ha presentato i dati relativi alla coltivazione lo scorso anno. Mentre le aree coltivate a coca sono leggermente diminuite, la produzione di cocaina è comunque aumentata.

Ciò è evidente anche in Europa. Le autorità affermano che non è mai stato sequestrato così tanta – e così pura – cocaina. La battaglia per ogni grammo è combattuta lontano dalle scintillanti città di New York, Berlino e Parigi; la vera lotta è nelle remote aree della Colombia, dove la criminalità organizzata crea lo stato di avanzamento.

Ma da allora il presidente conservatore Ivan Duque ha assunto l’incarico, il che significa che un avversario all’accordo di pace ribelle è colui che determina la via da seguire. Lo sforzo di eludere l’accordo potrebbe essere uno dei motivi per cui lo stato finora non ha avuto un impatto in aree molto remote. È qui, in particolare, dice Arenas, che la coca viene coltivata molto più di prima.

Elizabeth Dickinson dell’organizzazione Crisis Group, in risposta a un’indagine di DW sul fatto che il programma di coltivazione della coca di sussistenza della Colombia sia in crisi, ha affermato che l’autorità responsabile è sottofinanziata e sta pagando un risarcimento agli agricoltori per l’eradicazione delle piante con un lungo ritardo. “Ciò mette le famiglie e le comunità in grave pericolo economico e le rende vulnerabili alle nuove pressioni delle economie illecite che stanno cercando di scappare”, ha dichiarato Dickinson, esperto di Colombia.

Glifosato

“Buoni numeri per Trump”

Era solo questione di tempo prima che Duque rispedisse gli aerei in aria. “Il governo sembra deciso a farlo nel tentativo di ridurre il numero di coca”, ha detto Dickinson – e il leader colombiano sta ottenendo un vento di coda dalla Casa Bianca.

“Bene, dovrai spruzzare. Se non spruzzerai, non ti libererai di loro. Quindi devi spruzzare, per quanto riguarda le droghe in Colombia”, ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump questa settimana quando il presidente della Colombia ha visitato la Casa Bianca.

“Gli Stati Uniti sono uno dei maggiori donatori al governo colombiano e le forze armate dei due paesi lavorano a stretto contatto. Bogotà non può permettersi letteralmente di perdere il sostegno di Washington“. – ha detto Dickinson.

Arenas vede un calcolo politico dietro il potenziale uso del glifosato: “Quindi il nostro presidente ha delle buone cifre per Trump”, lo dice riferendosi ai livelli di coltivazione della coca. L’offensiva della fumigazione aerea a metà degli anni ’90 ha anche ridotto la superficie coltivata a breve termine. Alcuni anni dopo, tuttavia, era tornato a un livello record.

Conflitto sociale temuto

La possibilità di riprendere l’applicazione di erbicidi lascia le persone vicine alla questione preoccupata per il suo potenziale sociale distruttivo.

“Fumigazione crea nuove dinamiche di violenza e distruzione ambientale che esacerbano piuttosto che ridurre i conflitti”, ha detto Dickinson. Se la nebulizzazione riprenderà, “le persone nelle comunità remote perderanno completamente la fiducia nelle istituzioni e nel processo di pace”, ritiene Arenas.

Ha ancora potenti alleati. La corte costituzionale colombiana ha imposto norme rigorose al presidente per l’uso del glifosato. Ciò significa che le comunità devono anche concordare la fumigazione aerea. Arenas teme che Duque possa scavalcare questo. “Se gli aerei decollano, faremo appello alle massime autorità”, ha concluso.