fbpx
adv-494
<< ESTERI

Iraq: i dimostranti si sono ritirati dall’area dell’ambasciata americana

| 2 Gennaio 2020 | ESTERI
ambasciara americana a Baghdad

I manifestanti iraniani hanno lasciato mercoledì le vicinanze dell’ambasciata americana a Baghdad per ordine dei paramilitari di Hashd al-Shaabi, ponendo fine a un episodio di violenza che ha scatenato in un attacco senza precedenti all’ambasciata.

Nonostante la violenza a Baghdad sia cessata, continua l’escalation tra l’Iran e gli Stati Uniti, il Paese nemico e le due potenze attive in Iraq. Il presidente Donald Trump ha minacciato di far pagare all’Iran un “prezzo alto” per aver “orchestrato” l’attacco alla sua ambasciata di martedì, e Teheran ha convocato il rappresentante svizzero responsabile degli interessi statunitensi in Iran.

Credendo che il “messaggio” dei manifestanti fosse stato “ascoltato”, il potente Hashd ha invitato i suoi sostenitori a spostare il loro sit-in al di fuori della Zona Verde ultra-sicura di Baghdad, dove si trova l’ambasciata degli Stati Uniti.

adv-524

Alcuni manifestanti hanno immediatamente smantellato le tende allestite il giorno precedente per un sit-in, dopo il loro attacco all’ambasciata per denunciare le incursioni americane su basi di una fazione pro-Iran che ha causato la morte di 25 persone.

“Abbiamo avuto un grande successo: siamo arrivati fino all’ambasciata americana quando nessuno l’aveva mai fatto prima”, e ora “la palla è nelle mani del Parlamento”, ha detto Mohammed Mohieddine, portavoce delle brigate Hezbollah prese di mira dagli aerei americani domenica.

Washington ha annunciato che le attività consolari dell’ambasciata sono state sospese “fino a nuovo ordine”, consigliando ai cittadini statunitensi residenti in Iraq di stare lontani dall’edificio. Il capo della diplomazia statunitense Mike Pompeo ha annunciato che rinvierà un tour in Ucraina, Bielorussia, Kazakistan e Cipro per “monitorare la situazione” in Iraq.

In una telefonata al primo ministro iracheno Adel Abdel Mahdi, ha “preso atto” delle misure adottate dalle autorità irachene dopo l’attacco e ha insistito sull’obbligo del governo iracheno di prevenire ulteriori attacchi all’ambasciata americana, secondo il portavoce del Dipartimento di Stato Morgan Ortagus. Questo atto di forza di Hashd ha riacceso a Washington lo spettro di due eventi traumatici nelle loro ambasciate, a Teheran nel 1979 e a Bengasi in Libia nel 2012.

Perdita di autorità

A Baghdad, i funzionari filo-iraniani vogliono raccogliere le firme in Parlamento per denunciare l’accordo di cooperazione irachenoamericano che autorizza la presenza di 5.200 soldati americani sul suolo iracheno.

Integrato nelle forze regolari dopo aver combattuto al fianco del governo contro i jihadisti, Hashd ha guadagnato in consensi, spinto dal suo padrino iraniano che ha preso il vantaggio in Iraq contro Washington.

Martedì, migliaia di suoi sostenitori hanno marciato nella Zona Verde contro le incursioni degli Stati Uniti nell’Iraq occidentale. I dimostranti hanno poi sequestrato dei montoni di fortuna e distrutto le finestre e gli impianti di sicurezza dell’ambasciata americana.

In nessun momento le forze irachene a guardia degli ingressi della Zona Verde hanno interferito. Alle porte dell’ambasciata hanno cercato di fermare la violenza, senza successo. “Non abbiamo ordini, abbiamo perso ogni autorità”, ha detto un membro delle forze speciali irachene responsabili della protezione della Zona Verde, che è stata isolata dopo le violenze. Il lancio di pietre e molotov all’ambasciata è cessato nel pomeriggio dopo l’arrivo della temuta forza di sicurezza Hashd.

Il dispiegamento di unità d’elite irachene antiterrorismo non aveva fatto piegare i manifestanti. Al mattino, le forze americane dell’ambasciata avevano sparato granate lacrimogene per disperdere la folla. I filo-iraniani sono riusciti a issare un enorme cartello sopra l’ingresso principale dell’ambasciata che proclamava “Direzione di Hashd al-Shaabi”. E gli ingressi dell’ambasciata sono stati coperti con bandiere bianche di Hashd e bandiere gialle della brigata Hezbollah.

L’attacco all’ambasciata, i raid americani e i razzi che li hanno preceduti contro le strutture che ospitano gli americani, fanno temere che l’animosità iraniana-americana possa diventare un conflitto aperto in Iraq, un alleato degli Stati Uniti e dell’Iran.

Teheran ha convocato l’incaricato d’affari svizzero per protestare contro il “guerrafondaio” americano. Il leader supremo Ali Khamenei ha risposto al presidente Trump: “Non c’è niente che tu possa fare. Questo non ha niente a che vedere con l’Iran”.

Mentre Trump ha detto di non aspettarsi una guerra con Teheran, Washington ha dispiegato altre 750 truppe in Medio Oriente, “molto probabilmente” da inviare in Iraq più tardi, secondo un funzionario americano.

Dal suo ritiro dall’Iraq nel 2011, dopo otto anni di occupazione, gli Stati Uniti hanno perso in gran parte la loro influenza nel Paese. Il sistema politico che aveva installato è ora sommerso da Teheran.

Lo testimoniano i graffiti sui muri dell’ambasciata americana: “No all’America” e “Soleimani è il mio leader”, in riferimento al potente generale iraniano Qassem Soleimani, che presiede i negoziati per formare il futuro governo iracheno.

TAG: ambasciata americana, attacco, guerra dell'Iraq, Iran, USA
adv-159
Articoli Correlati