lunedì, Agosto 10, 2020
Home ESTERI Il governo francese offre un compromesso nel tentativo di porre fine allo...

Il governo francese offre un compromesso nel tentativo di porre fine allo sciopero dei trasporti

-

Il governo francese ha proposto un compromesso per porre fine al paralizzante sciopero dei trasporti contro la riforma delle pensioni, con un’offerta di ritiro di una proposta chiave sull’innalzamento dell’età pensionabile di cui i sindacati hanno accolto con favore l’annuncio.

L’ouverture del primo ministro Edouard Philippe è arrivata quando i manifestanti hanno distrutto le vetrine e gli scontri con la polizia di Parigi, con l’arresto dei trasporti contro la revisione delle pensioni alla sua sesta settimana. “Sono disposto a ritirare dal disegno di legge la misura a breve termine che avevo proposto”, ha dichiarato Philippe, offrendo di eliminare l’iniziativa più contestata che avrebbe in effetti portato l’età pensionabile di due anni.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha salutato il piano come “un compromesso costruttivo e responsabile”. Il rigido sindacato CGT, che ha assunto un ruolo guida nell’azione di sciopero, ha rapidamente versato acqua fredda sull’offerta del governo, definendo la proposta di compromesso “una cortina fumogena per convincere alcuni sindacati a firmare” alla riforma generale.

I sindacati CFDT e UNSA più moderati hanno accolto con favore l’offerta di Philippe, il che significa che il governo potrebbe riuscire a dividere i sindacati sulle riforme. Un organo inter-sindacale che include la CGT e altri compagni di linea dura, tra gli altri, ha richiesto la settimana prossima un nuovo giorno di proteste.

La mossa del governo è arrivata un giorno dopo l’incontro con i sindacati nel tentativo di porre fine all’azione sindacale che ha frustrato i pendolari di Parigi, ha rovinato i piani di viaggio delle vacanze di dicembre e tagliato le linee di fondo degli affari. I manifestanti nella capitale, alcuni mascherati e incappucciati, hanno rotto le vetrine dei negozi durante la protesta di sabato, hanno dato fuoco e lanciato proiettili contro la polizia in tenuta antisommossa che ha risposto con gas lacrimogeni.

Macron e Philippe
French President Emmanuel Macron and Prime Minister Edouard Philippe in Paris France

Diversi negozi sono stati saccheggiati mentre i manifestanti brandivano bandiere sindacali e cantavano con aria di sfida: “Siamo ancora qui!” e “Macron dimettersi”. Le proteste si sono svolte anche a Marsiglia, Tolosa, Lione, Nantes e altrove. Il ministero degli interni ha dichiarato che 149.000 persone si sono riversate nelle strade di tutta la Francia. La CGT ha calcolato la cifra complessiva a mezzo milione, dicendo che in 150.000 hanno marciato solo a Parigi.

In una delle riforme di Macron, il governo cerca di fondere 42 regimi pensionistici esistenti in un unico sistema basato su punti che sarà più equo e più trasparente, ma i sindacati temono che milioni di lavoratori lavoreranno più a lungo con un pensionamento più basso. Particolarmente irritante è stata la proposta di imporre “l’età del pivot”, 64 anni, che le persone avrebbero dovuto lavorare fino a qualificarsi per una pensione completa – due anni oltre l’età pensionabile ufficiale: contribuisci di più o lavora più a lungo.

Venerdì Macron ha affermato che affinché il sistema pensionistico rimanga redditizio poiché un numero crescente di pensionati vive sempre più a lungo, “o si deve contribuire di più o si deve accettare di lavorare un po ‘più a lungo”, insistendo nel dire che non vuole vedere pensioni abbassate. Il governo ha affermato che “l’età del pivot” risparmierebbe 5 miliardi di euro entro il 2023 e circa 11 miliardi di euro entro il 2026. Philippe ha affermato che il concetto di “età dell’equilibrio” rimarrebbe parte delle riforme, sebbene non abbia chiarito cosa significhi.

Il premier ha anche annunciato che ci sarà una conferenza, come richiesto dai leader sindacali, per studiare le modalità di finanziamento del sistema pensionistico, che deve presentare proposte entro la fine di aprile. Se avrà successo, i parlamentari saranno in grado di elaborare le proposte risultanti nel progetto di legge sulla riforma delle pensioni che il governo spera di presentare al parlamento entro il 17 febbraio.

Se fallisce, il governo prenderà le “misure necessarie per raggiungere l’equilibrio” nel sistema entro il 2027, ha avvertito il primo ministro.  Nel 38 esimo giorno dello sciopero, alcuni erano stufi. “Ne abbiamo avuto abbastanza”, ha detto all’agente immobiliare Christophe Delvallee, 65 anni, alla stazione ferroviaria di Aulnay-sous-Bois, fuori Parigi. “È passato un mese e mezzo. Queste sono persone con molti vantaggi e occupazioni garantite per la vita e che stanno rendendo la vita difficile per il resto di noi.” Il suo tragitto giornaliero di 75 minuti al lavoro ora impiega fino a 2,5 ore. 

Il pendolarismo è diventato un mal di testa quotidiano per molti, con servizi ferroviari e le linee della metropolitana di Parigi ridotte di nuovo sabato, e il numero di treni regionali e interurbani è stato ridotto.

L’operatore ferroviario parigino RATP ha dichiarato dopo l’annuncio di Philippe sabato che tutti i treni metropolitani e suburbani viaggeranno domenica, pur offrendo comunque solo un servizio parziale. La maggior parte dei lavoratori delle ferrovie sono allineati alla CGT. L’Opera di Parigi, che sabato avrebbe lanciato la sua nuova stagione ufficiale, ha annullato la sua esibizione del Barbiere di Siviglia a causa della continua partecipazione dei lavoratori dell’opera allo sciopero.


close







close






4,100FansLike
1,173FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Di Stefano, la gaffe e la risposta

0
​​Dopo aver confuso il Libano con la Libia, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano affida ad una chat su Telegram una sarcastica risposta: "WOW,...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...